Categorie
Eventi

Dopo la partecipazione di ieri come ospite insieme a Gianna Nannini a Sanremo 2020, Coez annuncia un nuovo progetto live: il 25 luglio sarà al Teatro Antico di Taormina

Dopo la partecipazione di ieri come ospite insieme a Gianna Nannini a Sanremo 2020, Coez annuncia un nuovo progetto live: il 25 luglio sarà al Teatro Antico di Taormina
Dopo un 2019 che lo ha consacrato tra gli artisti di maggior successo in Italia, Coez annuncia il “Tour 2020”, il nuovo progetto live prodotto da Vivo Concerti in programma per la prossima stagione estiva. Coez sarà il 25 luglio al Teatro Antico di Taormina in un’unico appuntamento siciliano organizzato da Giuseppe Rapisarda Management.
Una nuova avventura live per Coez, che arriva dopo un tour invernale che ha fatto tappa nei più importanti palazzetti italiani, partendo dal palco-culto dell’Arena di Verona e registrando il sold out al Mediolanum Forum di Milano. Nell’estate 2020 l’artista si esibirà sui palchi dei principali festival italiani e tornerà al Rock in Roma, dove nel 2018 ha infranto il record per un artista italiano in quell’evento, con circa 33 mila biglietti venduti.
L’annuncio di questo nuovo tour è la conferma di quello che è un periodo magico per Coez: nel gennaio 2019 ha presentato in anteprima il nuovo singolo “È sempre bello” a Milano e Roma con una proiezione del videoclip sulle mura di un edificio storico alle Colonne di San Lorenzo e sulla facciata del MAXXI (Museo nazionale delle arti del XXI secolo), alla presenza di centinaia di persone. Il brano è stato il singolo italiano più ascoltato su Spotify Italia nel 2019, nel gennaio 2020 è stato quindi scelto dalla piattaforma streaming come primo artista italiano per lanciare il format Spotify Singles, occasione che lo ha portato a registrare nei prestigiosi studi di Abbey Road una versione inedita di “La tua canzone” e una cover di “Via” di Claudio Baglioni. È stato, infine, super ospite durante la quarta serata del 70° Festival di Sanremo insieme a Gianna Nannini, con cui ha cantato il brano “Motivo”.
Le prevendite per i nuovi live di TOUR 2020 sono disponibili sul sito www.ticketone.it da lunedì 10 febbraio alle ore 11 e in tutti i punti vendita Ticketone e prevendite autorizzate da sabato 15 febbraio alle ore 11.

Visite: 10
Categorie
Eventi

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio Real Commissione per l'Italia

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Real Commissione per l’Italia
Comunicato Stampa
Consegna di Benemerenza a Donatrice di rene in vita
Istituzione della Delegazione del Piemonte e Valle d’Aosta
Servizio di previsioni e anticipazioni
Alcune attività svolte recentemente
Le Sante Messe Costantiniane periodiche
Santa Messa Costantiniana a Catania
e consegna Medaglia di Benemerenza a donatrice di rene in vita
Domenica 23 febbraio 2020, VII Domenica per Annum, alle ore 11-00, verrà celebrata la Santa Messa Costantiniana dal Cappellano Capo della dalla Delegazione della Sicilia Orientale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Mons. Carmelo Salvatore Asero, presso la Pontificia Basilica Collegiata-Parrocchia Santa Maria dell’Elemosina in via Etnea 23/A a Catania.
Alla fine della Celebrazione Eucaristica verrà consegnata alla Sig.ra Ignazia Concetta Piazza di Barrafranca la Medaglia di Benemerenza “Militantis Ecclesiae” del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, con la seguente motivazione: “Per aver donato in vita un rene al fratello che ne necessitava quoad vitam”.
La Signora Piazza si è resa unica per un gesto di grande amore ed altruismo. Insegnante elementare, coniugata e con all’epoca due figli minori, rimasta orfana di padre e di madre in tenerissima età, è stata cresciuta dal fratello maggiore Luigi, il quale malauguratamente veniva colpito da una gravissima insufficienza renale cronica che la emodialisi non riusciva a compensare. Prontamente decideva di donare in vita un proprio rene al fratello dal quale aveva tanto ricevuto ed intraprendeva un lungo percorso costellato da tante difficoltà burocratiche, legali e mediche. Per fortuna tutto si è risolto nel migliore dei modi ed ora vivono entrambi felicemente in buona salute.
Le medaglie di benemerenza costantiniane vengono concesse ai benemerenti dell’Ordine Costantiniano, Cavalieri o non, ed anche alla memoria o per enti.
La medaglia di benemerenza “Militantis Ecclesiae” in oro ed argento, è stata istituita su proposta della Presidenza della Real Commissione per l’Italia con decreto magistrale dal Gran Maestro S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Sicilia e Orléans, Duca di Calabria, Conte di Caserta, Grande di Spagna, nella ricorrenza commemorativa del tricentenario dalla promulgazione il27 maggio 1718 della bolla pontificia “Militantis Ecclesiae” da parte di Papa Clemente XI.
La forma della medaglia – realizzata con grande maestria dal Confratello Marco Foppoli – è circolare con alle estremità i bracci della Croce Costantiniana con le lettere iniziali del motto (I.H.S.V.) e le lettere Alfa ed Omega, mentre il nastrino da divisa è in seta celeste con tre bande in oro verticali ed al centro la riduzione della medaglia stessa. Al dritto reca lo stemma pontificio di Papa Clemente XI con la legenda “MILITANTIS ECCLESIAE/1718-2018”; al rovescio reca la scena di San Giorgio a cavallo che lotta contro il drago sovrastante la legenda “BENEMERENTI”, intorno la legenda “PETRVS BORBONIVS CALABRIAE DVX MAGNUS MAGISTER”.
La bolla pontificia “Militantis Ecclesiae” è particolarmente significativa per l’Ordine Costantiniano, in quanto con essa il Gran Magistero entrò nella successione della Primogenitura Farnesiana.
l testo completo ed originale della bolla è stato riproposto nella pubblicazione del volume di ricerca storica “Celebrazioni del Tricentenario della Bolla – Militantis Ecclesiae – 1718-2018”, a cura del Nob. Avv. Roberto Saccarello, Cavaliere Gran Croce Jure Sanguinis con Placca d’Oro ed edito dalla Real Commissione per l’Italia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, stampato in Viterbo nel 2018.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/23-02-2020-santa-messa-costantiniana-a-catania-e-consegna-di-una-benemerenza
Istituzione della Delegazione del Piemonte e Valle d’Aosta
Decreto di S.E. il Duca Don Diego de Vargas Macuca,
Presidente per la Real Commissione per l’Italia
In considerazione delle prerogative attribuitemi quale Presidente della Real Commissione per l’Italia ed al fine di migliorare il funzionamento ed il prestigio della Sacra Milizia, ho ritenuto di istituire la Delegazione del Piemonte e Valle d’Aosta con la seguente composizione:
Delegato: Nob. Avv. Paolo Maria Cisa Asinari dei Marchesi di Gresy, Cavaliere di Giustizia
Delegato Vicario: Mario Rodolfo Baschirotto, Cavaliere di Merito con Placca
Cappellano Capo: Rev.do Padre Claudio Massimiliano Papa, Cappellano di Merito con Placca
Segretario Generale: Massimo Trasforini, Cavaliere di Merito
Vice Segretario Generale e Responsabile della Comunicazione: Nob. Gabriele Gregorio Sarlo, Cavaliere di Giustizia
Referente per Torino: Avv. Alberto Villarboito, Cavaliere di Merito con Placca
Referente per Novara e Vercelli: Col. Corrado Prado, Cavaliere di Ufficio
Referente per Biella e Ivrea: Franco Maddaleno, Cavaliere di Merito
Roma, 07 febbraio A.D. 2020
Duca Don Diego de Vargas Machuca
Balì Gran Croce di Giustizia
Testo completo e foto: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/07-02-2020-istituzione-della-delegazione-del-piemonte-e-valle-d-aosta
Servizio di previsioni e anticipazioni
N. 3 – 2020 – 7 febbraio 2020 ore 12:00
07.02.2020 – Presentazione del libro “Eugenio Ghersi-Un Medico di Marina sulle vie del mondo”
Nell’ambito dell’attività culturale della Delegazione della Toscana del Sacro Militare Ordine Costantiniano, grazie alla preziosa collaborazione del Confratello Prof. Marco Gemignani, venerdì 7 febbraio 2020 alle ore 17.00 presso il Palazzo dei Dodici Piazza dei Cavalieri a Pisa avrà luogo la presentazione del libro “Eugenio Ghersi-Un Medico di Marina sulle vie del mondo”, scritto dal Comandante Flavio Serafini, Direttore del Museo Navale Internazionale di Imperia.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/07-02-2020-presentazione-del-libro-eugenio-ghersi-un-medico-di-marina-sulle-vie-del-mondo
11.02.2020 – Santa Messa per la XXVIII Giornata Mondiale del Malato ad Arezzo
Martedì 11 febbraio 2020, memoria liturgica della Beata Vergine Maria di Lourdes, come ormai da tradizione consolidata, i Cavalieri della Delegazione della Toscana del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, su iniziativa del Coordinamento per la Toscana Orientale, parteciperanno alla Santa Messa per la XXVIII Giornata Mondiale del Malato celebrata alle ore 15.00 dall’Arcivescovo di Arezzo, S.E.R. Mons. Riccardo Fontana nella Cattedrale dei Santi Pietro e Donato.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/11-02-2020-santa-messa-per-la-giornata-dell-ammalato-ad-arezzo
11.02.2020 – Santa Messa per la Giornata dell’Ammalato a Palermo
Martedì 11 febbraio 2020, memoria liturgica della Beata Vergine Maria di Lourdes, come di consueto, la Delegazione della Sicilia Occidentale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio parteciperà alla Concelebrazione Euristica per la XXVIII Giornata Mondiale del Malato, presieduta da Don Davide Calantoni, alle ore 17.30 presso la Chiesa di Maria SS. di Montesanto in via Sammartino 70 a Palermo.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/11-02-2020-santa-messa-per-la-giornata-dell-ammalato-a-palermo
14.02.2020 – Santa Messa in suffragio dei caduti del Regno delle Due Sicilie a Nola
Venerdì 14 febbraio 2020 alle ore 18.30 si terrà nella Cattedrale di Nola la Santa Messa annuale in occasione del 159̊ anniversario della Capitolazione della Fortezza di Gaeta del 13 febbraio 1861, in suffragio di tutti i caduti del Regno delle Due Sicilie.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/14-02-2020-santa-messa-in-suffragio-dei-caduti-del-regno-delle-due-sicilie-a-nola
15.02.2020 – Santa Messa per la festività della “Madonna del Conforto”
Sabato 15 febbraio 2020, in occasione della solenne festività della “Madonna del Conforto”, compatrona di Arezzo e protettrice dell’Arcidiocesi, i Cavalieri della Delegazione della Toscana del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio parteciperanno alla Santa Messa che verrà celebrata alle ore 18.00 nella Cattedrale dei Santi Pietro e Donato dall’Arcivescovo di Arezzo, S.E.R. Riccardo Fontana.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/15-02-2020-santa-messa-per-la-festivit%C3%A0-della-madonna-del-conforto
Alcune attività svolte recentemente
02.02.2020 – Santa Messa Costantiniana presso la Caserma Montegrappa di Torino
Domenica 2 febbraio 2020, festa liturgica della Presentazione del Signore, alle ore 11.00, nella Cappella Militare della Caserma “Monte Grappa”, Cavalieri, Dame, Postulanti e simpatizzanti della Delegazione del Piemonte e Valle d’Aosta del Sacro Militare Ordine Costantiniano si sono uniti in preghiera con i Militari insieme alle loro famiglie, in occasione della Santa Messa celebrata da Don Diego Maritano, Cappellano della Caserma Montegrappa.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/02-02-2020-santa-messa-costantiniana-presso-la-caserma-montegrappa-di-torino
01.02.2020 – Santa Messa in memoria della Beata Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie
Nella bella cornice della chiesa di Sant’Anna, presso l’Istituto Testasecca in viale della Regione a Caltanissetta, sabato 1̊ febbraio 2020 Cavalieri, Dame e Postulanti della Delegazione della Sicilia Occidentale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio hanno partecipato numerosi alla Santa Messa in memoria della Beata Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/01-02-2020-santa-messa-in-memoria-della-beata-maria-cristina-di-savoia-regina-delle-due-sicilie
26.01.2020 – Consegna donativo in favore della piccola Azzurra Incrocci a Livorno
Dopo un’intensa attività svolta nei mesi scorsi su tutto il territorio toscano, frutto dell’impegno di tanti Cavalieri, ed in particolar modo del Coordinatore per la Toscana Nord Occidentale, i Cavalieri Prof. Marco Gemignani e Capitano di Corvetta Daniele D’Alessandro, è stato finalmente possibile consegnare nelle mani dei genitori della piccola Azzurra Incroci una generosa offerta.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/26-01-2020-consegna-donativo-in-favore-della-piccola-azzurra-incrocci-a-livorno
24.01.2020 – Recita del Rosario a Palermo per la Beata Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie
Venerdì 24 gennaio 2020, preso la Real Cappella di Nostra Signora della Soledad a Palermo, è stato recitato il Santo Rosario in ricordo della Beata Maria Cristina di Savoia, Regina delle Due Sicilie (Cagliari, 14 novembre 1812-Napoli, 31 gennaio 1836) a cui hanno partecipato Cavalieri, Dame e Postulanti della Delegazione della Sicilia Occidentale del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio. A seguire il Delegato Prof. Salvatore Bordonali, Cavaliere di Gran Croce Jure Sanguinis ha condotto una riflessione sui principi etici che guidano un Cavaliere Costantiniano.
Testo completo e foto:
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/24-01-2020-rosario-a-palermo-per-la-beata-maria-cristina-di-savoia-regina-delle-due-sicilie
Le Sante Messe Costantiniane periodiche
Il prospetto con le informazioni circa le Sante Messe celebrate periodicamente nelle Delegazione del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio (in aggiornamento):
https://www.ordinecostantinianoitalia.org/post/calendario-sante-mess
“Di null’altro mai ci glorieremo se non della croce di Gesù Cristo, nostro Signore” (Gal 6,14).
Ufficio Stampa
della Real Commissione per l’Italia
del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Cav. Vik van Brantegem
Responsabile della Comunicazione
Email: comunicazione@smoc.it
Cellulare: +39 335 7381424
Pagina Web istituzionale dell’Ufficio Stampa: https://www.ordinecostantinianoitalia.org/stampa
Facebook: https://www.facebook.com/UfficioStampaSMOCIT/
Twitter: https://twitter.com/StampaIt
Telegram: https://web.telegram.org/#/im?p=@smocitstampa
Instagram: https://www.instagram.com/smocitstampa/
Linkedin: https://www.linkedin.com/groups/ HYPERLINK “https://www.linkedin.com/groups/13796503/”13796503 HYPERLINK “https://www.linkedin.com/groups/13796503/”/
Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio
Gran Magistero
Gran Maestro S.A.R. il Principe Don Pedro di Borbone delle Due Sicilie e Orléans, Duca di Calabria, Conte di Caserta, Capo della Real Casa di Borbone delle Due Sicilie
Maldonado 63, Bajo 2°
ES-28006 MADRID
Web istituzionale del Gran Magistero: https://ordenconstantiniana.org/
Real Deputazione
Basilica di Santa Croce al Flaminio
Via Guido Reni 2D
IT-00196 ROMA

Visite: 16
Categorie
Eventi

Torna Educarnival, il Carnevale di Palermo, con più di 1200 studenti in maschera

Torna Educarnival, il Carnevale di Palermo, con più di 1200 studenti in maschera
Al via dal 14 febbraio. Domenica 23, il corteo in maschera insieme ai carri allegorici realizzati dagli studenti, per cui sono attese 30 mila persone
Torna dal 14 al 25 febbraio Educarnival, la manifestazione che da sei anni, porta per le strade di Palermo migliaia di studenti delle scuole del territorio, con maschere e carri allegorici, realizzati da loro stessi. È nata per rilanciare il Carnevale nel capoluogo siciliano e per permettere agli studenti di esprimere la loro creatività, in un progetto educativo e didattico, con una competizione sana, e per restituire alla città la gioia di vivere il Carnevale, assistendo alle varie iniziative e alla sfilata clou della manifestazione che, sarà domenica 23 febbraio, con inizio alle 15.30 da piazza del Parlamento fino a piazza Verdi, che coinvolge più di 1200 studenti, 50 scuole e per cui sono attese 25-30 mila persone.
Tema e programma della VI edizione di Educarnival
Il tema della sesta edizione è Tra natura, mito e realtà – Creature fantastiche e dove trovarle. Tra le novità, il Ballo del Gattopardo in collaborazione con l’istituzione Tomasi di Lampedusa che sarà il 22 febbraio a piazza Verdi. La cerimonia di apertura il 14 febbraio, all’aula magna del liceo classico Vittorio Emanuele II, alle ore 15,30 e proseguirà alle 17,30 con la sfilata storica lungo il Cassaro. Sabato 15 febbraio, Educarnival si sposta al centro commerciale La Torre, con performance itineranti in maschera.
Venerdì 21 febbraio, alle 11, un laboratorio teatrale, nell’ambito di Educarnival per l’inclusione, La Biddrina di Castrogiovanni – U cuntu siciliano, presso la sala Almeyda dell’archivio comunale di Palermo. Alle 15, a La Torre, gara di cocktail dell’istituto Alberghiero con esibizioni musicali. Sabato 22 febbraio, alle 11.30, nell’atrio di Palazzo delle Aquile, laboratorio teatrale. Domenica 23 febbraio, prima della sfilata conclusiva, alle 11.30 a Palazzo delle Aquile, reading teatrale. Lunedì 25 febbraio, dalle 12 alle 18, premiazione della maschere più belle al centro commerciale La Torre.
A sostenere la manifestazione, il Comune di Palermo, Ars, Cral, Centro Commerciale La Torre, Amaro Bruno Ribadi, Gesap, Acqua Sabrinella, Bia Cous Cous, Arpa Sicilia, E-Campus, Italiana Assicurazioni, Spazio Cultura, Confcommercio, Flaccovio Mondadori, Associazione Legalità e sviluppo, Uniterreno Accademia del mare e Arvis fotografi.
La presentazione ufficiale a Palazzo delle Aquile
Alla presentazione, che si è svolta a Sala delle Lapidi, al Comune di Palermo, erano presenti il vice sindaco Fabio Giambrone, l’assessora alla Scuola, Giovanna Marano, il dirigente dell’ufficio scolastico provinciale, provveditore Marco Anello, l’organizzatore di Educarnival, Calogero Sciamè, e per l’amministrazione comunale, Marianna Fiasconaro, capo area settore Scuola del Comune e Salvatore Tallarita, funzionario culturale. A, ancora, il preside Diego Dante Maggio e Vincenzo Cusumano del centro commerciale La Torre, le docenti e dirigenti scolastiche Vanessa Bellanca, direttore artistico della manifestazione, Gloria Casimo, direttore organizzativo, Rosa Vitale, responsabile eventi culturali, Marina Venturella e Loredana Mannina, responsabili della comunicazione e delle pubbliche relazioni.
Presenti anche alcune studentesse Sonia Terranova, in maschera da angelo e Melanie Moodelly delle Mauritius, del liceo artistico Catalano, vestita con l’abito tradizionale e Adele Owusu del 2C liceo artistico Kiyohara, a cui il vice sindaco Fabio Giambrone ha consegnato, in maniera simbolica, le chiavi della città, aprendo ufficialmente la sesta edizione di Educarnival. È stata premiata anche la studentessa Aurora Corrao della classe 5H sezione grafica dell’IISG Damiani Almeyda – Crispi, per la realizzazione del logo di questa edizione, con un progetto coordinato dalle docenti Angela Matranga e Valeria Fici.
Le dichiarazioni delle autorità intervenute alla presentazione di Educarnival
Il vice sindaco Fabio Giambrone ha commentato: «Il merito di Educarnival è la passione con cui viene realizzata, la sua crescita è stata resa possibile dalla perfetta sintonia di più amministrazioni, l’ufficio scolastico regionale e gli uffici comunali, e tutta la comunità scolastica. La giunta e il sindaco saranno presenti a tutte le iniziative che servono anche a valorizzare il centro storico della città».
Per Giovanna Marano, assessora alla Scuola: «Educarnival ha avuto il merito di riproporre il Carnevale a Palermo in chiave educativa. Consentendo svago, la possibilità di indossare una maschera, che è un gesto liberatorio e permette di giocare con un cambio di ruoli. Ha anche importanti aspetti educativi che sposano quelli dell’amministrazione comunale promuovendo esperienze di inclusione, come il laboratorio educativo dedicato alla disabilità. Il tema della sesta edizione è la ricerca delle creature fantastiche, bizzarre, antropomorfe, consente la creatività più sfrenata attraverso gli aspetti storici e artistici, a partire da piazza Pretoria dove ci sono tante creature fantastiche».
Per il provveditore Marco Anello: «Educarnival è cresciuta con l’adesione spontanea delle scuole che hanno colto l’occasione per esprimere qualcosa di sé. Noi abbiamo avuto solo il merito di crederci e sostenerla e ci siamo limitati solo a governare questa crescita che dal primo anno, a Mondello sotto la pioggia, è diventata una manifestazione che punta a fare invidia al Carnevale di Rio. Queste iniziative, che coinvolgono il mondo della scuola, gli studenti e le loro famiglie, fanno bene anche alla città e alla sua economia».

Visite: 12
Categorie
Eventi

Enna al Circolo Culturale Ri-Fioriamo ogni venerdì si gioca a Burraco

Ogni venerdì si gioca a burraco!
Se sei un appassionato partecipa al mini torneo (di UN solo pomeriggio) di burraco amatoriale a 4 sia per coppie già formate, che singoli giocatori da accoppiare sul momento.
4 manche da 4 smazzate
Inizio prima manche ore 17,45 (si raccomanda la puntualità)
contributo di partecipazione euro 5
Per info scrivi a rifioriamo@gmail.com
Chiama il 3209730451

Visite: 13
Categorie
Eventi

Casinò online: ecco le novità più importanti del 2020

Casinò online: ecco le novità più importanti del 2020
Il settore del gioco d’azzardo digitale è in costante evoluzione. Ogni anno vengono introdotti cambiamenti ed interessanti novità, per cercare di soddisfare le richieste dei clienti e per rendere il gioco online sempre più sicuro.
La voglia di introdurre novità e di migliorare il settore deriva anche dall’ottima risposta che si sta avendo da parte dei giocatori. Ogni anno cresce infatti il numero complessivo di giocatori online, spinti ad iscriversi alle piattaforme anche dalla presenza di bonus casinò online, alcuni collegati al primo deposito effettuato sul conto di gioco, altri invece offerti senza la necessità di depositare del denaro.
Novità 2020: cosa succederà ai casinò digitali
Nel corso del 2020 si assisterà soprattutto ad un miglioramento dell’esperienza di gioco sui dispositivi mobile. Il numero di giocatori che si collega alle piattaforme attraverso smartphone e tablet è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni.
Non si può dunque ignorare che gran parte degli appassionati preferisca giocare su tablet e smartphone, piuttosto che collegarsi dal pc di casa. Questo deriva anche dal fatto che il collegamento tramite dispositivo mobile consente di divertirsi in ogni momento della giornata, sfruttando al massimo il proprio tempo libero, anche quello tra un impegno e l’altro.
Tutti i principali casinò digitali legali in Italia mettono a disposizione dei clienti delle applicazioni ufficiali per collegarsi senza difficoltà. Nel corso del 2020 queste piattaforme saranno ulteriormente migliorate, sia dal punto di vista della grafica – che dovrà accontentare i clienti sempre più esigenti – sia dal punto di vista dell’usabilità.
Le previsioni degli esperti sono concordi nell’affermare che il settore del gioco d’azzardo digitale vedrà una crescita anche nel 2020, dopo gli ottimi risultati ottenuti nel 2019 se confrontati con quelli dei dodici mesi precedenti. Le previsioni di crescita saranno un incentivo per i casinò telematici ad investire per supportare questa crescita e per rendere i clienti sempre più felici di divertirsi online.
Nuovi giochi in arrivo
Oltre ai miglioramenti tecnici, nel corso di quest’anno è prevista anche l’uscita di tanti nuovi titoli. Un vantaggio delle piattaforme digitali è che continuano ad arricchirsi di giochi, mentre le sale da gioco classiche restano ferme ai giochi della tradizione.
Le software house si impegneranno soprattutto per introdurre nuovi titoli nelle categorie di giochi preferite dagli utenti italiani. Al primo posto c’è la sezione delle slot machine online, che vedrà l’arrivo di tantissimi nuovi titoli sviluppati appositamente per le piattaforme digitali.
Saranno create anche nuove sale dedicate al BlackJack ed alla roulette virtuale live. Queste sale sono amate dagli utenti delle piattaforme digitali perché danno la possibilità di divertirsi insieme ad altri giocatori. Sono presenti infatti anche delle chat in tempo reale, attraverso le quali si può comunicare con gli altri, condividere le proprie emozioni o semplicemente scambiare qualche battuta.
Nuovi giochi e sale aggiuntive daranno la possibilità ai giocatori di divertirsi ancora di più e di non tirarsi indietro di fronte alla sfida. I premi in palio saranno alti, non resterà che fare la puntata giusta per conquistarli e per far crescere il proprio bottino.

Visite: 13
Categorie
Eventi

Taormina: al via “Il Caffè Letterario” edizione 2020 di “SPAZIO al SUD”.

Rulla in pista, pronto a decollare, “Il Caffè Letterario” edizione 2020 di “SPAZIO al SUD”. La manifestazione, ideata ed organizzata dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina” presieduta dalla giornalista MariaTeresa Papale, si snoderà per quattro mesi – dal 15 febbraio al 9 maggio – proponendo a residenti ed ospiti appuntamenti culturali di rilievo legati alla territorialità – orgoglioso brand-identity di “SPAZIO al SUD” – quale sintesi di un percorso culturale completo ed articolato dove tradizione e innovazione coesistono e si completano.
Il progetto, grazie al successo delle passate edizioni, anche quest’anno vede la sponsorizzazione dell’Associazione Albergatori di Taormina, il patrocinio del Comune di Taormina, di Fondazione Taormina Arte Sicilia, di Club Unesco di Taormina – Val dell’Alcantara e d’Agrò, e, grazie alla partnership di servizio del “Gais Hotels Group”, una location dal grande fascino quale l’Hotel “Villa Diodoro”.
Ed è proprio nell’elegante “Sala Belvedere” dai grandi bow-windows con vista mozzafiato sull’Etna del prestigioso hotel taorminese, messo a disposizione dalla generosità di Isabella Bambara De Luca, che sempre alle 17:30 di pomeriggi di sabato – aperti gratuitamente al pubblico oltre che alla clientela dell’albergo – si terrà il “Caffè Letterario”, condotto con taglio informale dalle giornaliste Milena Privitera e MariaTeresa Papale. Una vetrina per autori, dove scrittori affermati ed emergenti, dalla diversa personalità artistica, chiacchiereranno delle loro opere all’insegna di un “incontro tra amici”, comodamente seduti in salotto sorseggiando una bibita, tra domande e notazioni delle conduttrici e di un affezionato pubblico, attento e partecipe.
A tenere a battesimo la rassegna sarà il 15 febbraio il taorminese Rogika – nom de plume di Roberto Mendolia – con il suo “Teorema Sicilia”, un libro di esordio fatto di sole 100 copie numerate, con 100 fotografie accostate a 100 testi di grandi scrittori siciliani, da Bufalino, a Sciascia, da Consolo a Pirandello, proprio perché le “Sicilie” dell’autore “sono come le “Cento Sicilie” di Gesualdo Bufalino”. Fotografo di lungo corso e di vecchia maniera, lontano dalla seduzione della ricerca di effetti particolari, Rogika affida al rigore di un B/N, poetico e suggestivo, il racconto delle realtà incontrate nelle sue “incursioni” con il gruppo fotografico amatoriale “Taoclick” in una Sicilia poco conosciuta ma di superba bellezza con i suoi paesini dalle case abbarbicate, preservati nella loro essenza identitaria dal fatto di essere fuori dai circuiti turistici. Una vera “chicca” dove le immagini, prese al volo, quasi rubate, si traducono per il lettore in forti emozioni.
Come emozionante e motivo di grande orgoglio è, per le organizzatrici di “SPAZIO al SUD”, tenere a battesimo sabato 29 febbraio in prima assoluta nazionale l’attesissimo libro su Gustave Caillebotte “L’uomo senza inverno” – Piemme edizioni – di Luigi La Rosa.
Giornalista, curatore di numerose pubblicazioni, insegnante di scrittura creativa, l’ultima fatica letteraria dello scrittore messinese che ha eletto Parigi a patria affettiva, dopo i grandi successi di pubblico e di critica di “Solo Parigi e non altrove” e “Quel nome è amore”, continua il suo affascinante itinerario artistico nella Ville Lumière, arricchendolo con un romanzo appassionato e passionale sulla “Storia di un genio dimenticato dell’Impressionismo” – come recita il sottotitolo in copertina – quale Gustave Caillebotte. Un pittore che, trasponendo nelle sue tele la fascinazione per quella novità tecnologica che negli anni di fine ‘800 fu la fotografia, filtrò attraverso la propria sensibilità temi tratti dalla quotidianità e dalla contemporaneità, interpretandoli in maniera assolutamente personale in una felice contaminazione di stilemi impressionistici ed accademici. Un Caillebotte, paladino del movimento impressionista di cui fu munifico mecenate e grande collezionista, che, nel testamento redatto a soli 28 anni, generosamente lascia in eredità alla Stato francese una sessantina di opere dei maggiori esponenti. Prezioso dono che andrà a costituire il fulcro del Museo del Jeu de Paume prima, e, dal 1986, del d’Orsay dopo.
Con un faticoso ed esaltante lavoro di ricerca durato 7 anni, spulciando archivi e vecchi epistolari, Luigi La Rosa consegnando alle stampe “L’uomo senza inverno” mette così fine alla ‘magnifica ossessione’ che in questi lunghi anni lo aveva catturato, stregandolo. Dando vita, emozioni, sentimenti e turbamenti a questo personaggio d’antan che, come un fantasma, prepotentemente si è inserito nella sua vita per avere raccontata la propria… Ed è un La Rosa complice entusiasta e consapevole preda della fascinazione per Caillebotte a divenire il cantore delle ultime tre stagioni vissute dal pittore francese, facendo affiorare un mondo di meraviglia e bellezza, regalandocene un ritratto dai toni intimisti, in un perfetto amalgama di sentimento e sensualità dove è l’Amore per la Bellezza a campeggiare e la ‘luce’ speciale che percorre Parigi ad impregnare uomini e storie della sua magia.
Non poteva non essere riservato ad una autrice il terzo appuntamento del cartellone di SPAZIO al SUD fissato per il 7 marzo, giusto a ridosso della “Festa della Donna”. Sempre alle 17:30, sarà la volta, infatti, della giornalista Daniela Tornatore, sorella minore del cineasta premio Oscar Giuseppe, di presentare il suo primo romanzo dal titolo “L’ultimo ricordo”, fresco di stampa per la collana Le Stanze delle Edizioni Leima.
Il libro, che maneggia con delicatezza e garbo una materia molto delicata, racconta l’intensa, complicata storia d’amore di tanti anni fa di Paolo ed Anna che si amano, si cercano, si lasciano per poi ricominciare, sino al giorno in cui Anna scompare definitivamente dalla vita di Paolo. Anna, precipitata nel buco nero di una forma precoce e aggressiva di Alzheimer che ne devasta l’esistenza, distruggendo la memoria di volti, fatti, sentimenti, azzerando i ricordi. Tutti tranne uno: Paolo. Toccherà ad Angela, caparbia giornalista a tutto tondo, portare alla luce e dare, dopo tanti anni, un finale diverso a questa storia d’amore arricchendola di un nuovo capitolo quando, incaricata di scrivere un articolo sullo stato, l’incidenza e gli effetti della terribile malattia degenerativa, lascia da parte numeri, statistiche ed etichette medico-scientifiche. Per dar conto alle parole.
Sabato 21 marzo, il debutto della Primavera astronomica accompagna, beneaugurante, quello di Annerose Czimczik Ragusa, originaria della Prussia Orientale ma taorminese d’adozione ed il suo libro di esordio, “Vita sognata e sogni vissuti”. Le oltre 300 pagine del volume, dall’accattivante copertina che esibisce un elaborato “Acchiappasogni” dei Nativi Americani, racchiudono 44 racconti scritti e raccolti negli anni, dallo stile e ritmo diversificati, suddivisi in quattro parti. Spaziando da racconti di fantasia a vicende sul filo autobiografico, da storie ispirate alla Sicilia a favole definite – con un ammiccante occhio scherzoso – quasi vere, la raccolta mette in mostra emozioni, osservazioni, riflessioni e ricordi di viaggio fusi e rielaborati, che trovano nei sogni diversi il comune denominatore.
Un libro che mette a rumore l’establishment accademico, facendo le pulci alla versione consolidata dagli Storici “ortodossi” è “La Storia dei Siculi fin dalle loro origini” – Etabeta edizioni – protagonista dell’incontro di sabato 18 aprile. Firmato dal trapanese Claudio D’Angelo, appassionato della storia e delle radici della sua terra, che con questa opera integra ed aggiorna in molte parti il saggio precedente del 2015, il testo è il risultato del lungo lavoro di una equipe di esperti in varie discipline e in diversi rami che va ad arricchire l’annoso studio di D’Angelo sul percorso compiuto dal popolo dei Siculi fin dalle loro origini. Grazie ai risultati delle ricerche compiute da glottologi di fama, geografi, archeologi, antropologi, genetisti facenti parte del brain- team, l’analisi di D’Angelo si focalizza, facendo emergere una conclusione che rende giustizia alla verità storica.
A chiudere la kermesse del Caffè Letterario di SPAZIO al SUD, un tris d’autori – Adriano Di Gregorio, docente di Lettere nei licei, Piero Juvara, commediografo teatrale e sceneggiatore cinematografico, Mario Lo Giudice, interprete e traduttore linguistico – origini tra Catania e Siracusa, che il 9 maggio presentano il “Il pozzo delle Tre Lune”, Algra Editore. Un libro che, in quattordici racconti, declina sapientemente sfumature di “generi” diversi, dal giallo al rosa, dal nero al ‘verde’, affidati a registri stilistici molto differenti tra loro. In un susseguirsi di emozioni, il compito, decisamente riuscito, di descrivere situazioni, sentimenti, vizi e virtù di donne e uomini siciliani, specchi di una condizione di perenne equilibrio precario tra follia e saggezza, innovazione e tradizione, banale ottusità e geniale acume. Il tutto, con un tocco poetico.

Visite: 25
Categorie
Eventi

PROGRAMMA CULTURALE DEL CARNEVALE DI VENEZIA 2020 Il Gioco, l’Amore e la Follia Game, Love and Folly

PROGRAMMA CULTURALE DEL CARNEVALE DI VENEZIA 2020
Il Gioco, l’Amore e la Follia
Game, Love and Folly
Oltre 50 appuntamenti realizzati in collaborazione con 20 realtà cittadine
Venezia, 5 febbraio 2020 – “La vita è un gioco della follia in cui il cuore ha sempre ragione”. L’affermazione di Erasmo Da Rotterdam ha ispirato il nuovo Direttore Artistico del Carnevale di Venezia 2020, Massimo Checchetto, invitando a vivere il tradizionale appuntamento veneziano con giocosità, ma anche con grande amore, aggiungendo quel pizzico di follia che è l’ingrediente principale del Carnevale. “Nella straordinaria Città di Venezia, dove tutto è scenografico e al tempo stesso intimo, credo si debba valorizzare l’esistente per creare situazioni teatrali inaspettate che mettono in gioco divertimento, ironia e passione”.
In questo contesto, il programma culturale del Carnevale di Venezia mette in evidenza gli aspetti più nobili e più poetici di questa dinamica, diventando fucina di creatività e produzione artistica generata dalla vitale comunità delle più importanti istituzioni culturali cittadine, dell’associazionismo e degli artisti che insistono in questa realtà. Diciotto giorni di appuntamenti, a copertura dell’intero periodo della manifestazione dall’8 al 25 febbraio, e una proposta distribuita tra centro storico e terraferma.
Il palinsesto degli eventi è stato presentato oggi, 5 febbraio 2020, presso la sede RAI di Palazzo Labia. Sono interventi Paola Mar, Assessore al Turismo del Comune di Venezia, Massimo Checchetto, Direttore Artistico del Carnevale 2020, Piero Rosa Salva, Amministratore Unico di vela Spa e Marta Moretti, coordinatrice del programma culturale del Carnevale di Venezia 2020.
Circa 50 gli spettacoli prodotti da oltre 20 istituzioni cittadine: pièce teatrali, concerti, proiezioni cinematografiche, mostre, visite guidate, laboratori e attività ludico-didattiche per bambini declinano in modo vario il tema del gioco, dell’amore e della follia. Progetti originali e creati ad hoc, co-promossi da Vela e sostenuti dal Comune di Venezia, per offrire ogni giorno ad adulti e bambini numerosi appuntamenti, in maggior parte gratuiti, che sviluppano l’intrinseco rapporto tra Venezia e il suo Carnevale.
L’invito a riappropriarsi dei luoghi e a farsi sedurre dalle storie della kermesse è rivolto a tutti, cittadini, turisti, amanti della città.
In coincidenza con il Grand Opening del Carnevale a Cannaregio (Festa Veneziana), l’8 febbraio, la Fabbrica del Vedere inaugura Venezia, Carnevale e l’Amore. Immagini della Venezia in maschera, una esposizione che, con fotografie, estratti di film e oggettistica tra lo scherzoso e il licenzioso racconta il tema del Carnevale. Curata dall’Archivio Carlo Montanaro con la collaborazione dell’Università Popolare, CINIT e Fondazione Archivio Vittorio Cini, resterà aperta sino al 7 marzo.
Alla Fondazione Querini Stampalia, Di quale amore, di quanto amore, due straordinarie proiezioni di cinema delle origini, musicate dal vivo al pianoforte da Lorenzo Liuzzi, a cura dell’Archivio Carlo Montanaro. La prima ripercorre con una antologia la fatica, geniale e quasi sempre ironica, con cui il cinema muto si è avvicinato al tema dell’amore (venerdì 21 febbraio) e una seconda proiezione propone How a french nobleman got a wife through the New York Herald personal columns, di Edwin S. Porter (1904) e Io… e l’amore (Spite Marriage,) di E. Sedwick (1929) con Buster Keaton (sabato 22 febbraio). Inoltre, la Fondazione Querini Stampalia ospita Il Casanova di Federico Fellini, letture poetiche a cura di Gianni De Luigi (giovedì 20 febbraio) e promuove due originali percorsi guidati all’interno del palazzo: L’amore al tempo del Carnevale (sabato 22 e domenica 23 febbraio) e Carte di cuori (domenica 23 febbraio).
Il Centro Espositivo San Vidal, in campo San Zaccaria, ospita il progetto No Plastic Artivism di Alexandra Mas, dal titolo Amor che nullo amato amar perdona, con creazioni sul tema dei rifiuti e del riciclo, in collaborazione con il fotografo Marco Tassini e il team della Bottega dei Mascareri (dal 14 febbraio).
Interessante il percorso articolato nei Musei Civici veneziani che ospitano sette eventi in quattro sedi diverse. Nel Museo di Palazzo Mocenigo Linda Bobbo presenta Tra(i)vestiti. Ritratti femminili, un monologo comico sul tema del travestimento (sabato 15 febbraio). A Ca’ Rezzonico invece visita e laboratorio per bambini con Paper Mask (sabato 15 febbraio) e il racconto animato Innamorate a cura di Michela Mocchiutti con l’accompagnamento di Antonella Meridda che conduce alla scoperta delle attrici di teatro a partire dal Settecento (lunedì 24 febbraio). Casa di Carlo Goldoni presenta le Il Gioco, l’Amore e la Follia. Le 12 Marie del Carnevale raccontano Goldoni e il Carnevale (martedì 18 febbraio), mentre la compagnia Pantakin accompagnerà alla scoperta della commedia dell’arte con L’amor comico (giovedì 20 e domenica 23 febbraio). Infine, per festeggiare il compleanno di Carlo Goldoni, una speciale visita al museo a cura di Natalia Spolador e Pierdomenico Simone Casa e teatro, teatro e casa. Infine al Museo Correr, Alessandro Bressanello legge e interpreta Le favole di Gianni Rodari, per famiglie e bambini (sabato 22 febbraio).
Allo Spazio Badoer della Scuola Grande di San Giovanni Evangelista sarà presentata invece la mostra di maschere Il gioco, l’amore e la follia nell’immaginario popolare realizzate dall’artista Giorgio De Marchi promossa dall’associazione Bel Teatro. Per tutta la durata della mostra il “teatro di maschera” di Nora Fuser animerà l’evento (da sabato 15 febbraio).
Due gli incontri musicali presso la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista: C’era una volta…musica!, concerto degli allievi dell’Associazione Musicale “Ermanno Wolf-Ferrari”, diretti da Edda Pittan Lazzarini (sabato 22 febbraio), e Music in Love concerto a quattro mani di Ezio e Anna Lazzarini (domenica 23 febbraio).
Dedicati ai bambini sono i cinque laboratori – Paper circuit, Scribbling Machines, Circuiti Morbidi, Stencil and Stickers e Volare con i droni – organizzati da FabLab Venezia presso il VEGA, per avvicinare i più piccoli al mondo dell’autoproduzione, del riuso e della personalizzazione (sabato 15 e sabato 22 febbraio).
L’auditorium M9 ospiterà Gerardo Balestrieri in un omaggio a Corto Maltese con la presentazione del suo album Canzoni del Mare Salato (domenica 16 febbraio), e Alessandro Bressanello con Le favole di Gianni Rodari (domenica 23 febbraio).
Novità di questa edizione l’attività presso il Teatrino di Palazzo Grassi. Alberto Toso Fei presenta il tema del Carnevale in una conferenza spettacolo dedicata al gioco, all’amore e alla follia (domenica 16 febbraio), mentre Luca Scarlini, accompagnato da Francesca Benetti, ne La Ballata degli Amori Infelici ripercorre alcune delle vicende amorose più ‘catastrofiche’ tra letteratura e cronaca (venerdì 21 febbraio).
Ancora una volta la musica è protagonista a Palazzo Labia, con La metafora del cuore, recital pianistico di beneficienza di Letizia Michielon promosso dall’Associazione AgimusVenezia, Rotary Club Venezia e RAI del Veneto, il cui incasso sarà devoluto alla Casa Famiglia Pio X della Giudecca (lunedì 17 febbraio). Eros e Thanatos è invece il viaggio tragicomico in parole e musica nelle follie dell’amore a cura di Maurizio Agosti, in arte Principe Maurice, con il Maestro Raffaello Bellavista e il Maestro Matteo Marabini (mercoledì 19 febbraio).
Imperdibile, come in ogni edizione del Carnevale culturale, è la mostra documentaria curata dall’Archivio di Stato di Venezia, presso la sede dei Frari, dal titolo: Amori di carta, carte d’amore. Vicende di vita amorosa attraverso i documenti antichi della Serenissima (dal 18 al 25 febbraio). Il progetto è arricchito da un video che, partendo dai documenti, racconta una storia di amore violento e una di amore fedele. Sono previste visite guidate tutte le mattine, dal lunedì al venerdì.
Ricco il palinsesto carnascialesco allestito presso il Centro Culturale Candiani, con tre diversi spettacoli. A cura di Arte-Mide è La donna del fuoco. Marietta Barovier pioniera delle perle veneziane, che mette in scena la storia di una donna portatrice dei segreti dell’arte delle perle di vetro e dell’amore per la sperimentazione e l’alchimia (martedì 18 febbraio). Segue un monologo comico di Linda Bobbo, Tra(i)vestiti. Ritratti femminili, una carrellata di donne di estrema originalità (mercoledì 19 febbraio). Dedicato a un pubblico di più piccoli è invece Il frigorifero lirico di Antonio Panzuto, un’opera ambientata in un frigorifero che prende ispirazione dal Vascello fantasma di Richard Wagner.
Repliche di La donna del fuoco. Marietta Barovier pioniera delle perle veneziane e de Il frigorifero lirico sono previste anche a Venezia, nel Teatrino Groggia (rispettivamente venerdì 21 e lunedì 24 febbraio). Lo spettacolo promosso da Arte-Mide su Marietta Barovier va in scena anche a Murano, nel Teatro Lino Toffolo (sabato 22 febbraio) e al Teatro a l’Avogaria (domenica 23 febbraio).
Immancabile l’appuntamento con l’Ateneo Veneto che, anche quest’anno, crea una vera e propria mini stagione carnevalesca, con quattro pomeriggi di eventi. Gerardo Balestrieri presenta il suo album Canzoni del mare salato (mercoledì 19 febbraio). L’Associazione Culturale Musica Venezia diretta da Roberta Reeder presenta un inedito spettacolo dedicato a due celebri protagonisti del Carnevale con Una serata con Arlecchino e Pierrot (giovedì 20 febbraio). Vogio cantar e star alegramente di Emi(n)canto Trio (Monica Giori, Verdiana Bacchin, Erika Tosato), Nina Pesce e Stefano Patron, promosso dall’associazione La Rete, porta in scena la tradizione delle villotte, il canto popolare delle donne veneziane (venerdì 21 febbraio). Conclude gli appuntamenti in Ateneo Veneto Passioni, vizi virtù… ieri come oggi, un spettacolo pomeridiano dedicato alle più famose commedie goldoniane a cura di Acqualta Teatro (martedì 25 febbraio).
La storia della fuga dalla prigione dei Piombi di Giacomo Casanova, Fuga dai Piombi. I fantasmi di Goldoni e Casanova a Venezia, va in scena al Consolato di Svizzera, nel Palazzo Trevisan degli Ulivi a cura di Antonella Barina e promosso dall’associazione La Rete (giovedì 20 febbraio).
Anche le grandi istituzioni veneziane partecipano al palinsesto culturale del Carnevale proponendo le proprie importanti rassegne. Anche quest’anno infatti la Fondazione La Biennale di Venezia prevede un calendario ricco di appuntamenti con l’ormai consolidato Carnevale dei ragazzi, arrivato quest’anno alla sua undicesima edizione (dal 18 al 23 febbraio).
Prestigiosa è la programmazione del Teatro La Fenice, che propone il balletto Duse (8 e 9 febbraio), il melodramma L’elisir d’amore (dal 15 al 25 febbraio). A seguire, il format di grande successo: il CarnivalCocktail nelle Sale Apollinee (20 e 23 febbraio). Le Sale Apollinee ospitano inoltre Fantasmagorie. Vita, morte e miracoli di Pulcinella, spettacolo di teatro musicale liberamente ispirato alle opere di Giandomenico Tiepolo. Al Teatro Malibran invece La serva padrona, con musiche di Giovanni Battista Pergolesi (sabato 15 febbraio).
Il palinsesto del Teatro Goldoni si inserisce nel programma culturale del Carnevale con la consueta ricca programmazione che include lo spettacolo di Ennio Marchetto e Sosten Hennekam The Living Paper Cartoon (giovedì 20 febbraio), La casa nova di Carlo Goldoni (da venerdì 21 a domenica 23 febbraio) e infine Winners Gala, con i ballerini e coreografi vincitori della Russian National Ballet Competition (martedì 25 febbraio).
Il Teatro Toniolo si inserisce nel programma culturale del Carnevale con Così per gioco, ovvero il gioco dell’oca di Carlo & Giorgio (dal 20 al 23 febbraio) e con We will rock you, musical scritto e prodotto da Ben Elton, in collaborazione con Roger Taylor e Brian May (25 febbraio).
Al Teatro Momo la Goldoniana Compagnia Teatrale mette in scena Una delle ultime sere di Carnovale di Carlo Goldoni (domenica 23 febbraio).
Imperdibile la mostra organizzata da Science Gallery presso CFZ- Ca’ Foscari Cultural Flow Zone: Illusion: Nothing is as it seems, dove scienza e arte si incontrano, dimostrando quanto la mente umana sia facilmente ingannabile (fino al 4 aprile).
All’elenco delle mostre si aggiunge Diorami dal Vangelo. Gesù: la vita, esposizione nel Santuario di Lucia (campo San Geremia) realizzata da Francesco Bonvissuto e curata da Gianmatteo Caputo che racconta gli episodi della vita di Cristo, proponendo una lettura semplice e incisiva del Vangelo, accessibile anche ai non vedenti (aperta fino a maggio).
Gli appuntamenti alla Collezione Peggy Guggenheim sono anche quest’anno molteplici: visite guidate giornaliere alla scoperta della collezione permanente e Maschere!, laboratorio per bambini, che prende ispirazione dalle maschere di origine africana, oceanica e meso-americana presenti nella mostra Migrating Objects. Arte dall’Africa, dall’Oceania e dalle Americhe nella Collezione Peggy Guggenheim (domenica 23 febbraio).
Prosegue anche quest’anno Venezia, una vita in maschera, il racconto della tradizione delle maschere offerto da Ca’ Macana, con un ricco calendario di appuntamenti, dove si può godere anche di una dimostrazione pratica (dall’8 al 25 febbraio).
Palazzetto Bru Zane propone una conferenza dal titolo Risate in miniatura: Offenbach e i maestri dell’operetta (giovedì 20 febbraio) e mette in scena l’operetta in lingua francese Offenbach e Wachs (da venerdì 21 a domenica 23 febbraio). Sarà inoltre eccezionalmente aperto al pubblico per sei giorni di visite guidate gratuite in varie lingue (da giovedì 20 a martedì 25 febbraio).
Palazzo Grimani ospiterà un’incredibile rievocazione storica con Le Marie incontrano la Collezione Grimani, progetto a cura di Mariagrazia Bortolato e Raffaele Dessì con il Maestro Fernando De Luca e il Maestro Marco Rosa Salva (lunedì 17 febbraio).
Café Sconcerto, con lo spettacolo Amore, Follia e Gioco, racconterà presso la sala teatro di Chirignago quanto l’amore sia un folle gioco a due, in un turbinio di canzoni e di duetti comici (sabato 15 e domenica 16 febbraio).
Tra le iniziative culturali, il progetto di Roberto Zamberlan sul colombo, elemento chiave della quotidianità cittadina. Dodici riproduzioni del volatile, create da altrettanti artisti, verranno assegnate a ciascuna delle Marie del Carnevale. Undici delle opere verranno in seguito vendute a un’asta di beneficienza, mentre la dodicesima, quella assegnata alla Maria vincitrice, resterà al Ristorante Colombo, sponsor del progetto.
Il programma culturale è stato coordinato da Marta Moretti con la collaborazione di Andrea Mariam Corrente.
Tutti i dettagli, gli orari e i giorni delle repliche e le modalità di prenotazione e accesso agli spettacoli e ai concerti sono disponibili on line, nel sito www.carnevale.venezia.it.

Visite: 17
Categorie
Eventi

GIGI D’ALESSIO “NOI DUE TOUR 2020 – A gentile richiesta” ANNUNCIATE TRE NUOVE DATE 25 APRILE A CATANIA 19 MAGGIO A ROMA 24 MAGGIO A MILANO

GIGI D’ALESSIO
“NOI DUE TOUR 2020 – A gentile richiesta”
ANNUNCIATE TRE NUOVE DATE
25 APRILE A CATANIA
19 MAGGIO A ROMA
24 MAGGIO A MILANO
Uno spettacolo dedicato ai fan che potranno richiedere i brani in scaletta
Gigi D’Alessio aggiunge un tre nuovi appuntamenti del “Noi due tour 2020”, che raddoppia al Teatro Metropolitan di Catania il 25 aprile e fa tappa anche all’Auditorium Parco della Musica di Roma il 19 maggio e al Teatro Nazionale di Milano il 24 maggio. Le prevendite sono disponibili da oggi mercoledì 5 febbraio per il Fan Club e da giovedì 6 febbraio per tutti.
Super ospite sul palco del Festival di Sanremo 2020, reduce dal successo televisivo con Vanessa Incontrada di “20 anni che siamo italiani” su Rai 1 e dai sold-out dello spettacolo con Nino D’Angelo “Figli di un Re minore”, Gigi torna davanti al suo pubblico nella dimensione più intima dei teatri con uno spettacolo che punta a rendere protagonisti tutti i fan: “a gentile richiesta” infatti, gli spettatori potranno intervenire per richiedere le canzoni da suonare, dai grandi successi ai brani dell’ultimo disco “Noi due” uscito a ottobre, e interagire così direttamente col cantautore.
Ad affiancare Gigi sul palco una band con la quale il cantante ha ormai raggiunto una grande intesa: Alfredo Golino alla batteria, Giorgio Savarese e Lorenzo Maffia alle tastiere, Roberto D’Aquino al basso, Maurizio Fiordiliso e Pippo Seno alle chitarre.
Queste le date annunciate: 17 marzo Brescia – Teatro Dis_Play, 18 marzo Bologna – Teatro EuropAuditorium, 21 marzo Montecatini – Teatro Verdi, 25 marzo Genova – Teatro Politeama, 29 marzo Cremona – Teatro Ponchielli, 1° aprile Parma – Teatro Regio, 3 aprile Varese – Teatro Openjobmetis, 7 Torino – Teatro Colosseo, 18 Bari – Teatro Team, 22 aprile Crotone – PalaMilone, 24 e 25 aprile Catania – Teatro Metropolitan, 27 aprile Firenze – Teatro Verdi, 29, 30 aprile e 1° maggio Napoli – Teatro Augusteo, 19 maggio Roma – Auditorium Parco della Musica, 24 maggio Milano – Teatro Nazionale.
RTL 102.5 è media partner del tour.

Visite: 10
Categorie
Eventi

I CAVALIERI DI MALTA OSJ PRESENTI PER SANT’AGATA ALL’OFFERTA DELLA CERA

I CAVALIERI DI MALTA OSJ PRESENTI PER SANT’AGATA
ALL’OFFERTA DELLA CERA
“Con carità ed umiltà a servizio dei bisognosi”
La Piazza Stesicoro a Catania, in occasione della Solenne Processione dell’offerta della cera in onore della Santa Patrona e Martire Sant’Agata, si tinge dei colori delle insegne della croce ottagona dei Cavalieri di Malta O.S.J. del Gran Priorato di Sicilia – dell’Ordine dinastico del Principe Gran Maestro Don Thorbjorn Paternò Castello di Carcaci e d’Aragona, e dalla missione ospitaliera e caritativa che hanno reso glorioso l’Ordine nella storia.
La processione, detta anticamente la processione della luminaria alla quale partecipano il clero, le autorità cittadine con in testa il sindaco e la giunta comunale, gli antichi ordini militari e cavallereschi, parte dalla Chiesa di Sant’Agata alla Fornace in piazza Stesicoro, ovvero la fornace in cui sarebbe stata martirizzata Sant’Agata, per raggiungere, attraverso la vita Etnea e piazza Duomo, la Cattedrale di Sant’Agata.
I Cavalieri di Malta OSJ, con la carità ed umiltà che caratterizza l’operosità caritatevole gerosolimitana dell’Ordine ospitaliero, non hanno voluto far mancare la loro presenza a tale evento.
Hanno presenziato alla processione.
Vice Priori: S.E. Dama G.C. Dr. Natalina Romania Ministro dell’istruzione; Cavaliere Prof. Giovanni Maria Alongi;
Cavaliere Davide Aleo; Cavaliere Giuseppe Maugeri.
Gran Cancelliere S.E. Cavaliere G.C. Renato Pollari.
Cavalieri e Dame: G.C. Carmelo Grassia; G.C. Giuseppe Romano; Avv. Marisa Coco; Dr. Giuseppe Alizzio; Rosario Menza; Giuseppe Favara; Pietro Vinti: Veronica Elia Agosta.
Responsabile Servizi Sanitari: Dott. Giuseppe Nicotra e Dott. Santo Cordovana. Responsabile comunicazione: Dott. Valerio Martorana.

Visite: 13
Categorie
Eventi

Venezia – CARNIVAL OFFICIAL DINNER & BALL “NURTURE LOVE, FEED THE FOLLY” 15, 16 e dal 20 al 25 febbraio – ore 21.00 – Ca’ Vendramin Calergi

CARNIVAL OFFICIAL DINNER & BALL
“NURTURE LOVE, FEED THE FOLLY”
15, 16 e dal 20 al 25 febbraio – ore 21.00 – Ca’ Vendramin Calergi
Al via sabato 15 febbraio 2020, nella prestigiosa sede storica del Casinò di Venezia, Cà Vendramin Calergi, l’evento glamour della manifestazione,
“NURTURE LOVE, FEED THE FOLLY”, IL DINNER SHOW UFFICIALE DEL CARNEVALE DI VENEZIA
Dall’animazione artistica della compagnia Nuart e l’aperitivo firmato Aperol fino al menù esclusivo del Ristorante Wagner, sarà una serata “fuori dallo spazio e dal tempo”. Dopo cena si balla con ritmi selezionati da due Deejay d’eccezione, Oyadi e la modella Gloria Fregonese.
Venezia 4 febbraio 2020
Cresce l’attesa per l’evento glamour del Carnevale di Venezia 2020 che ha già registrato il sold out in alcune date. Nella prestigiosa sede del Casinò di Venezia Cà Vendramin Calergi, già residenza di Richard Wagner che vi compose il Parsifal, si terrà a partire da sabato 15 febbraio 2020, “Nurture Love, Feed the Folly”, la cena ufficiale curata dal direttore artistico della manifestazione Massimo Checchetto.
Un lussuoso gala immerso in un’atmosfera all’insegna del gioco, dell’amore e della follia. Il tema di questa edizione del Carnevale sarà rievocato nelle sale da un cast di artisti internazionali composto da attori, ballerini, musicisti e performer. Gli ospiti verranno accolti da un anfitrione speciale, il Principe Maurice, simbolo del Carnevale veneziano che li porterà in una dimensione onirica, fuori dallo spazio e dal tempo, attraverso l’animazione artistica della compagnia Nuart con danzatori, performer e intrattenitori in costume che gireranno tra i tavoli allestiti in tema.
Aperol, storico brand nato nel 1919 che deve al Veneto non solo le proprie radici, ma anche il successo e la diffusione del rito dell’aperitivo nel mondo, non poteva mancare l’appuntamento con la festa veneziana per eccellenza. Sarà infatti l’iconico Aperol Spritz ad accogliere tutti gli ospiti che varcheranno la soglia del Casinò di Venezia Cà Vendramin Calergi per un aperitivo all’insegna della condivisione e della voglia di stare insieme.
Una serata unica anche per il palato, con il raffinato e ricco menu proposto dagli chef del Ristorante Wagner in una cena dove sapori della tradizione si sposano con innovativi e sorprendenti abbinamenti.
A seguire spazio alla musica da ballo. Ci si potrà scatenare sui ritmi selezionati da due Deejay d’eccezione, Oyadi e la modella Gloria Fregonese. Chi vorrà tentare la fortuna potrà invece accedere ai tavoli provando il brivido della roulette o degli altri giochi classici.
“Al Casinò di Venezia si può vivere il Carnevale nella sua dimensione più mondana e misteriosa – spiega il Direttore della manifestazione Massimo Checchetto-, In una location storica affacciata sul Canal Grande dal fascino innegabile, luci, costumi, musica per scivolare in una dimensione www.carnevale.venezia.it onirica dove la realtà si tramuta in fantasia con un occhio di riguardo al lato gourmet, grazie ad un menu preparato ad hoc. Tutti i sensi, a partire dal gusto, sono coinvolti in questo dinner show, che da anni si è ormai accreditato come il must di questo straordinario periodo”.
I biglietti essere acquistati online presso il sito ufficiale, tramite call-center Hellovenezia +39 041 2424 oppure presso i punti vendita Venezia Unica.
Il biglietto della serata prevede speciali convenzioni con due atelier veneziani, Atelier Pietro Longhi e Atelier Nicolao.

Visite: 11