Categorie
Convegni

Seminario on line sull’internazionalizzazione delle imprese

Seminario on line sull’internazionalizzazione delle imprese
Live 14 aprile 2020 dalle 17.30 alle 19.00 sul sito www.centrostudifeas.it
Si effettuerà nella serata del 14 aprile, un seminario on line, riguardante l’internazionalizzazione delle imprese, sul sito del Centro Studi FEAS. L’evento, dal titolo: “Internazionalizziamo e non limitiamo le nostre azioni imprenditoriali”, sarà gestito dalla piattaforma digitale GoToWebinar, sviluppata dal Centro Studi FEAS. Al seminario on line (o webinar), interverranno in qualità di relatori Manfredi Mercadante, Co-founder di Eclipde e Matilda Balliu, Senior Manager di Muja & Associati.
La partecipazione al webinar è totalmente gratuita e può essere effettuata, previa un’iscrizione on line, direttamente nel portale del Centro studi FEAS: www.centrostudifeas.it. I partecipanti al webinar riceveranno un’attestato di partecipazione.
Il tema del webinar è l’internazionalizzazione delle imprese, che, secondo gli esperti del settore economico-finanziario, rappresenta una imperdibile opportunità di crescita e di sviluppo.
È ormai assodato, infatti, che nei paesi emergenti e in via di sviluppo, l’eccellenza italiana ricopre una posizione di vantaggio non ancora sufficientemente messa a frutto. Risulta, quindi, più che mai necessario e vantaggioso, creare per le aziende tutti i presupposti per l’attivazione dei processi di internazionalizzazione e di outsourcing, cioè di reclutamento del personale esterno.
Tuttavia, però, in determinati contesti vi sono difficoltà intrinseche, date dal grado di competitività delle imprese già presenti sul mercato estero e dal contesto socio-economico del paese di riferimento.
Il Webinar intende fornire una panoramica sostanziale su cosa significhi Internazionalizzare un’impresa all’estero, e cosa occorre per pianificare una corretta strategia di internazionalizzazione di un segmento industriale, di un prodotto o servizio professionale.
Si proverà, in altri termini e con esempi concreti, a rendere consapevoli gli imprenditori ed i professionisti, dell’importanza di poter provare a de-localizzare complessi industriali, anche solo provando ad esportare in un paese estero ciò che nel paese di origine è possibile produrre, o finanche producendo all’estero ciò che originariamente era gestito nella propria azienda madre, per esigenze competitive e di fiscalità Internazionale adatte al caso specifico.
Il webinar sarà suddiviso in quattro Sessioni, che nell’ordine di svolgimento sono:
a) Pianificazione strategica: ricerche di mercato, individuazione paese;
b) Istituti giuridici tipici per accordi commerciali all’estero;
c) Risorse finanziarie: banche d’affari e finanziamenti per le imprese;
d) Possibili disaccordi commerciali all’estero e individuazione delle soluzioni concrete.
L’obbiettivo principale della lezione di Internazionalizzazione di imprese all’estero, sarà orientato a trasmettere le competenze e le tecniche adottate dalle imprese, per l’avviamento di un’attività all’estero o semplicemente per creare sinergie con partner esteri per la vendita dei propri beni e servizi e creare i giusti presupposti per de-localizzare interi segmenti industriali all’estero.
Si proverà quindi ad eseguire un esempio astratto, simulando una situazione nella quale, immedesimandosi nelle qualità di imprenditori di un determinato settore (merceologico, agroindustriale, manifatturiero ecc.) si proverà a seguire una mappa concettuale, che è propria di un processo di internazionalizzazione.
La simulazione aziendale avrà quindi dei passaggi che ogni imprenditore deve seguire o che i consulenti del settore devono riuscire a trasmettere ai propri clienti.
Il Centro Studi FEAS organizza corsi di formazione per i lavoratori, conformi a quanto disposto dal più recente Accordo fra Stato e Regioni del 7 luglio 2016, pertanto validi e riconosciuti su tutto il territorio nazionale. Fra le attività del Centro Studi FEAS, vi sono anche dei webinar che riguardano vari argomenti di interesse sociale e carattere culturale; dove diversi esperti e appassionati di settore, interagiscono attraverso un’apposita piattaforma digitale.

Visite: 12
Categorie
Convegni

Caltagirone“Il patrimonio Olivicolo, la biodiversità e la rinascita delle zone interne: criticità e punti di forza”

“Il patrimonio Olivicolo, la biodiversità e la rinascita delle zone interne: criticità e punti di forza” è il tema del workshop organizzato dalla Sopat n. 47 dell’E.S.A. di Valguarnera che si terrà venerdì 6 marzo alle ore 17,00 nei locali del salone “Silvio Milazzo” in piazza Municipio a Caltagirone (Ct). L’appuntamento nasce nell’ambito delle iniziative legate all’annuale concorso regionale “Morgantìnon” degli oli e.v.o. siciliani edizione 2020 la cui premiazione avrà luogo ad Aidone (En) nel prossimo mese di aprile.
L’appuntamento trova la collaborazione del Libero Consorzio Comunale di Enna, Vini e Oli di Sicilia, Istituto Regionale Vini ed Oli di Sicilia, Città di Caltagirone e Camera di Commercio Sud Est di Catania.
Sinteticamente il programma del workshop.
I lavori saranno aperti alle 17,00 con i saluti del dott. Antonino Cosimo D’Amico Commissario ad Acta dell’Ente Sviluppo Agricolo al quale seguirà l’On.le Gino Ioppolo Sindaco di Caltagirone, il dott. Calogero Giancona Tecnico progetto U.E. miglioramento qualità oli e il dott. Pietro Agen Presidente Camera di Commercio Sud-Est Sicilia.
Alle 17,30 è previsto l’inizio dei lavori con una introduzione del Consigliere di Amministrazione dell’Ente Sviluppo Agricolo Giosuè Catania, il quale ha anche il compito di moderare gli interventi. I vari aspetti delle tematiche legate al patrimonio Olivicolo siciliano, alla biodiversità e alla rinascita delle zone interne saranno tracciate dal Prof. Gaetano Chinnici Ricercatore di Economia ed estimo rurale presso l’Università degli Studi di Catania, dal Dott. Nino Sutera Direttore Azienda Sperimentale Campo Carboj dell’ESA, dal Dott. Michele Riccobono Dirigente Istituto Regionale del Vino e dell’ Olio, dall’Ing. Francesco Caristia Assessore Sviluppo Economico Comune di Caltagirone, dal Dott. Carmelo Nicotra Direttore Stazione Consorziale Sperimentale di Granicoltura per la Sicilia di Caltagirone, dal Dott. Michele Assenza Dirigente Servizi allo Sviluppo dell’ESA, dal Dott. Dario D’Angelo Responsabile SOPAT 47 di Valguarnera dell’ESA, da Calogero Sardo Consigliere di Amministrazione ESA.
Infine alle 19,30 è previsto l’inizio del dibattito e le conclusioni.
E’ possibile consultare il programma nel dettaglio sulla pagina: http://www.entesviluppoagricolo.it/news/morgantinon/
Il Concorso “Morgantìnon” è organizzato dall’Ente di Sviluppo Agricolo, attraverso la SOPAT di Valguarnera, con la collaborazione del Libero Consorzio Comunale di Enna.
Per info:
ESA-SOPAT 47 – VALGUARNERA
Tel. 0935/950026 Fax 0935/950200
sopat.valguarnera@entesviluppoagricolo.it
www.entesviluppoagricolo.it

Visite: 17
Categorie
Convegni

INTERESSANTE CONVEGNO SULLE AREE INTERNE – di Angiolo Alerci

INTERESSANTE CONVEGNO SULLE AREE INTERNE
Si è svolto a Pietraperzia, sabato 29 febbraio, un Convegno di studi su “Aree interne della Sicilia e sviluppo locale”, organizzato dall’Associazione PoliOrienta che è un Ente del terzo settore con sede a Pietraperzia.
Il Convegno ha inteso individuare e analizzare le nuove sfide che attendono gli Enti locali delle aree interne della Sicilia: non solo erogatori di servizi pubblici locali ai cittadini, ma anche gestori di servizi legati allo sviluppo del territorio.
“Da alcuni anni, l’Associazione PoliOrienta – ci ha informato la sua presidente Enza Di Gloria – opera con l’obiettivo di stimolare il tessuto economico locale ed avviare attività di interazione/collaborazione tra le filiere economiche particolarmente significative presenti sul territorio di Pietraperzia e quindi a sostenere l’auto-attivazione del territorio finalizzata al proprio sviluppo. Ma abbiamo la consapevolezza che questo è un compito che dovrebbe svolgere l’Ente Locale, il Municipio”.
Ad aprire i lavori è stato il Prof. Andrea Piraino, ordinario di Diritto Regionale presso l’Università di Palermo, già Segretario generale di ANCI Sicilia ed esperto di Enti Locali, che ha relazionato sul tema “Il ruolo degli enti locali nella pianificazione e programmazione strategica per lo sviluppo locale”. “E’ dai Comuni che dobbiamo ripartire – ha affermato il Prof. Piraino – se vogliamo, questa volta veramente, metterci in cammino per rifondare il sistema dei nostri poteri pubblici e le relative responsabilità e funzioni. Senza una tale consapevolezza ogni intervento di cambiamento si rivelerà quantomeno effimero, quando non addirittura dannoso”.
Di seguito l’intervento del Dott. Francesco Costanzo, esperto del mercato del lavoro, che proprio sullo spopolamento delle aree interne della Sicilia ha posto il suo accento: “Negli anni passati sono stati fatti diversi progetti nelle aree interne della Sicilia, sia con fondi ordinari sia con fondi della politica di coesione e dello sviluppo rurale. Oggi, se no ci sono le pre-condizioni di 1) accessibilità: 2) salute; 3) scuola, è inutile fare qualsiasi strategia. Necessitano però forti processi di ascolto”.
Ha moderato il Convegno il Dott. Vincenzo Di Natale, formatore ed esperto di Direzione della pubblica amministrazione locale, che ha avviato i lavori argomentando sulla differenza che esiste fra “crescita” e “sviluppo”, che in economia è differenza di sostanza: “ I “viluppi” o “lacci” che oggi impediscono la libertà sociale – ha sostenuto il Dott. Di Natale – sono quelli che riguardano 1) il lavoro; 2) le ingiustizie e diseguaglianze sociali; 3) il deterioramento dell’ambiente.
Il Convegno si è concluso con una tavola rotonda nella quale hanno preso la parola i rappresentanti delle istituzioni presenti come il vice-sindaco del Comune di Aidone, delle associazioni di categoria CNA e Confartigianato di Enna, del mondo sindacale e degli ordini professionali della provincia di Enna.
Grande affluenza di pubblico e attiva partecipazione ai lavori da parte dei giovani di Pietraperzia hanno convinto dell’importanza della crescente richiesta, da parte dei cittadini, di prendere sempre più consapevolezza delle “res pubblicae” o tematiche inerenti la politica della Città.
Angiolo alerci

Visite: 12
Categorie
Convegni

Domani a Pietraperzia convegno su “Aree interne della Sicilia e sviluppo locale”

Domani a Pietraperzia convegno su “Aree interne della Sicilia e sviluppo locale”
“Aree interne della Sicilia e sviluppo locale”, questo il titolo del convegno che si terrà a Pietraperzia, sabato 28 alle ore 17,30, presso l’auditorium dell’ Istituto comprensivo Vincenzo Guarnaccia, organizzato dall’associazione PoliOrienta e promosso dall’associazione Kairos. Gli enti locali si trovano di fronte ad una serie di sfide che stanno trasformando e ampliando il loro ruolo e funzione: non solo erogatori di servizi pubblici locali ai cittadini quindi sicurezza urbana, servizi sociali, ambientali, urbanistici e così via ma anche gestori di servizi legati allo sviluppo del territorio. Nuove e più impegnative funzioni diventano fondamentali nella missione dei suddetti enti: la pianificazione strategica e la programmazione integrata dello sviluppo locale. “Tale prospettiva – sostengono gli organizzatori – richiede la costruzione di una nuova capacità di agire come attori produttivi nei processi di formulazione della politica di sviluppo. Il convegno vuole essere un momento importante di discussione sulle sfide dello sviluppo locale e regionale, anche alla luce delle indicazioni ONU per il 2030, andando oltre gli obiettivi della programmazione comunitaria 2014-2020”. Il programma della giornata si aprirà con i saluti di benvenuto da parte di Enza Di Gloria, presidente dell’associazione PoliOrienta; a seguire la relazione” Il ruolo degli enti locali nella pianificazione e programmazione strategica per lo sviluppo locale” a cura di Andrea Piraino professore di Diritto pubblico comparato dell’Università di Palermo, intorno alle 19a relazionare sulla Sicilia e sviluppo sostenibile, Francesco Costanzo, esperto del mercato del lavoro. A chiusura dei lavori una tavola rotonda su: il governare i processi di sviluppo integrato a livello locale. Con l’intervento dei rappresentanti delle istituzioni, delle associazioni di categoria e dei sindacati; modera Vincenzo Di Natale.

Visite: 12
Categorie
Convegni

Enna, L’ACCADEMIA PERGUSEA ORGANIZZA AL “GARDEN” UNA CONFERENZA CON DUE RELATORI D’ECCEZIONE, IL PROF. MAURIZIO ODDO E IL MEDICO DOMENICO MACALUSO.

Enna, L’ACCADEMIA PERGUSEA ORGANIZZA AL “RIVIERA HOTEL” UNA CONFERENZA CON DUE RELATORI D’ECCEZIONE, IL PROF. MAURIZIO ODDO E IL MEDICO DOMENICO MACALUSO.
“Dal mito alla scienza e ritorno. Vulcani e Sicilia. l’Isola Ferdinandea” è il tema dell’incontro che si terrà venerdì 28 febbraio 2020 nel salone del Riviera Hotel di Pergusa. Ad organizzare l’evento l’Accademia Pergusea in collaborazione con il Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, Delegazione Sicilia, Interverrà il Prof. Maurizio Oddo su “Il mito di Colapesce e il ruolo del Vulcano”, che, come si sa, è l’antica leggenda dell’uomo che regge la Sicilia sulle spalle, leggenda tra le più conosciute e amate in Sicilia. Il prof. Oddo, architetto, accademico perguseo emerito, professore ordinario alla facoltà d’Ingegneria e architettura all’Università di Enna Kore, è stato anche progettista dell’avveniristica biblioteca dell’Ateneo ennese, la più grande d’Europa, novemila metri quadrati, mille postazioni e una lunghezza di centosei metri, quasi come un campo di calcio, definita il fiore all’occhiello della “Kore”.
Il Dott. Domenico Macaluso, che intratterrà il pubblico su “I Vulcani del Canale di Sicilia e variazioni climatiche”, è medico e Ispettore Onorario dell’Assessorato Regionale ai BB.CC, della Regione Siciliana. Ha scoperto il Complesso Vulcanico “Empedocle” nel canale di Sicilia. Nel suo intervento illustrerà l’area del tratto di mare di Sciacca con il suo straordinario patrimonio geologico, biomarino e archeologico-marino, un’area interessata da vulcanismo attivo sin dal 1831.
L’Accademia, fortemente voluta da Don Giuseppe Scalingi, uomo di chiesa ed esperto di diritto, nasce il 12 settembre 1762. Il Marchese Giovanni Fogliari, Viceré di Sicilia, lo stesso anno approva lo statuto dando il nome di “Pergusea” in omaggio al Lago di Pergusa, considerato un elemento identitario specifico e vigoroso. Il prestigio della Pergusea, con alterne vicende, dura per quasi un secolo e mezzo. Ma alle soglie del XX secolo, nel 1904, cessa definitivamente l’esistenza.
Viene rifondata nel 2008 da ventidue “valentuomini” così come ventidue erano i fondatori di quella ‘storica’, oltre due secoli e mezzo fa. Ne ha assunto la presidenza il dinamico e appassionato Nino Gagliano che, in un recente incontro, ha commentato: “L’Accademia Pergusea, in questi dodici anni dalla sua rifondazione, ha raggiunto prestigiosi traguardi dando vita ad iniziative che guardano alla vita sociale cittadina per un sempre crescente sviluppo economico, tanto più urgente ed essenziale quanto più profonde si mostrano le ragioni dalla crisi in atto”. E aggiunge “L’Accademia è anche un laboratorio di cordialità, senso di appartenenza e amicizia tra i soci, capace d’individuare momenti di aggregazione e d’intervento peculiari, finalizzati alla convivenza civile”. Alla conviviale che seguirà parteciperanno il Dott. Antonio Di Janni, referente della Delegazione Sicilia del Sacro Ordine Costantiniano di San Giorgio e il Dott. Matteo Bertino per la Delegazione di Enna.
Salvatore Presti

Visite: 13
Categorie
Convegni

Inbar; a Ragusa al via progetto "Riusiamo Ragusa"

Nell’ambito del Protocollo Nazionale “Riusiamo l’Italia” coordinato dall’arch. Roberto Tognetti, componente del Comitato Scientifico Nazionale INBAR, la Sezione di Ragusa, diretta dall’arch. Giuseppe Cucuzzella, organizza il 28 e 29 febbraio l’evento “Riusiamo Ragusa”.
Obiettivo principale è facilitare l’incontro (matching) tra l’offerta di spazi disponibili per il riuso e gruppi di giovani potenziali start uppers, pronti ad intraprendere.
Vista la grande disponibilità di spazi ed il forte interesse di target specifici al loro riuso, nasce l’ipotesi di facilitare l’incontro tra quei beni immediatamente disponibili e la specifica domanda finalizzata a riempire anche solo una parte di essi, con idee e talenti legati a progetti artistici, creativi, culturali e sociali. Garantire questo “matching” tra domanda ed offerta può contribuire alla rinascita delle periferie delle città, innescando nuovi percorsi creativi. Riusare anche solo il 3% de questo capitale inagito del Paese favorendo l’avvio di attività lavorative in ambito artistico/culturale di almeno due giovani, contribuirebbe ad una riduzione significativa della disoccupazione giovanile (dal 5 al 10%). Si tratterebbe di una vera e propria manovra economica lowcost, “anticiclica”, che nasce dal basso. E sarebbe la più grande in Europa…
“C’è la visione convergente tra i principi di eco-sostenibilità e bio-compatibilità promossa dall’Istituto Nazionale di Bioarchitettura e l’approccio di circolarità generativa di ‘Riusiamo l’Italia’ – afferma il Presidente Nazionale Anna Carulli -. E’ in corso in tal senso una mobilitazione a livello nazionale, dove trovano spazio alcune iniziative di divulgazione e sperimentazione come nel caso di Ragusa. La sezione INBAR Ragusa recependo il protocollo nazionale, organizza un appuntamento di due giornate finalizzate a definire un meccanismo di ‘innesco’ di un processo, con la partecipazione di importanti soggetti pro-attivi per lo sviluppo locale”.
L’appuntamento, che si terrà all’Istituto Tecnico per Geometri Rosario Gagliardi e nella sede della Cna territoriale di Ragusa, vedrà la presenza di Anna Carulli, presidente nazionale Inbar, e di Roberto Tognetti, componente del comitato scientifico nazionale Inbar e direttore della fondazione “Riusiamo l’Italia”.

Visite: 8
Categorie
Convegni

Imprese italiane con il carico fiscale tra i più alti al mondo Avvocati tributaristi a confronto sulle novità fiscali del 2020

Imprese italiane con il carico fiscale tra i più alti al mondo
Avvocati tributaristi a confronto sulle novità fiscali del 2020
L’appuntamento domani, 26 febbraio, all’Istituto Gonzaga
In Italia il carico fiscale e contributivo complessivo delle imprese, è pari al 59,1 %, tra i più alti a livello mondiale. Questo è uno dei dati più allarmanti che sarà discusso domani, mercoledì 26 febbraio 2020, a partire dalle 9,30 e per tutta la giornata, nell’auditorium dell’Istituto Gonzaga, in via Mattarella 38, a Palermo.
L’Unione nazionale camere avvocati tributaristi (Uncat) e la Camera di Palermo in collaborazione con Italia Oggi, hanno infatti organizzato il convegno “Le novità fiscali 2020”. Un evento dinamico, che si svolgerà in collegamento con le altre sedi della scuola di alta formazione dell’Uncat. Verranno analizzate le principali misure fiscali contenute nel decreto legge di fine anno e nella legge di bilancio.
Interverranno Gaetano Armao, assessore all’Economia della Regione Sicilia, Antonio Damascelli, presidente dell’Uncat, Alessandro Paino, presidente della Camera avvocati tributaristi di Palermo, Giovanni Immordino, presidente dell’ordine degli Avvocati di Palermo, Fabrizio Escheri, presidente dell’ordine dei Dottori Commercialisti di Palermo, Giuseppe Di Stefano, presidente Unione Ordini Forensi della Sicilia e Giulia Provino, giornalista di Italia Oggi.
Le relazioni sono affidate ad Antonio Perrone, Daniele Giacalone, Castrenze Giamportone, Enzo Sarasso, Chiara Gioè, Salvatore Forastieri, Giuseppe Gamportone. Introduce e modera l’incontro, Angelo Cuva, tesoriere dell’Uncat docente di Diritto Tributario all’Università di Palermo. L’incontro è valido per la formazione professionale degli Avvocati e dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.
Per le iscrizioni, registrarsi su sito www.avvocatitributaristipalermo.com

Visite: 12
Categorie
Convegni

Enna sabato prossimo incontro su Economia per la Comunità

L’economia per la comunità. Un approfondimento su impresa di comunità, cooperative e terzo settore. E’ il tema di un convegno che si terrà sabato prossimo dalle 9,30 alla sala Cerere. Ad organizzarlo l’ordine dei Consulenti del lavoro con il patrocinio del Comune. Interverranno il Docente Universitario Leonardo Becchetti, il sottosegretario al Ministero per il Lavoro Stanislao Di Piazza e il presidente dell’Ordine dei Consulenti del lavoro Giuseppe Pintus.
Economia e impresa non sono temi per “addetti ai lavori”, sono elementi irrinunciabili di ogni piccola o grande, privata o pubblica, organizzazione. Sabato 22 mattina avremo la possibilità di conoscere e approfondire ambiti dell’ economia poco conosciuti ma potenzialmente capaci di vivificare e sostenere le comunità, a partire proprio dal contributo che ogni componente una comunità può dare alla costruzione del ben-essere. È un incontro, promosso dai Consulenti del lavoro, ma che ci riguarda tutti: associazioni, imprenditori, lavoratori, cittadini, adulti e giovani. Cerchiamo di essere presenti numerosi, sarà anche un’occasione di formazione /condivisione da mettere a frutto nei nostri tavoli di lavoro e, comunque, nel nostro quotidiano impegno per il bene comune

Visite: 24
Categorie
Convegni

“L’usura e l’uso consapevole del denaro”. Se ne parla all’Istituto “Marco Polo” con alcune vittime e i legali di “Sos Impresa – Rete per la Legalità – Sicilia”

“L’usura e l’uso consapevole del denaro”. Se ne parla all’Istituto “Marco Polo” con alcune vittime e i legali di “Sos Impresa – Rete per la Legalità – Sicilia”
“L’usura, il sovra-indebitamento e l’uso consapevole del denaro” è il tema dell’incontro che si terrà dalle 9 alle 11 di mercoledì 19 febbraio all’Istituto Tecnico Economico per il Turismo “Marco Polo”, in via Via Ugo la Malfa n. 113.
A promuoverlo è “SOS Impresa / Rete per la Legalità – Sicilia”, organizzazione no profit, evoluzione delle prime storiche associazioni antiracket e antiusura nate a Palermo a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, (prima “SOS Commercio”, poi “SOS Impresa Palermo”) per iniziativa della Confesercenti di Palermo. Il suo obiettivo è sempre stato combattere le più tradizionali forme di reato con cui il crimine organizzato comprime la liberà di iniziativa economica degli imprenditori e dei commercianti
L’incontro di mercoledì prossimo vuole essere un’occasione per affrontare con gli studenti palermitani un tema che riveste grande importanza per il tessuto sociale, anche in virtù della peculiarità delle materie che sono già oggetto di studio da parte dello stesso Istituto Scolastico e del futuro professionale che attende gli studenti che lo frequentano.
A dialogare con i ragazzi saranno: l’attuale Presidente di “S.O.S. Impresa / Rete per la Legalità – Sicilia”, Matteo Pezzino, imprenditore edile, vittima di estorsione, già componente del Comitato di Solidarietà per vittime del racket e dell’usura presso il Ministero dell’Interno; l’avv. Fausto Maria Amato, vicepresidente nazionale di “S.O.S. Impresa / Rete per la legalità”; l’avv. Maria Luisa Martorana, esperto di processi penali per usura; Maria Giovanna Mulè Cascio, commerciante, vittima di usura; il Maggiore della Guardia di Finanzia di Palermo, Cristiano Cocola; Orazio Di Marco, Maresciallo della Guardia di Finanza di Palermo, con grande esperienza nel contrasto al fenomeno dell’usura.

Visite: 17
Categorie
Convegni

“Immigrazione. Percorsi, prospettive e nuovi scenari in Sicilia” è il titolo del convegno in programma il prossimo 12 febbraio alle ore 14.30 presso la sala Mattarella di Palazzo dei Normanni a Palermo.

“Immigrazione. Percorsi, prospettive e nuovi scenari in Sicilia” è il titolo del convegno in
programma il prossimo 12 febbraio alle ore 14.30 presso la sala Mattarella di Palazzo dei
Normanni a Palermo.
Un’occasione, questa, per presentare il progetto FAMI – Prisma e, al contempo, per riflettere sulle
politiche messe in atto dalla Regione Siciliana nel campo dell’immigrazione.
Nell’ambito delle attività avviate in materia di politiche migratorie che l ‘Assessorato regionale per la
Famiglia, le Politiche Sociali e del Lavoro persegue, nel corso dell’incontro saranno infatti illustrate le
varie misure di integrazione, formazione civico-linguistica, inserimento lavorativo, capacity
building e contrasto al fenomeno dello sfruttamento lavorativo e al caporalato già avviate o che si
stanno mettendo in campo sul territorio regionale.
Il progetto ( https://sicilia.integrazione.org/ )
Il progetto FAMI – Prisma è finanziato dal Fondo Fami 2014-2020 – OS2 Integrazione/Migrazione legale –
ON2 Integrazione piani d’intervento regionali per l’integrazione dei cittadini di paesi terzi e ha, come soggetto
capofila, la Regione Siciliana Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro –
Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali in partenariato con l’ATS formata da: Consorzio Nova
Onlus, Istituto di Formazione Politica “Pedro Arrupe”, Associazione Inventare Insieme onlus, Centro Astalli
Palermo, Cooperativa Utopia.
Il progetto, articolato in 4 Work Package, mira a strutturare un piano di intervento regionale multivello e
multistakeholder puntando ad una forte strategia di empowerment e di ingaggio delle molteplici risorse delle comunità
territoriale.
In allegato: programma dei lavori
~!?~
Assessorato Regionale
della Famiglia PRISMA PROGETTO
CO-FINANZIATO
DALL’UNIONE EUROPEA
A MINISTERO del lAVORO
~ e delle POIJTICHE SOCIALI
AUTORITÀ DELEGATA
I l MINISTERO
DELL’INTERNO
AUTORITÀ
RESPONSABILE
delle Politiche Sociali
e del Lavoro
PIANO REGIONALE INTEGRATO PER UNA
SICILIA MULTICULTURALE E ACCOGLIENTE FONDO ASILO, MIGRAZIONE E INTEGRAZIONE (FAMI) 2014- 2020
OS2 Integrazione/Migrazione- ON2 Integrazione- Awiso pubblico multi-azione n. 1/2018- Piano Regionale Integrato per una Sicilia Multiculturale ed Accogliente- PRISMA (PROG-2450)
IMMIGRAZIONE
Percorsi, prospettive e nuovi scenari in Sicilia
12 febbraio – ore 14:30
Sala Mattarella – Palazzo Dei Normanni
APERTURA DEl LAVORI E SALUTI
Gianfranco Miccichè l Presidente ARS
Nello Musumeci l Presidente della Regione
Roberto Venneri l Segretario generale della Presidenza della Regione Puglia
L’ESPERIENZA DEL PROGETTO FAMIIMPACT PRISMA
Giampiero Losapio l Consorzio Nova
Fiorella Palu m bo l Ufficio Scolastico Regionale
Nicoletta Purpura !Istituto Arrupe
LA COLLABORAZIONE ISTITUZIONALE TRA AMMINISTRAZIONE CENTRALE E REGIONI NEL
QUADRO DELLE POLITICHE MIGRATORIE
Tatiana Esposto l Ministero del Lavoro- Direttore Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione
modera
Charlie Barnao l Sociologo
Politiche regionali della Regione Siciliana sull’Immigrazione
Saverino Richiusa l Funzionario Direttivo Regione Sicilia
CONCLUSIONI
Antonio Scavone l Assessore Famiglia, Politiche Sociali e Lavoro- Regione Siciliana

Visite: 14