Categorie
Solidarietà

Emergenza Coronavirus; dall'1 aprile il Comune avvia l'attività di Banco Alimentare

Da domani sarà avviata l’attività del Banco Alimentare promosso dal Comune di Enna. Centri di distribuzione dei pacchi spesa ai cittadini:
a) Teatro Comunale di Enna Piazza Umberto I Enna alta
b) Centro Polifunzionale Via dello Stadio 1 Enna Alta
c) Palestra polisportiva dello Sport (palazzetto comunale) Piazzale Decoubertin Enna Bassa
d) Scuola Materna F.P. Neglia Via Claudiano – Pergusa
Sono state attivate due utenze telefoniche funzionanti dalle ore 8,30 alle ore 12,30, dal lunedì al venerdì esclusi i festivi, per la raccolta dei dati forniti dai richiedenti, corrispondenti ai seguenti numeri:
– 337 1527891
– 331 1958117
Le richieste possono anche essere inoltrate via mail al seguente indirizzo: assistenza@comune.enna.it
Il modello della autocertificazione è disponibile sul sito internet del Comune di Enna al seguente indirizzo www.comune.enna.it.
Per quanto riguarda la prima richiesta, è prevista una fornitura iniziale che comprende anche beni durevoli sufficienti per l’intero mese. Successivamente, ogni dieci giorni, verrà consegnato un altro pacco con beni sufficienti per ulteriori dieci giorni. Dopo la prima richiesta le successive distribuzioni sono programmate con cadenza di dieci giorni.
Dalle ore 9,00 alle ore 19,00 le associazioni di volontariato procederanno alla consegna dei pacchi, nelle sedi individuate, a coloro che hanno presentato la richiesta il giorno precedente secondo un calendario orario su base alfabetica:
-dalla lettera A alla lettera C dalle ore 9,00 alle ore 11,00;
-dalla lettera D alla lettera L dalle ore 11,00 alle ore 13,00;
-dalla lettera M alla lettera P dalle ore 13,00 alle ore 15,00;
-dalla lettera R alla lettera Z dalle ore 15,00 alle ore 17,00.
Dopo le ore 17,00 verrà effettuata la consegna a domicilio dei pacchi spesa per eventuali richiedenti che sono impossibilitati a ritirare i pacchi presso i centri di distribuzione (anziani, disabili, etc..).

Visite: 20
Categorie
Istituzioni

Emergenza Coronavirus; i fondi assegnati dalla Regione a tutti i comuni dell'isola: ecco l'elenco dettagliato

Ecco in dettaglio l’elenco di tutti i comuni siciliani con il relativo importo assegnato dalla Regione per affrontare l’emergenza sociale provocata dal Coronavirus
AG 84001 Agrigento 58956 1.179.120,00 €
AG 84002 Alessandria della Rocca 2803 56.060,00 €
AG 84003 Aragona 9362 187.240,00 €
AG 84004 Bivona 3525 70.500,00 €
AG 84005 Burgio 2605 52.100,00 €
AG 84006 Calamonaci 1293 25.860,00 €
AG 84007 Caltabellotta 3502 70.040,00 €
AG 84008 Camastra 2009 40.180,00 €
AG 84009 Cammarata 6129 122.580,00 €
AG 84010 Campobello di Licata 9737 194.740,00 €
AG 84011 Canicattì 35778 715.560,00 €
AG 84012 Casteltermini 7858 157.160,00 €
AG 84013 Castrofilippo 2865 57.300,00 €
AG 84014 Cattolica Eraclea 3591 71.820,00 €
AG 84015 Cianciana 3372 67.440,00 €
AG 84016 Comitini 930 18.600,00 €
AG 84017 Favara 32059 641.180,00 €
AG 84018 Grotte 5556 111.120,00 €
AG 84019 Joppolo Giancaxio 1178 23.560,00 €
AG 84020 Lampedusa e Linosa 6556 131.120,00 €
AG 84021 Licata 36505 730.100,00 €
AG 84022 Lucca Sicula 1759 35.180,00 €
AG 84023 Menfi 12413 248.260,00 €
AG 84024 Montallegro 2494 49.880,00 €
AG 84025 Montevago 2929 58.580,00 €
AG 84026 Naro 7479 149.580,00 €
AG 84027 Palma di Montechiaro 22503 450.060,00 €
AG 84028 Porto Empedocle 16513 330.260,00 €
AG 84029 Racalmuto 8068 161.360,00 €
AG 84030 Raffadali 12579 251.580,00 €
AG 84031 Ravanusa 11327 226.540,00 €
AG 84032 Realmonte 4574 91.480,00 €
AG 84033 Ribera 18711 374.220,00 €
AG 84034 Sambuca di Sicilia 5770 115.400,00 €
AG 84035 San Biagio Platani 3139 62.780,00 €
AG 84036 San Giovanni Gemini 7901 158.020,00 €
AG 84037 Santa Elisabetta 2308 46.160,00 €
AG 84038 Santa Margherita di Belice 6327 126.540,00 €
AG 84039 Sant’Angelo Muxaro 1291 25.820,00 €
AG 84040 Santo Stefano Quisquina 4441 88.820,00 €
AG 84041 Sciacca 40341 806.820,00 €
AG 84042 Siculiana 4456 89.120,00 €
AG 84043 Villafranca Sicula 1378 27.560,00 €
CL 85001 Acquaviva Platani 928 18.560,00 €
CL 85002 Bompensiere 542 10.840,00 €
CL 85003 Butera 4541 90.820,00 €
CL 85004 Caltanissetta 61064 1.221.280,00 €
CL 85005 Campofranco 2937 58.740,00 €
CL 85006 Delia 4123 82.460,00 €
CL 85007 Gela 73854 1.477.080,00 €
CL 85008 Marianopoli 1775 35.500,00 €
CL 85009 Mazzarino 11633 232.660,00 €
CL 85010 Milena 2924 58.480,00 €
CL 85011 Montedoro 1502 30.040,00 €
CL 85012 Mussomeli 10405 208.100,00 €
CL 85013 Niscemi 26627 532.540,00 €
CL 85014 Resuttano 1911 38.220,00 €
CL 85015 Riesi 11291 225.820,00 €
CL 85016 San Cataldo 22393 447.860,00 €
CL 85017 Santa Caterina Villarmosa 5125 102.500,00 €
CL 85018 Serradifalco 5891 117.820,00 €
CONTRIBUTO PER BENI DI PRIMA NECESSITÀ
CL 85019 Sommatino 6777 135.540,00 €
CL 85020 Sutera 1320 26.400,00 €
CL 85021 Vallelunga Pratameno 3331 66.620,00 €
CL 85022 Villalba 1564 31.280,00 €
CT 87001 Aci Bonaccorsi 3548 70.960,00 €
CT 87002 Aci Castello 18480 369.600,00 €
CT 87003 Aci Catena 29073 581.460,00 €
CT 87004 Acireale 52065 1.041.300,00 €
CT 87005 Aci Sant’Antonio 18135 362.700,00 €
CT 87006 Adrano 35430 708.600,00 €
CT 87007 Belpasso 28083 561.660,00 €
CT 87008 Biancavilla 23832 476.640,00 €
CT 87009 Bronte 18856 377.120,00 €
CT 87010 Calatabiano 5197 103.940,00 €
CT 87011 Caltagirone 37883 757.660,00 €
CT 87012 Camporotondo Etneo 5149 102.980,00 €
CT 87013 Castel di Iudica 4495 89.900,00 €
CT 87014 Castiglione di Sicilia 3129 62.580,00 €
CT 87015 Catania 311584 6.231.680,00 €
CT 87016 Fiumefreddo di Sicilia 9438 188.760,00 €
CT 87017 Giarre 27444 548.880,00 €
CT 87018 Grammichele 13152 263.040,00 €
CT 87019 Gravina di Catania 25424 508.480,00 €
CT 87020 Licodia Eubea 3078 61.560,00 €
CT 87021 Linguaglossa 5270 105.400,00 €
CT 87022 Maletto 3766 75.320,00 €
CT 87023 Mascali 14337 286.740,00 €
CT 87024 Mascalucia 32200 644.000,00 €
CT 87025 Militello in Val di Catania 7186 143.720,00 €
CT 87026 Milo 1054 21.080,00 €
CT 87027 Mineo 5334 106.680,00 €
CT 87028 Mirabella Imbaccari 4682 93.640,00 €
CT 87029 Misterbianco 50037 1.000.740,00 €
CT 87030 Motta Sant’Anastasia 12178 243.560,00 €
CT 87031 Nicolosi 7484 149.680,00 €
CT 87032 Palagonia 16488 329.760,00 €
CT 87033 Paternò 47600 952.000,00 €
CT 87034 Pedara 14673 293.460,00 €
CT 87035 Piedimonte Etneo 3950 79.000,00 €
CT 87036 Raddusa 3049 60.980,00 €
CT 87037 Ramacca 10826 216.520,00 €
CT 87038 Randazzo 10712 214.240,00 €
CT 87039 Riposto 14610 292.200,00 €
CT 87040 San Cono 2647 52.940,00 €
CT 87041 San Giovanni la Punta 23562 471.240,00 €
CT 87042 San Gregorio di Catania 11811 236.220,00 €
CT 87043 San Michele di Ganzaria 3196 63.920,00 €
CT 87044 San Pietro Clarenza 8002 160.040,00 €
CT 87045 Sant’Agata li Battiati 9411 188.220,00 €
CT 87046 Sant’Alfio 1570 31.400,00 €
CT 87047 Santa Maria di Licodia 7682 153.640,00 €
CT 87048 Santa Venerina 8533 170.660,00 €
CT 87049 Scordia 16887 337.740,00 €
CT 87050 Trecastagni 11092 221.840,00 €
CT 87051 Tremestieri Etneo 20267 405.340,00 €
CT 87052 Valverde 7901 158.020,00 €
CT 87053 Viagrande 8783 175.660,00 €
CT 87054 Vizzini 6029 120.580,00 €
CT 87055 Zafferana Etnea 9625 192.500,00 €
CT 87056 Mazzarrone 4026 80.520,00 €
CT 87057 Maniace 3747 74.940,00 €
CT 87058 Ragalna 4020 80.400,00 €
EN 86001 Agira 8132 162.640,00 €
EN 86002 Aidone 4825 96.500,00 €
EN 86003 Assoro 5036 100.720,00 €
EN 86004 Barrafranca 12800 256.000,00 €
EN 86005 Calascibetta 4379 87.580,00 €
EN 86006 Catenanuova 4696 93.920,00 €
EN 86007 Centuripe 5361 107.220,00 €
EN 86008 Cerami 1952 39.040,00 €
EN 86009 Enna 27004 540.080,00 €
EN 86010 Gagliano Castelferrato 3518 70.360,00 €
EN 86011 Leonforte 12962 259.240,00 €
EN 86012 Nicosia 13415 268.300,00 €
EN 86013 Nissoria 3001 60.020,00 €
EN 86014 Piazza Armerina 21726 434.520,00 €
EN 86015 Pietraperzia 6768 135.360,00 €
EN 86016 Regalbuto 7093 141.860,00 €
EN 86017 Sperlinga 737 14.740,00 €
EN 86018 Troina 9094 181.880,00 €
EN 86019 Valguarnera Caropepe 7557 151.140,00 €
EN 86020 Villarosa 4732 94.640,00 €
ME 83001 Alcara li Fusi 1861 37.220,00 €
ME 83002 Alì 734 14.680,00 €
ME 83003 Alì Terme 2431 48.620,00 €
ME 83004 Antillo 868 17.360,00 €
ME 83005 Barcellona Pozzo di Gotto 41221 824.420,00 €
ME 83006 Basicò 594 11.880,00 €
ME 83007 Brolo 5773 115.460,00 €
ME 83008 Capizzi 3051 61.020,00 €
ME 83009 Capo d’Orlando 13295 265.900,00 €
ME 83010 Capri Leone 4414 88.280,00 €
ME 83011 Caronia 3214 64.280,00 €
ME 83012 Casalvecchio Siculo 775 15.500,00 €
ME 83013 Castel di Lucio 1260 25.200,00 €
ME 83014 Castell’Umberto 3014 60.280,00 €
ME 83015 Castelmola 1118 22.360,00 €
ME 83016 Castroreale 2370 47.400,00 €
ME 83017 Cesarò 2311 46.220,00 €
ME 83018 Condrò 486 9.720,00 €
ME 83019 Falcone 2768 55.360,00 €
ME 83020 Ficarra 1394 27.880,00 €
ME 83021 Fiumedinisi 1362 27.240,00 €
ME 83022 Floresta 471 9.420,00 €
ME 83023 Fondachelli-Fantina 1078 21.560,00 €
ME 83024 Forza d’Agrò 887 17.740,00 €
ME 83025 Francavilla di Sicilia 3789 75.780,00 €
ME 83026 Frazzanò 657 13.140,00 €
ME 83027 Furci Siculo 3298 65.960,00 €
ME 83028 Furnari 3820 76.400,00 €
ME 83029 Gaggi 3204 64.080,00 €
ME 83030 Galati Mamertino 2464 49.280,00 €
ME 83031 Gallodoro 347 6.940,00 €
ME 83032 Giardini-Naxos 9325 186.500,00 €
ME 83033 Gioiosa Marea 6904 138.080,00 €
ME 83034 Graniti 1469 29.380,00 €
ME 83035 Gualtieri Sicaminò 1710 34.200,00 €
ME 83036 Itala 1535 30.700,00 €
ME 83037 Leni 706 14.120,00 €
ME 83038 Letojanni 2822 56.440,00 €
ME 83039 Librizzi 1616 32.320,00 €
ME 83040 Limina 761 15.220,00 €
ME 83041 Lipari 12821 256.420,00 €
ME 83042 Longi 1405 28.100,00 €
ME 83043 Malfa 1008 20.160,00 €
ME 83044 Malvagna 666 13.320,00 €
ME 83045 Mandanici 569 11.380,00 €
ME 83046 Mazzarrà Sant’Andrea 1493 29.860,00 €
ME 83047 Merì 2319 46.380,00 €
ME 83048 Messina 232555 4.651.100,00 €
ME 83049 Milazzo 31028 620.560,00 €
ME 83050 Militello Rosmarino 1269 25.380,00 €
ME 83051 Mirto 938 18.760,00 €
ME 83052 Mistretta 4590 91.800,00 €
ME 83053 Moio Alcantara 714 14.280,00 €
ME 83054 Monforte San Giorgio 2685 53.700,00 €
ME 83055 Mongiuffi Melia 582 11.640,00 €
ME 83056 Montagnareale 1541 30.820,00 €
ME 83057 Montalbano Elicona 2161 43.220,00 €
ME 83058 Motta Camastra 825 16.500,00 €
ME 83059 Motta d’Affermo 700 14.000,00 €
ME 83060 Naso 3667 73.340,00 €
ME 83061 Nizza di Sicilia 3641 72.820,00 €
ME 83062 Novara di Sicilia 1284 25.680,00 €
ME 83063 Oliveri 2113 42.260,00 €
ME 83064 Pace del Mela 6242 124.840,00 €
ME 83065 Pagliara 1140 22.800,00 €
ME 83066 Patti 13215 264.300,00 €
ME 83067 Pettineo 1282 25.640,00 €
ME 83068 Piraino 3904 78.080,00 €
ME 83069 Raccuja 962 19.240,00 €
ME 83070 Reitano 772 15.440,00 €
ME 83071 Roccafiorita 186 3.720,00 €
ME 83072 Roccalumera 4119 82.380,00 €
ME 83073 Roccavaldina 1080 21.600,00 €
ME 83074 Roccella Valdemone 627 12.540,00 €
ME 83075 Rodì Milici 2006 40.120,00 €
ME 83076 Rometta 6598 131.960,00 €
ME 83077 San Filippo del Mela 6967 139.340,00 €
ME 83078 San Fratello 3523 70.460,00 €
ME 83079 San Marco d’Alunzio 1889 37.780,00 €
ME 83080 San Pier Niceto 2733 54.660,00 €
ME 83081 San Piero Patti 2775 55.500,00 €
ME 83082 San Salvatore di Fitalia 1243 24.860,00 €
ME 83083 Santa Domenica Vittoria 930 18.600,00 €
ME 83084 Sant’Agata di Militello 12305 246.100,00 €
ME 83085 Sant’Alessio Siculo 1532 30.640,00 €
ME 83086 Santa Lucia del Mela 4582 91.640,00 €
ME 83087 Santa Marina Salina 884 17.680,00 €
ME 83088 Sant’Angelo di Brolo 2972 59.440,00 €
ME 83089 Santa Teresa di Riva 9394 187.880,00 €
ME 83090 San Teodoro 1337 26.740,00 €
ME 83091 Santo Stefano di Camastra 4648 92.960,00 €
ME 83092 Saponara 3865 77.300,00 €
ME 83093 Savoca 1761 35.220,00 €
ME 83094 Scaletta Zanclea 1972 39.440,00 €
ME 83095 Sinagra 2628 52.560,00 €
ME 83096 Spadafora 4939 98.780,00 €
ME 83097 Taormina 10831 216.620,00 €
ME 83098 Torregrotta 7363 147.260,00 €
ME 83099 Tortorici 6155 123.100,00 €
ME 83100 Tripi 839 16.780,00 €
ME 83101 Tusa 2785 55.700,00 €
ME 83102 Ucria 998 19.960,00 €
ME 83103 Valdina 1308 26.160,00 €
ME 83104 Venetico 4014 80.280,00 €
ME 83105 Villafranca Tirrena 8390 167.800,00 €
ME 83106 Terme Vigliatore 7344 146.880,00 €
ME 83107 Acquedolci 5612 112.240,00 €
ME 83108 Torrenova 4474 89.480,00 €
PA 82001 Alia 3475 69.500,00 €
PA 82002 Alimena 1917 38.340,00 €
PA 82003 Aliminusa 1173 23.460,00 €
PA 82004 Altavilla Milicia 8349 166.980,00 €
PA 82005 Altofonte 10127 202.540,00 €
PA 82006 Bagheria 54714 1.094.280,00 €
PA 82007 Balestrate 6491 129.820,00 €
PA 82008 Baucina 1939 38.780,00 €
PA 82009 Belmonte Mezzagno 11238 224.760,00 €
PA 82010 Bisacquino 4387 87.740,00 €
PA 82011 Bolognetta 4194 83.880,00 €
PA 82012 Bompietro 1302 26.040,00 €
PA 82013 Borgetto 7359 147.180,00 €
PA 82014 Caccamo 8081 161.620,00 €
PA 82015 Caltavuturo 3867 77.340,00 €
PA 82016 Campofelice di Fitalia 478 9.560,00 €
PA 82017 Campofelice di Roccella 7645 152.900,00 €
PA 82018 Campofiorito 1237 24.740,00 €
PA 82019 Camporeale 3193 63.860,00 €
PA 82020 Capaci 11604 232.080,00 €
PA 82021 Carini 39049 780.980,00 €
PA 82022 Castelbuono 8619 172.380,00 €
PA 82023 Casteldaccia 11688 233.760,00 €
PA 82024 Castellana Sicula 3256 65.120,00 €
PA 82025 Castronovo di Sicilia 2992 59.840,00 €
PA 82026 Cefalà Diana 1008 20.160,00 €
PA 82027 Cefalù 14309 286.180,00 €
PA 82028 Cerda 5130 102.600,00 €
PA 82029 Chiusa Sclafani 2728 54.560,00 €
PA 82030 Ciminna 3629 72.580,00 €
PA 82031 Cinisi 12264 245.280,00 €
PA 82032 Collesano 3953 79.060,00 €
PA 82033 Contessa Entellina 1668 33.360,00 €
PA 82034 Corleone 11008 220.160,00 €
PA 82035 Ficarazzi 13006 260.120,00 €
PA 82036 Gangi 6565 131.300,00 €
PA 82037 Geraci Siculo 1788 35.760,00 €
PA 82038 Giardinello 2284 45.680,00 €
PA 82039 Giuliana 1835 36.700,00 €
PA 82040 Godrano 1172 23.440,00 €
PA 82041 Gratteri 910 18.200,00 €
PA 82042 Isnello 1465 29.300,00 €
PA 82043 Isola delle Femmine 7155 143.100,00 €
PA 82044 Lascari 3617 72.340,00 €
PA 82045 Lercara Friddi 6726 134.520,00 €
PA 82046 Marineo 6490 129.800,00 €
PA 82047 Mezzojuso 2844 56.880,00 €
PA 82048 Misilmeri 29382 587.640,00 €
PA 82049 Monreale 38884 777.680,00 €
PA 82050 Montelepre 6080 121.600,00 €
PA 82051 Montemaggiore Belsito 3179 63.580,00 €
PA 82052 Palazzo Adriano 1979 39.580,00 €
PA 82053 Palermo 663401 13.268.020,00 €
PA 82054 Partinico 31840 636.800,00 €
PA 82055 Petralia Soprana 3166 63.320,00 €
PA 82056 Petralia Sottana 2677 53.540,00 €
PA 82057 Piana degli Albanesi 6070 121.400,00 €
PA 82058 Polizzi Generosa 3196 63.920,00 €
PA 82059 Pollina 2928 58.560,00 €
PA 82060 Prizzi 4645 92.900,00 €
PA 82061 Roccamena 1450 29.000,00 €
PA 82062 Roccapalumba 2389 47.780,00 €
PA 82063 San Cipirello 5293 105.860,00 €
PA 82064 San Giuseppe Jato 8554 171.080,00 €
PA 82065 San Mauro Castelverde 1542 30.840,00 €
PA 82066 Santa Cristina Gela 1004 20.080,00 €
PA 82067 Santa Flavia 11208 224.160,00 €
PA 82068 Sciara 2778 55.560,00 €
PA 82069 Sclafani Bagni 418 8.360,00 €
PA 82070 Termini Imerese 25861 517.220,00 €
PA 82071 Terrasini 12688 253.760,00 €
PA 82072 Torretta 4306 86.120,00 €
PA 82073 Trabia 10496 209.920,00 €
PA 82074 Trappeto 3140 62.800,00 €
PA 82075 Ustica 1318 26.360,00 €
PA 82076 Valledolmo 3454 69.080,00 €
PA 82077 Ventimiglia di Sicilia 1882 37.640,00 €
PA 82078 Vicari 2623 52.460,00 €
PA 82079 Villabate 19960 399.200,00 €
PA 82080 Villafrati 3301 66.020,00 €
PA 82081 Scillato 612 12.240,00 €
PA 82082 Blufi 956 19.120,00 €
RG 88001 Acate 11431 228.620,00 €
RG 88002 Chiaramonte Gulfi 8128 162.560,00 €
RG 88003 Comiso 30073 601.460,00 €
RG 88004 Giarratana 2923 58.460,00 €
RG 88005 Ispica 16317 326.340,00 €
RG 88006 Modica 54268 1.085.360,00 €
RG 88007 Monterosso Almo 2942 58.840,00 €
RG 88008 Pozzallo 19427 388.540,00 €
RG 88009 Ragusa 73373 1.467.460,00 €
RG 88010 Santa Croce Camerina 11009 220.180,00 €
RG 88011 Scicli 26962 539.240,00 €
RG 88012 Vittoria 64040 1.280.800,00 €
SR 89001 Augusta 35872 717.440,00 €
SR 89002 Avola 31218 624.360,00 €
SR 89003 Buccheri 1924 38.480,00 €
SR 89004 Buscemi 1007 20.140,00 €
SR 89005 Canicattini Bagni 6933 138.660,00 €
SR 89006 Carlentini 17629 352.580,00 €
SR 89007 Cassaro 769 15.380,00 €
SR 89008 Ferla 2425 48.500,00 €
SR 89009 Floridia 22665 453.300,00 €
SR 89010 Francofonte 12453 249.060,00 €
SR 89011 Lentini 23101 462.020,00 €
SR 89012 Melilli 13611 272.220,00 €
SR 89013 Noto 24192 483.840,00 €
SR 89014 Pachino 22144 442.880,00 €
SR 89015 Palazzolo Acreide 8569 171.380,00 €
SR 89016 Rosolini 21198 423.960,00 €
SR 89017 Siracusa 121171 2.423.420,00 €
SR 89018 Solarino 8097 161.940,00 €
SR 89019 Sortino 8486 169.720,00 €
SR 89020 Portopalo di Capo Passero 3937 78.740,00 €
SR 89021 Priolo Gargallo 11823 236.460,00 €
TP 81001 Alcamo 45190 903.800,00 €
TP 81002 Buseto Palizzolo 2919 58.380,00 €
TP 81003 Calatafimi-Segesta 6495 129.900,00 €
TP 81004 Campobello di Mazara 11745 234.900,00 €
TP 81005 Castellammare del Golfo 15158 303.160,00 €
TP 81006 Castelvetrano 31151 623.020,00 €
TP 81007 Custonaci 5496 109.920,00 €
TP 81008 Erice 27465 549.300,00 €
TP 81009 Favignana 4337 86.740,00 €
TP 81010 Gibellina 3981 79.620,00 €
TP 81011 Marsala 82640 1.652.800,00 €
TP 81012 Mazara del Vallo 51553 1.031.060,00 €
TP 81013 Paceco 11221 224.420,00 €
TP 81014 Pantelleria 7702 154.040,00 €
TP 81015 Partanna 10337 206.740,00 €
TP 81016 Poggioreale 1478 29.560,00 €
TP 81017 Salaparuta 1639 32.780,00 €
TP 81018 Salemi 10532 210.640,00 €
TP 81019 Santa Ninfa 4969 99.380,00 €
TP 81020 San Vito Lo Capo 4767 95.340,00 €
TP 81021 Trapani 67531 1.350.620,00 €
TP 81022 Valderice 12113 242.260,00 €
TP 81023 Vita 1946 38.920,00 €
TP 81024 Petrosino 8127 162.540,00 €
4999891 99.997.820,00 €

Visite: 14
Categorie
sindacati

Riscossione Sicilia: con la sospensione dei pagamenti stipendi del personale a rischio. Sindacati chiedono intervento del governo regionale

Riscossione Sicilia: con la sospensione dei pagamenti stipendi del personale a rischio. Sindacati chiedono intervento del governo regionale
Palermo, 31 marzo- In conseguenza della sospensione dei pagamenti per l’emergenza sanitaria in corsi, Riscossione Sicilia, che non dispone di nessuna linea di credito dal settembre del 2017, già dai prossimi giorni potrebbe non avere in cassa il denaro per gli stipendi del personale. Lo rendono noto Fisac Cgil,Fabi, Fist Cisl, Uilca e Unisin che hanno scritto al Presidente della Regione per chiedere “ un immediato provvedimento del Governo Regionale, che possa consentire il pagamento delle retribuzioni ai lavoratori esattoriali i quali anche in questi giorni continuano a presidiare la riscossione e a dare servizi ai cittadini siciliani”. “Già nel mese di febbraio- scrivono i sindacati- il Presidente Branca aveva preannunciato il rischio di non poter pagare gli stipendi dal prossimo mese di giugno, nonostante la previsione includesse gli incassi dell’attività di riscossione e in particolare della rottamazione. Oggi, senza quegli incassi, la situazione si fa ancora più difficile, per questo chiediamo l’intervento del governo”. Il sindacato unitariamente inoltre “rilancia, così come rivendicato anche nella giornata di sciopero del 4 marzo la necessità di una soluzione definitiva facendo confluire attività e personale nell’ente nazionale”.

Visite: 9
Categorie
Politica

Emergenza Coronavirus; dalla Regione i fondi destinati ai comuni della provincia di Enna; ecco il dettaglio

Sono circa 2 milioni e 500 mila euro i fondi destinati dalla regione per i Comuni della provincia di Enna per affrontare l’emergenza sociale provocata dagli effetti del Coronavirus. Nello specifico queste le somme assegnate ai singoli comuni
Agira 162640
Aidone 96500
Assoro 100720
Barrafranca 256000
Calascibetta 87580
Catenanuova 93920
Centuripe 107220
Cerami 39040
Enna 540000
Gagliano Castelferrato 70360
Leonforte 259240
Nicosia 268300
Nissoria 60000
Piazza Armerina 434000
Pietraperzia 135360
Regalbuto 141860
Sperlinga 14740
Troina 181880
Valguarnera 151140
Villarosa 94640

Visite: 14
Categorie
Salute

Emergenza Coronavirus: da Cerami l'acquisto di un Ventilatore Polmonare per l'Ospedale Basilotta di Nicosia

Da Cerami 3500 l’acquisto di un ventilatore polmonare per l’Ospedale Basilotta di Nicosia. “Ringrazio il gruppo IMPEGNO COMUNE PER CERAMI E LA COMUNITÀ CERAMESE per il generoso acquisto di un VENTILATORE POLMONARE – commenta il sindaco di Nicosia Luigi Bonelli dalla sua pagina social – già in possesso della nostra rianimazione. Abbiamo ricevuto MASCHERINE dalla protezione civile. Da domani faremo in modo di distribuirle a strutture e persone che ne necessitano”.

Visite: 10
Categorie
Solidarietà

Emergenza Coronavirus; emergenza sociale; per Enna dalla Regione un contributo di 500 mila euro….?

Dovrebbe aggirarsi intorno a 500 mila euro il contributo che Regione dovrebbe assegnare al Comune di Enna per fare fronte alle emergenze sociali. La cifra non viene ancora confermata ma “voci di corridoio” dicono che dovrebbe essere vicina a questa probabilità. E questa si somma ai 150 mila euro di fondi propri e ai 198 mila assegnati dal Governo nazionale, per affrontare questi prossimi mesi molto difficili da un punto di vista sociale il Comune di Enna dovrebbe avere a disposizione un ammontare complessivo di circa 800 mila euro che le dovrebbero bastare per 2-3 mesi. Sul contributo della Regione non c’è ancora l’ufficialità, ma considerando che comuni con una popolazione anche inferiore hanno avuto assegnate cifre superiori a 450 mila euro, l’importo non dovrebbe discostarsi da questa per adesso solo ipotesi.

Visite: 6
Categorie
Forze dell'Ordine

Enna nuove divise per la Polizia Municipale

Polizia Locale. E’ questa la denominazione nelle nuove divise della Polizia Municipale di Enna che le hanno ricevute nei giorni scorsi. La nuova denominazione anche nelle tute operative.

Visite: 13
Categorie
sindacati

Covid-19- sindacati denunciano speculazione sulla cig da parte della 2i Rete Gas, che ricorre ad ammortizzatori sociali ed esternalizza attività, e mancata adozione di misure di sicurezza. “Tentativo di fare cassa con la cig”

Covid-19- sindacati denunciano speculazione sulla cig da parte della 2i Rete Gas, che ricorre ad ammortizzatori sociali ed esternalizza attività, e mancata adozione di misure di sicurezza. “Tentativo di fare cassa con la cig”
Palermo, 31 marzo- “2i Rete Gas chiede la cassa integrazione per i dipendenti e contemporaneamente esternalizza servizi e attività.”. Lo denunciano Filctem Cgil, Femca Cisl el Uiltec Uil siciliane che vedono nell’operazione “ una speculazione, un modo per far cassa con la cig- scrivono i segretari regionali Giuseppe D’Aquila, Franco Parisi ed Emanuele Sorrentino- facendo pagare il conto ai lavoratori”. Sulla vicenda i sindacati regionali hanno scritto ai Prefetti e ai sindaci dei territori interessati chiedendo il loro intervento. Le segreterie Nazionali hanno dal canto loro sollecitato l’intervento del ministero delle Finanze e della presidenza del Consiglio dei Ministri.
2i Rete Gas è il secondo player nazionale di distribuzione del Gas naturale in Italia, dopo Italgas, “con fatturati e utili da capogiro- osservano i sindacati- e con maggiore azionista il fondo F2i partecipato dalla Cassa depositi e prestiti. “Il suo compito – rilevano Filctem, Femca e Uiltec- è di fornire un servizio pubblico essenziale alla cittadinanza distribuendo il gas nelle case. Da questa grande Azienda- sottolineano- ci saremo aspettati, vista l’emergenza dovuta alla pandemia, un confronto su un nuovo e necessario assetto organizzativo per agevolare il lavoro degli addetti che sono e devono rimanere in campo al fine di garantire, nel migliore dei modi, il servizio di distribuzione del gas. Invece la scelta è stata un atto scellerato e non consono alla gestione dell’emergenza”.
In Sicilia 2i Rete Gas fornisce il gas in numerosi Comuni della Provincia di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Palermo, Messina e Ragusa. “Per i lavoratori siciliani- sottolineano i tre segretari- ci sarà dunque una decurtazione salariale spregiudicata e senza senso. Il danno e le beffe peraltro, visto che l’azienda – aggiungono- intende sostituire almeno in parte il personale avvalendosi massicciamente del lavoro in appalto (sino all’ipotesi estrema di esternalizzazione del servizio di reperibilità). Il costo dei lavoratori, con il ricorso alla cassa integrazione, verrebbe quindi scaricato impropriamente sulla fiscalità generale dalla quale verrebbero drenate risorse, quelle della cassa integrazione, a discapito di aziende e lavoratori che ne hanno la reale ed effettiva necessità”.
Le tre sigle sindacali sottolineano che l’azienda “oltre a rendersi protagonista di una speculazione intollerabile, non ha neanche adottato il protocollo di sicurezza con le Organizzazioni sindacali in riferimento alle attività svolte dai lavoratori, che sono ad oggi sprovvisti di adeguati Dpi per svolgere le proprie attività e non si è nemmeno premurata di adottare integralmente le misure previste dai protocolli per mettere in sicurezza le sedi e i mezzi. Cosa ancor più grave, non lo ha fatto neanche dopo l’accertamento di alcuni casi di positività al Covid19 di alcuni lavoratori siciliani di cui siamo venuti a conoscenza per le vie informali”.
Filctem, Femca e Ultec affermano che “l’annuncio del ricorso all’istituto della cassa integrazione guadagni da parte di 2i Rete Gas apre oltretutto uno scenario inedito in tutto il settore e pone seri dubbi sull’opportunità dell’utilizzo di questi strumenti da parte di aziende che svolgono servizi pubblici essenziali. La distribuzione del gas è un servizio di interesse pubblico- sostengono- di conseguenza la continuità, l’efficienza e l’esercizio in sicurezza delle attività devono necessariamente essere assicurati”.

Visite: 13
Categorie
sindacati

Richiesto commissariamento dell'Asp di Enna, la Cisl Fp: "Non diventi una scusa per proteste strumentali"

Richiesto commissariamento dell’Asp di Enna, la Cisl Fp: “Non diventi una scusa per proteste strumentali”
La Cisl Fp di Agrigento, Caltanissetta ed Enna, attraverso il suo segretario generale Floriana Russo Introito e il segretario territoriale Gianluca Vancheri, interviene nel merito delle iniziative annunciate da alcuni partiti politici, intenzionati a chiedere il commissariamento dell’Azienda sanitaria provinciale.
“Riteniamo doveroso, tralasciando che riteniamo vergognoso speculare su una tragedia che tutto il mondo sta vivendo – dicono – rappresentare quanto segue, al di fuori di ogni strumentalizzazione politica: tutti, anche il Governo nazionale, hanno sottovalutato il problema e siamo strutturalmente impreparati a quanto stava avvenendo fino al mese di Marzo; la Cisl Fp ha sempre supportato e continuerà a farlo chiunque si prodighi a cautela della salute pubblica e dei propri lavoratori, anche per questo non ci siamo tirati indietro nel segnalare alle autorità, condotte pericolose difformi dai protocolli di sicurezza, chiedendo anche l’intervento commissariale. Questa richiesta non è, però, stata fatta su Enna perché ogni proposta effettuata, e non solo dalla Cisl, è stata recepita ed attuata, compreso il fatto di dovere svuotare gli uffici prontamente, stante l’oggettiva impossibilità di attivare strumenti agili dall’oggi al domani; il dato complessivo dei positivi nella provincie di Enna è fortemente caratterizzato dai recenti accadimenti di Troina, condotte gravi che hanno portato al commissariamento della struttura, all’intervento dell’esercito e alla dichiarazione di Zona rossa. E ‘ utile ribadire a tal riguardo che la gestione dell’Oasi non è competenza del dottor Iudica, che nonostante tutto ha prontamente messo a disposizione le esigue risorse disponibili; l’intera gestione Covid è Regionale e va dunque ringraziato non solo il dottor Iudica ma anche l’assessore alla Salute Razza che non hanno minimamente esitato del porre in essere misure di contenimento ancora prima dei Decreti ministeriali; i dati di mortalità sono di gran lunga inferiori al dato dei guariti e questo, nonostante si sottolinei il dolore anche di una sola perdita, solo grazie al pronto intervento anche farmacologico di terapie che si stanno rivelando efficaci. In ultimo – concludono – il numero di posti letto Covid per abitanti è di gran lunga superiore a quello di province più grandi della nostra”.
“In definitiva – evidenziano Russo Introito e Vancheri – basterebbe verificare quanti punti Covid siano stati attivati ad Enna e quanti, invece, sono stati attivati in altre province per rendersi conto della portata delle misure attuate. Crediamo, inoltre, che in questo momento la priorità sia la cautela della salute pubblica e non la pianificare di eventuali campagne elettorali basate sulla intercettazione delle fobie. Questo – concludono – solo per riconoscere il merito di ciascuno ed evitare che l’Asp di Enna divenga un pretesto, per deplorevoli e strumentali proteste proprio in un momento così delicato. Noi, riteniamo necessario esclusivamente lavorare congiuntamente per ogni singolo operatore che non sta esitando nel prodigarsi disperatamente in questo tragico frangente”.

Visite: 22
Categorie
imprese

CNA SICILIA -CONFARTIGIANATO IMPRESE SICILIACASARTIGIANI SICILIA -CLAAI SICILIACGIL SICILIA –CISL SICILIA –UIL SICILIA “30milioni di euro da mettere subito a disposizione delle quasi 25mila imprese artigiane siciliane

CNA SICILIA -CONFARTIGIANATO IMPRESE SICILIACASARTIGIANI SICILIA -CLAAI SICILIACGIL SICILIA –CISL SICILIA –UIL SICILIAComunicato Stampa
“30milioni di euro da mettere subito a disposizione delle quasi 25mila imprese artigiane siciliane, chiamate a regolarizzare la loro posizione contributivaperaccedere aFsba e garantire così sostegno al reddito ai circa 60mila lavoratoria copertura del periodo dichiusura forzata delle attività”. E’ la richiesta che le Associazioni datoriali di categoria e le Organizzazioni sindacaliconfederali hanno formulato, nel corso di un incontro svoltosi in videoconferenza, all’Assessore alla Famiglia, Politiche Sociali e del Lavoro, Antonio Scavone.“Si tratta di un intervento fondamentale –affermano i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, rispettivamente Alfio Mannino, Sebastiano Cappuccio e Claudio Barone, e i segretari regionali delle sigle del mondo dell’artigianato, Piero Giglione(CNA), Andrea Di Vincenzo(Confartigianato) e Orazio Platania(Claai)e il coordinatore sindacale Renato Ferrara(Casartigiani) -che muove dall’esigenza dei dipendentiche si trovano temporaneamente sospesi dal lavoro perché le relative aziende artigiane,a causa della pandemia, sono state costrette a sospendere o ridurre l’attività d’impresa. Ci siamo attivati con urgenza e senso di responsabilità,chiamando in causa l’Assessore Scavone, che pur apprezzando la richiesta ha dato la disponibilità a valutarne la possibilità di poterla finanziare–aggiungono –nella piena consapevolezza che un bacino così ampio di dipendenti non può rischiare, in questo particolare momento, di essere tagliato fuori dagli ammortizzatori sociali. Anche una recente circolare dell’Inps ha, infatti, sgombrato il campo da interpretazioni ed equivoci: è stato chiarito che, per il settore artigianato, le integrazioni salariali, per le sospensioni derivanti dall’emergenzaCovid19, devono essere garantite da Fsba. Ma per essere erogate –sottolineano -elemento essenziale, imprescindibile è che le imprese siano in regola con la contribuzione da almeno 36 mesi. Da qui la necessità, tenuto conto della numerosa platea ancora non iscritta al Fondo, di promuovere misure di intervento finalizzate ad agevolare il percorso di regolarizzazione. Dal canto suo Fsba ha autorizzato uno speciale piano che prevede la rateizzazione in 12 mesi a partire dal ripristino del pagamento del contributo. A nostro avviso però resta un grande nodo, quello di non appesantire il processo di ripresa economicapost-coronavirus. Ed è proprio in questa ottica–concludono sindacati e associazioni datoriali -che abbiamo chiesto l’intervento della Regione, trovando l’immediata apertura dell’Assessore Scavone, il quale si è detto disponibile a valutare, attraverso un passaggio nella giunta di governo, l’istituzioneun apposito fondo pubblico a garanzia di Fsba. Questo meccanismo consentirebbe all’impresa artigiana di sanare subito la propria posizione”. Le domande, nell’ambito dell’emergenza COVID-19, possono riguardare sia la prosecuzione delle prestazioni in corso dal 23 febbraio, che le prestazioni relative ai periodi di sospensione nel limite delle 9 settimane previste dal decreto. Le istanzepossono essere presentate fino al 31 maggio 2020. Tutte le procedure dovranno essere effettuatemediante la piattaforma informatica FSBA.

Visite: 29