Categorie
Eventi

Gli alunni della 5^ B della scuola Fundrisi si ritrovano dopo 40 anni

Si ritrovano dopo 40 anni insieme alla loro maestra. Sono gli alunni della quinta B della scuola elementare Fundrisi dell’anno scolastico 1979/80 e che nella serata di venerdì 28 febbraio si sono ritrovati in un noto ristorante di Enna insieme alla loro maestra di allora Elsa Giunta. Una serata dove sono venuti a galla tanti ricordi e bei momenti di quegli anni molto spensierati e con l’impegno di ripetere nei prossimi anni questa esperienza. Ecco i nomi degli alunni della 5 B.: Giusy Gagliano, Rosamaria Balistreri, Rita Panassidi, Angelina Piazza, Sabrina Di Venti, Elena Varelli, Anna Maria Debole, Rosa Freschi, Fabrizio Andolina, Giuseppe Benintende, Rosario Lunetta, Salvatore Argento, Adriano Truscia, Salvatore Perna e Mario Balistreri. La maestra Elsa Giunta.

Visite: 151
Categorie
Eventi

Da Termini Imerese a Santiago de Compostela, per festeggiare l’anno santo giacobeo del 2021

Da Termini Imerese a Santiago de Compostela, per festeggiare l’anno santo giacobeo del 2021
Tripudio e gioia dal quartier generale dei Maestri infioratori termitani una delle più solide e longeve realtà siciliane – dopo quella di Noto – e tra le più attive nell’Isola per la notizia della partecipazione alle iniziative legate al progetto mondiale per l’anno santo giacobeo del 2021, a Santiago de Compostela, in onore del Santo apostolo.
Più di centotrenta località di diciotto paesi al mondo, tra cui anche una trentina di città italiane, partecipano al progetto mondiale per essere presenti a Santiago de Compostela con la propria arte, il 25 luglio, giorno di San Giacomo Apostolo, nel 2021.
E tra queste la rappresentanza siciliana di Termini Imerese.
Una gigantesca macchina organizzativa messa in piedi per promuovere il giubileo di san Giacomo con un comitato – con sede a Ponteareas in Galizia, Spagna – denominato “Comisión Gestora de Entidades Alfombristas del Camino de Santiago” del quale fanno parte infioratori ed artisti che realizzano tappeti di fiori in tutto il mondo. Il comitato ha come obiettivo principale quello di creare e partecipare a tutte le attività volte alla diffusione e alla promozione del Camino de Santiago e del patrimonio materiale e immateriale ad esso collegato, valorizzandone la ricchezza culturale, naturale ed umana.
In programma due progetti per l’Anno Santo: il primo chiamato “Tappeti per il Cammino” dove partecipano solo artisti nei luoghi di ciascuna delle strade che convergono a Santiago de Compostela e consiste nella realizzazione di tappeti effimeri e devozionali in diversi materiali naturali, da gennaio a giugno del 2021, per concludere con un altro tappeto, il 24-25 luglio nella piazza Santiago di Obradoiro. Il secondo sarà il “Tappeto Mondiale”, tra il 24 e il 25 luglio 2021, dedicato al Cammino de Santiago a cui parteciperanno tutti gli artisti e volontari integrati nel comitato che vogliano elaborare un tappeto in un posto emblematico nella loro stessa città o paese. Il disegno sarà comune in ognuna di queste località seguendo la propria tecnica e il proprio stile, con dimensioni ed uso dei materiali naturali che preferiscono.
“Un onore e una gioia immensi – afferma Salvatore Chierchiaro, presidente dell’associazione Madonna delle Grazie e Maestri Infioratori di Termini Imerese – che siamo chiamati a rappresentare la nostra città e la Sicilia in un contesto così intriso di fede e di storia. Rivolgo fin da subito i miei ringraziamenti per l’infaticabile lavoro dell’equipe che sta lavorando alacremente per esprimere il meglio della nostra capacità artistica”.
Tutti i dettagli e il programma dell’iniziativa sono reperibili sul sito www.infioratatermitana.it.

Visite: 26
Categorie
Eventi

A Bagheria, continua la rassegna "Cene al Desco"

A Bagheria, continua la rassegna “Cene al Desco” con il secondo appuntamento a cena, che da forma alla rassegna enogastronomica ideata dall’enogastronoma Sabrina Gianforte presso Villa Oltremare resort. Una rassegna gastronomica dedicata ai quattro elementi della natura . Fuoco, Aria, Acqua, Terra saranno i temi ispiratori, per ogni cena che lo Chef Giuseppe Inzerillo. Ospite il Pastry Chef Giovanni La Rosa.
Un percorso pensato per presentare al pubblico la cucina dell’Osteria D’Arte “ Il Desco” che si trova all’interno del nuovo Boutique hotel VillaOltreMare resort.
La rassegna “Cene al Desco” continua venerdì 28 Febbraio e il!6 e 13 Marzo ogni venerdì per gli appassionati del mangiar bene, conosceranno attraverso un percorso ideato dall’enogastronoma Sabrina Gianforte, già prefetto AIGS accademia italiana di gastronomia storica.

Visite: 38
Categorie
Eventi

Nasce “Progetto Felicità”, il nuovo gruppo gratuito del “guru dei social network”. Video e consigli per prendere in mano la propria vita.

Nasce “Progetto Felicità”, il nuovo gruppo gratuito del “guru dei social network”. Video e consigli per prendere in mano la propria vita.
Lo hanno chiamato “il guru dei social network”, ma è una definizione che lui non ama perché quel che fa è dettato dalla semplicità che gli è da sempre propria. Una semplicità che gli ha fatto cambiare vita, portandolo dal “favoloso” ma (superficiale) mondo dello spettacolo a quello profondo della formazione.
E si, perché Vito Brusca viene proprio da quel mondo che molti guardano con ammirazione, ma che non sempre è così dorato come sembra. Lui, però, ha spesso cercato di offrire le sue prestazioni artistiche a spettacoli di beneficienza e/o raccolta fondi.
Oggi Brusca è docente, formatore e coach, ma anche fondatore dei brand Apri La Mente, Visionary Tour, Networker Pro (prima vera accademia del network marketing Off – Line) e Digital Marketers Pro.
«Ho avuto una vita veramente difficile – racconta lui stesso – e, se non fosse stato per le competenze acquisite grazie alla formazione e alla crescita personale, non so come sarei riuscito a superare tutto. Adesso amo usarle per aiutare gli altri».
Ecco che, proprio per questo motivo, da uno dei suoi tanti post su Facebook, nasce “Progetto Felicità”, uno dei pochi – forse addirittura “il primo” gruppo social – nel quale lui stesso, in collaborazione con altri coach che vorranno dare il loro contributo, crea un percorso formativo gratuito mirato a migliorare la vita delle persone. Un nome che già, solo a leggerlo, ti fa venire voglia di farne parte.
«Chiaramente il miglioramento non sarà alla portata di tutti – prosegue – ma solo di tutti coloro che lo vorranno veramente perché, per raggiungere degli obiettivi, occorrono tanti sacrifici. Occorre soprattutto compiere azioni che in pochi sono disposti a fare».
Andando a curiosare vediamo che “Progetto Felicità” inizialmente a molti sembra il “classico” gruppo motivazionale nel quale tutti gli iscritti possono scrivere o leggere post banali legati alla felicità. Brusca, però, spiega da subito che tutto ciò che gira intorno alla sola motivazione, senza reali competenze, è paragonabile a una droga che da solo un risultato momentaneo.
Oltre che “guru”, poi, Brusca non sopporta quando lo definiscono un “motivatore”, affermando di essere tutto il contrario, ossia un demotivatore perché «se una persona non ha realmente voglia di cambiare, io non posso fare nulla per aiutarla: non puoi aiutare chi non vuole essere aiutato, tirerebbe al fondo anche te!. L’ho provato sulla mia pelle, facendomi anche tanto male…».
Tutto chiaro, dunque, siamo davanti a un vero percorso formativo, con tanto di video giornalieri, post e una live a settimana, all’interno del quale gli iscritti possono interagire con lui e con gli altri coach, ponendo le proprie domande e soprattutto mostrando i risultati che otterranno, per poi vederli pubblicati in un’apposita sezione “testimonianze”.
Importante ricordare che è assolutamente gratuito, dietro non ci sono secondi fini e nessuna azienda sponsorizza servizi o altro.

Visite: 61
Categorie
Eventi

DALL’OLIMPO DELLA MUSICA MONDIALE AL TEMPIO DELL’ELETTRONICA AL MOB DISCO THEATRE ARRIVA WADE

DALL’OLIMPO DELLA MUSICA MONDIALE AL TEMPIO DELL’ELETTRONICA
AL MOB DISCO THEATRE ARRIVA WADE
Sarà il dj internazionale maestro della musica tech e deep house il protagonista del primo evento internazionale del nuovo anno alla discoteca di Carini. Per l’evento firmato Unlocked in consolle anche Daniele Travali
PALERMO – È il protagonista delle feste più belle del mondo, il principino della musica tech e deep house. Sabato 29 febbraio, a partire dalle ore 23, Wade salirà in consolle al Mob Disco Theatre per il primo evento internazionale del nuovo anno firmato Unlocked. L’artista, che ha mosso i primi passi nel mondo della musica elettronica nel 2011 e che oggi anima i più prestigiosi dancefloor mondiali, è un gradito ritorno della scena musicale siciliana.
Già ospite alla scorsa edizione dell’Unlocked Music Festival Musica e Legalità al Velodromo e al Fabrik di Agrigento dove ha registrato il tutto esaurito, in questo sabato bisestile Wade promette di non deludere le aspettative anche nella discoteca di Carini. Conosciuto all’anagrafe come Juan Carlos Cruz Lopez, nell’arte di Wade s’incontrano tech house e dub techno con alcuni tocchi old school e percussioni brillanti. I suoi brani infatti sono caratterizzati da basse frequenze. La sua musica ha fatto il giro dell’Europa e nel 2018 è entrato a far parte del Beatport Tech-House top100 per ben 24 volte.
Insieme a Wade sul palco ci sarà anche Daniele Travali, noto dj palermitano dallo stile tech-house con influenze latine. Giovane promessa delle consolle, ha girato il mondo portando la sua musica tra l’Italia, la Spagna, la Germania, la Russia e gli Emirati Arabi Uniti. I suoi brani sono stati pubblicati su Zoo Lab, Nopreset, Roush label, Materialism e ha già firmato con altre due importanti etichette come Oblack e Nonstop. Prima di Wade, Travali ha suonato insieme a star nazionali e internazionali come Paul Kalkbrenner, Richie Hawtin, Solomun, Jamie Jones, Loco Dice, Joseph Capriati e molti altri.
Il ticket al botteghino costa 20 euro per gli uomini e 15 euro per le donne. I biglietti, oltre che al botteghino, possono essere acquistati online (early bird 15 euro – sia uomo che donna – secondo release uomo 20 euro e donna 15). È possibile inoltre prenotare un tavolo nel privèe (tra bar privèe, terrazza, bar consolle, backstage o consolle) e anche raggiungere il Mob in pullman. La partenza è prevista alle ore 21.30 dalla Esso di Bagheria, alle 21.45 dalla Rotonda di Villabate, alle 21.50 dal Lucky Bar di Bonagia, alle 22 dalla Stazione Centrale, alle 22.10 dall’Università e infine alle ore 22.30 da piazzale Giotto. Il ritorno è previsto intorno alle ore 4. Il costo è di 10 euro andata e ritorno.

Visite: 33
Categorie
Eventi

Interris.it; "Io, italiana a Wuhan, vi spiego perché sono rimasta in Cina"

“Io, italiana a Wuhan, vi spiego perché sono rimasta in Cina”
A Interris.it, la veterinaria Sara Platto racconta i suoi 33 giorni di isolamento in casa e cosa l’ha spinta a non rientrare in Italia
GIACOMO GALEAZZI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Cittadino di Wuhan in bicicletta su una strada deserta
Cittadino di Wuhan in bicicletta su una strada deserta
F
ede e ragione. Preghiere e raziocinio scientifico. Sono i due piani del racconto che la veterinaria Sara Platto, ultima italiana rimasta a Wuhan, affida a Interris.it. Nelle sue parole un legame solidissimo unisce razionalità e devozione. A partire dalla più intima radice: quella familiare. “Provengo da una famiglia profondamente cattolica”, spiega.
Com’è l’emergenza coronavirus in Italia vista da Wuhan?
“Gli italiani si stanno spaventando a causa dell’allarmismo alimentato in modo irresponsabile dalla grande maggioranza dei mass media. Sono indignata per questo comportamento realmente inqualificabile”.
Quali sono stati a suo parere gli effetti?
“Il sistema Italia, nel suo insieme, ha perso un mese di tempo criticando la crisi per la gestione dell’epidemia invece di prepararsi alla gestione di un’emergenza che sarebbe evidentemente arrivata”.
Come si vive nell’epicentro di una pandemia?
“All’inizio lo spavento qui è stato grande e giustificato. Di questo virus non si sapeva nulla né si conoscevano gli effetti, in assenza di un farmaco specifico. A distanza di un mese, man mano che conosciamo meglio il coronavirus, l’attenzione resta molto alta ma senza panico di massa. Qui a Wuhan abbiamo visto che si tratta di un virus con un’altra infettività e che le modalità di trasmissione sono le stesse dell’influenza. Ma per la mia formazione scientifica sono voluta andare oltre”.
Cosa ha scoperto?
“Innanzi tutto che è utile studiare le vie di trasmissione di altri coronavirus che si sono manifestati in passato. L’influenza provoca ogni anno centinaia di migliaia di morti. Negli Stati Uniti, secondo i dati ufficiali, ci sono stati, dal 2018 al 2019, 71 mila decessi per la sola influenza. A Wuhan l’indice di mortalità per il coronavirus non ha mai superato il 3%, quindi è inferiore a quello della Sars”.
Come è cambiata in un mese la gestione dell’emergenza in Cina?
“Finora non disponevamo di un’informazione specifica, ora sì e sappiamo che il problema riguarda principalmente persone anziane affette da altre patologie. E’ un virus che dipende molto dalle condizioni del sistema immunitario. Nella grande maggioranza dei casi, i sintomi sono lievi. Un raffreddore come in una sindrome influenzale. Un sistema immunitario sano supera il coronavirus. La sintomatologia varia a seconda dei casi”.
Perché l’Italia è sotto gli occhi del mondo per l’alto numero di contagi?
“In Italia c’è stata una mancanza di informazione tempestiva da parte delle autorità. Soprattutto da parte dei mass media c’è stata una rappresentazione allarmistica e irreale della situazione. Si è descritta la Lombardia come se fosse Wuhan. In Italia siete lontanissimi da come ci siamo ritrovato noi qui a Wuhan”.
Cosa la sorprende?
“Non mi capacito del motivo per il quale l’Italia, pur sapendo che quella provocata dal coronavirus è un’emergenza globale, non si sia attrezzata per tempo. Possibile che a nessuno in Italia sia venuto in mente di fare il tampone a chi si presentava al pronto soccorso con sintomi influenzali? Perché non si sono fatti subito controlli specifici, considerato che l’emergenza planetaria si era già manifestata? Non serve a nulla allarmarsi. Il panico è il pedaggio di qualunque virus, ma per impedirlo servono razionalità e organizzazione”.
Cosa consiglia di fare ora ai cittadini italiani?
“La qualità generale del sistema sanitario italiano è molto elevata. Se una persona presenta sintomi influenzali, è ragionevole farsi fare un tampone. I controlli sono il primo passo. Qui a Wuhan tante persone si sono ammalate, sono state curate e sono guarite. Le raccomandazioni da seguire sono semplici e di puro buonsenso: lavarsi spesso le mani, stare attenti a non frequentare luoghi di grande affollamento”
Quali sono le differenze tra la Cina e l’Italia nel modo di fronteggiare l’epidemia?
“A Wuhan stiamo vivendo una situazione di emergenza, ma qui nessuno andrebbe a svaligiare i supermercati come è successo a Milano. E qui abitano 11 milioni di persone. Basta stare attenti e limitare i contatti, senza incorrere in esagerazioni irrazionali e ingiustificabili”.
Perché è rimasta a Wuhan?
“Io vivo a Wuhan e ho deciso di rimanere qui anche nel momento più allarmante dell’epidemia. All’inizio ovviamente ero spaventata anch’io. Ma sono una scienziata e di fronte a un virus nuovo, ho cercato di capire che tipo di virus fosse e quali complicazioni potevamo aspettarci. Ho cercato di fare, a menta fredda, una valutazione del rischio il più possibile obiettivo. Ho valutato che se fossi tornata in Italia, il rischio per me e per mio figlio sarebbe stato maggiore, durante il trasporto e il viaggio verso l’Italia. A casa mia, in un ambiente tutelato, posso controllare meglio il rischio”.
Con quali conseguenze?
“Io e mio figlio siamo chiusi in casa da 33 giorni e ovviamente non è facile dover vivere così. Consiglio agli italiani di essere razionali. Se vi viene la febbre, avete la fortuna di avere una sanità che funziona. Occorre farsi controllare e fare il tampone. Niente panico, quindi, in Italia ci sono strutture ospedaliere adeguate per fronteggiare il coronavirus e per superare l’epidemia. Quasi tutti i decessi sono di persone anziane con altre complicazioni di salute”.
Quanto la aiuta la fede?
“Molto. Mia nonna Angela Domenica Gatta è sempre stata una fervente devota di San Giovanni XXIII e, ogni anno, finché ha avuto la salute per farlo, si recava in pellegrinaggio nella Bergamasca, a Sotto il monte, nella casa natale di papa Angelo Roncalli. Ricordo negli anni Settanta i dischi di mia nonna che giravano in casa con le ballate sul Papa buono. Mia nonna faceva ascoltare a mia madre e a me la registrazione dei suoi discorsi più belli, come quello in cui chiedeva ai genitori di portare a casa ai loro bambini la carezza del Papa. Mia nonna lo pregava ogni sera come se fosse già santo. Oggi lo prego anche io affinché giunga la sua protezione dall’epidemia. C’è bisogno di preghiere per ricevere una mano del cielo”.

Visite: 24
Categorie
Eventi

Villarosa; alla biblioteca comunale incontro su chiarimenti ed informazioni su Coronavirus

Un utile incontro per fornire chiarimenti e dare informazioni sulla vicenda Coronavirus. Si terrà nel pomeriggio di venerdì 28 febbraio dalle 16,30 in diretta Streaming niei locali della Biblioteca comunale di Villarosa. Ad organizzare l’incontro in cui saranno presenti personale medico sanitario è stato organizzato dalla consigliera comunale Donatella Baglio Pantano..

Visite: 107
Categorie
Eventi

Pontificale 2020 in onore di San Giorgio Martire Servizio di previsioni e anticipazioni Alcune attività svolte recentemente Le Sante Messe Costantiniane periodiche

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Real Commissione per l’Italia
Comunicato Stampa
Pontificale 2020 in onore di San Giorgio Martire
Servizio di previsioni e anticipazioni
Alcune attività svolte recentemente
Le Sante Messe Costantiniane periodiche
Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Real Commissione per l’Italia
Pontificale in onore di San Giorgio Martire
Patrono della Sacra Milizia Costantiniana
25 aprile 2020
Il Pontificale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio in onore di San Giorgio Martire per l’anno 2020 verrà presieduto dall’’Arcivescovo Metropolita di Napoli, S.Em.za Rev.ma il Signor Cardinale Crescenzio Sepe, alla presenza del Gran Maestro S.A.R. Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orléans, sabato 25 aprile 2020 alle ore 11.00 nella Basilica di Santa Chiara in Napoli.
Testo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/25-04-2020-pontificale-2020-in-onore-di-san-giorgio-martire
Servizio di previsioni e anticipazioni
N. 5 – 2020 – 26 febbraio 2020 ore 18:00
26.02.2020 – Celebrazioni Costantiniane per la Quaresima 2020 a Viterbo
La Quaresima è uno dei momenti più significativi dell’anno liturgico poiché i “40 giorni” rappresentano il cammino che conduce alla Resurrezione del Signore, fonte e causa della nostra salvezza. Per i Cavalieri Costantiniani, che “si gloriano della croce di Gesù Cristo”, il periodo quaresimale significa un forte impegno sotto il profilo spirituale e caritativo.
Ulteriori informazioni: Cav. Alessio Lamoratta – alessio.lamoratta@smsocsg.it
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/26-02-2020-celebrazioni-costantiniane-per-la-quaresima-2020-a-viterbo
26.02.2020 – Donazione di derrate alimentari di prima necessità a Torino
La Delegazione del Piemonte e Valle d’Aosta del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio effettuerà alle ore 19.30 di mercoledì 26 febbraio 2020 una donazione di derrate alimentari di prima necessità presso la “Mensa del Povero” in via Brugnone 3 a Torino, condotta dai volontari parrocchiani.
Ulteriori informazioni: Cav. Gabriele Gregorio Sarlo – sarlo.gabrielegregorio@gmail.com
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/26-02-2020-donazione-di-derrate-alimentari-di-prima-necessit%C3%A0-a-torino
15.03.2020 – Santa Messa e Cerimonia di Benedizione dei mantelli dei nuovi Cavalieri a Torino
Domenica 15 marzo 2020 nella splendida cornice della seicentesca Cappella dei Mercanti a Torino si celebrerà la Santa Messa Costantiniana, con Cerimonia di Benedizione dei mantelli di 20 nuovi Cavalieri del Sacro Ordine Costantiniano di San Giorgio della Delegazione del Piemonte e Valle d’Aosta.
Ulteriori informazioni: Cav. Gabriele Gregorio Sarlo – sarlo.gabrielegregorio@gmail.com
Testo integrale e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/15-03-2020-santa-messa-e-cerimonia-di-benedizione-dei-mantelli-dei-nuovi-cavalieri-a-torino
28.03.2020 – Ritiro Spirituale della Delegazione della Lombardia nel Duomo Vecchio di Brescia
Con l’approssimarsi della Santa Pasqua la Delegazione della Lombardia del Sacro Militare Ordine Costantiniano organizza il consueto ritiro spirituale che quest’anno si terrà sabato 28 marzo nel Duomo Vecchio di Brescia in Piazza Paolo VI,
Ulteriori informazioni: Cav. Luca Di Francesco – luca.difrancesco@smoclombardia.net
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/28-03-2020-ritiro-spirituale-della-delegazione-della-lombardia-nel-duomo-vecchio-di-brescia
Alcune attività svolte recentemente
23.02.2020 – Santa Messa Costantiniana e Cerimonia di consegna di Medaglia di Benemerenza “Militantis Ecclesiae”
La scorsa domenica 23 febbraio 2020, nella suggestiva cornice barocca della Pontificia Basilica Collegiata di Catania dedicata a Santa Maria dell’Elemosina, è stata solennemente celebrata dal Cappellano Capo della Delegazione della Sicilia Orientale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Mons. Carmelo Salvatore Asero, Prevosto della Pontificia Basilica Collegiata e Vicario Giudiziale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Catania, la Santa Messa mensile della Delegazione.
Il Delegato, dopo aver rivolto a tutti i partecipanti i saluti e i ringraziamenti per l’organizzazione della Cerimonia, sia suoi personali sia da parte di S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orléans, Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, sia da parte di S.E. il Duca Don Diego de Vargas Machuca, Balì Gran Croce di Giustizia decorato con Collare, Presidente della Real Commissione per l’Italia, ha proceduto alla consegna del diploma della Medaglia di Benemerenza “Militantis Ecclesiae” dell’Ordine Costantiniano alla Signora Ignazia Concetta Piazza, residente a Barrafranca in provincia di Enna, concessale da S.A.R. il Gran Maestro “per aver donato in vita un rene al fratello che ne necessitava quoad vitam”.
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/23-02-2020-santa-messa-costantiniana-e-cerimonia-di-consegna-di-medaglia-di-benemerenza-militanti
15.02.2020 – Festività della Madonna del Conforto ad Arezzo
In occasione della festività della Madonna del Conforto – tra le più solenni ed importanti ricorrenze della Chiesa aretina, cortonese e biturgense -, i Cavalieri della Delegazione della Toscana del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, guidati dal Pro Delegato, Cav. Massimo Planera, hanno partecipato alla Novena di preparazione spirituale, alla Santa Messa Pontificale presieduta da S. Em. Rev.ma il Cardinale Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali, ed alla Santa Messa presieduta dall’Arcivescovo S.E.R. Mons. Riccardo Fontana.
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/15-02-2020-festivit%C3%A0-della-madonna-del-conforto-ad-arezzo
11.02.2020 – XXIII Giornata Mondiale del Malato ad Arezzo
Su invito della pastorale sanitaria diocesana, i Cavalieri del Coordinamento per la Toscana orientale della Delegazione della Toscana del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, guidati nella circostanza dal Delegato, Cav. Gran Croce di Merito Carlo Testi, martedì 11 febbraio 2020, in occasione della “XXVIII Giornata mondiale del malato”, hanno prestato la loro assistenza per la sistemazione “logistica” all’interno della Cattedrale dei circa 280 ammalati ed anziani, giunti da tutta la Diocesi di Arezzo-Cortona e Sansepolcro per partecipare alla Santa Messa celebrata dall’Arcivescovo, S. E. Mons. Riccardo Fontana.
Testo integrale e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/11-02-2020-xxiii-giornata-mondiale-del-malato-ad-arezzo
07.02.2020 – A sostegno della Croce Rossa della Mongolia: presentazione del libro di Flavio Serafini
Prosegue l’impegno dei Cavalieri della Delegazione Toscana del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio a sostegno della Croce Rossa della Mongolia. Lo scorso 7 febbraio, nella splendida cornice della “Sala dei dodici” del Palazzo dei Cavalieri di Pisa, il Cav. Marco Gramigni, Coordinatore per la Toscana nord-occidentale, ha presentato il saggio “Eugenio Ghersi – Un Medico di Marina sulle vie del mondo”, scritto dal Comandante Flavio Serafini (edito dalla “CLD Libri”).
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/07-02-2020-a-sostegno-della-croce-rossa-della-mongolia-presentazione-del-libro-di-flavio-serafini
01.02.2020 – Un donativo di capi di abbigliamento ad Empoli
Si è svolta alle ore 16.00 di sabato 1° febbraio 2020, presso la nuova sede della Croce Rossa Italiana-Comitato di Empoli in via Arnolfo di Cambio ad Empoli, la donazione a cura del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio – rappresentati nell’occasione dal Coordinatore per la città di Pisa, il Cav. Damiano Landi -, di molti capi di abbigliamento sequestrati (in quanto oggetto di contraffazione) dalla Guardia di Finanza-Compagnia di Pisa, durante le attività di repressione del commercio illecito.
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/01-02-2020-un-donativo-di-capi-di-abbigliamento-ad-empoli
Le Sante Messe Costantiniane periodiche
Il prospetto con le informazioni circa le Sante Messe celebrate periodicamente nelle Delegazioni del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (in aggiornamento):
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/calendario-sante-mess
“Di null’altro mai ci glorieremo se non della croce di Gesù Cristo, nostro Signore” (Gal 6,14).

Visite: 38
Categorie
Eventi

Il grande giorno è arrivato! Stasera la Carmen di Bizet inaugura la stagione lirica 2020 del Teatro Massimo Bellini di Catania. Presente il Cioccolato di Modica IGP

Il grande giorno è arrivato!
Stasera la Carmen di Bizet inaugura la stagione lirica 2020 del
Teatro Massimo Bellini di Catania. Presente il Cioccolato di Modica IGP
Protagonista in questa prima di Carmen, di cui ricordiamo avrà sette rappresentazioni dal 25 febbraio al 3 marzo, anche il Cioccolato di Modica IGP nella qualità del Consorzio di Tutela e delle particolari creazioni della storica cioccolateria di Modica l’Antica Dolceria Rizza, la quale si vedrà partecipe nel far degustare degli cioccolatini “unici” al vasto pubblico che questa sera assisterà all’opera di Bizet con la regia di Luca Verdone, fratello di Car
La sinergia tra il Teatro Massimo Bellini e l’Antica Dolcera Rizza, azienda associata al Consorzio di Tutela del Cioccolato di Modica IGP, si accomuna nel modo di trasmettere cultura: di fatto l’azienda di Modica, da sempre vicina alla cultura e al sociale, già dal 2015 offre immancabilmente come dolce appuntameto al pubblico della prima variegate prelibatezze, di cui in particolar modo spiccano le famose praline dedicate al “Cigno catanese” il Maestro Vincenzo Bellini. Si tratta per l’appunto dei “Cigni di Bellini”, delle praline realizzate con ingredienti di eccellenze siciliane, legate al mondo musicale non solo dalla creativa realizzazione, ma anche dall’intuizione di un apposito QRcode che fa ascoltare le sinfonie. Rappresentano e vogliono comunicare l’importanza di <>
E, proprio i giovani, si occuperanno della degustazione dei deliziosi carré di cioccolato di Modica e dei Cigni di Bellini.
La degustazione infatti sarà coordinata dagli studenti dell’Istituto Omnicomprensivo Pestalozzi di Catania.

Visite: 46
Categorie
Eventi

Grotte, incontro- dibattito sul tema “Famiglie connesse o sconnesse?” con il sociologo Pira e il teologo Zambito

Domenica 1 marzo 2020 alle ore 18,30 organizzato dalla Comunità Ecclesiale Unità Pastorale nella Chiesa B.M.V del Monte Carmelo
Grotte, incontro- dibattito sul tema “Famiglie connesse
o sconnesse?” con il sociologo Pira e il teologo Zambito
Grotte (Agrigento) – Domenica 1 marzo 2020 alle ore 18,30 presso la Chiesa B.M.V del Monte Carmelo, si terrà un incontro- dibattito sul tema “Famiglie connesse o disconnesse? Social, media & family”, promosso dalla Comunità Ecclesiale e dai parroci Don Salvatore Zammito, Don Gaspare Sutera e Don Rosario Bellavia.
Relatori saranno il prof. Francesco Pira, sociologo e professore di comunicazione all’Università di Messina e don Mimmo Zambito , giudice del tribunale Ecclesiatico di Agrigento. E’ il terzo incontro sul tema a cui partecipano come relatori dopo quelli di Agrigento e Favara dove hanno incontrato nel corso dei due eventi oltre 500 genitori. In riferimento alla rivoluzione digitale, questa capacità di essere sempre connessi e per certi versi collegati alle persone che amiamo, con cui lavoriamo o che semplicemente frequentiamo nel nostro tempo libero, ha sicuramente ridotto il tempo tecnico con cui comunicare, ma ha anche ampliato le distanze tra le persone, a volte, anche in famiglia.
Altre connessioni vitali, mentali e affettive occorrono per rendere una famiglia capace di incarnare il Vangelo. Rafforzare l’educazione – hanno scritto gli organizzatori – è il compito dei genitori che si trovano a volte smarriti di fronte ai cambiamenti insorti con le nuove tecnologie. Organizzare incontri dibattiti con le famiglie attraverso la presenza di relatori qualificati è non solo utile ma necessario per la crescita delle relazioni all’interno della famiglia. Figli si nasce genitori si diventa!

Visite: 29