Villarosa si appresta a ricevere 25 profughi immigrati con lo status di rifugiati politici

Ecco l’atto di indirizzo con cui il Consiglio Comunale di Villarosa ha di fatto dato il via libera per l’accoglienza di 25 profughi immigrati con lo status di rifugiati politici

 

ATTO DI INDIRIZZO SPRAR – SISTEMA DI PROTEZIONE RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI.

L’anno duemilasedici il giorno tre del mese di febbraio alle ore 18:30 e seguenti, nella sala consiliare del Comune, alla seduta di Prima convocazione, si è riunito il Consiglio Comunale con l’intervento dei Signori:

LUNETTA CATENO A ABBATE MAURIZIO A
MELI LORENZO P CIPRIANO SABINA ILEANA P
D’ALU’ ENRICO LUCIANO A PUGLISI GIOVANNI A
RAPE’ KATYA P ARANCIO PAOLA A
CALABRESE ANGELO P LOMBARDO GIACOMO P
FERRAZZANO RAFFAELE P FERRUGGIA ELVIRA P
CASSARO MICHELANGELO P LOCIURO NICOLO’ A
LAVALLE CALOGERO P

Assume la presidenza MELI LORENZO nella sua qualità di Consigliere.

Risultano presenti n. 9 e assenti n. 6. su n. 15 consiglieri assegnati ed in carica.

Il Presidente, ai sensi dell’art. 30 della Legge Regionale 6/3/86, n. 9 e successive modificazioni, accertata la sussistenza del numero legale, ne dichiara la validità.

Partecipa il Segretario D.ssa GIUNTA ANNA.

Ai sensi dell’art. 184 – ultimo comma – dell’Ordinamento Regionale EE. LL. il Consiglio Comunale ad unanimità nomina, su proposta del Presidente, gli scrutatori nelle persone dei consiglieri:

La seduta è Pubblica.

Proposta di Deliberazione del Consiglio Comunale

N. 5 del 03-02-2016

Premesso che la Prefettura, Ufficio Territoriale del Governo di Enna, nel comunicare il mancato utilizzo dei beni trasferiti al patrimonio indisponibile del Comune di Villarosa, ha proposto all’ANBSC (Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la destinazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata) di sottoscrivere, mediante apposite convenzioni con gli enti gestori, un “Protocollo d’Intesa” finalizzato agli interventi di ristrutturazione degli edifici e conseguente utilizzazione degli stessi per l’accoglienza temporanea degli immigrati o per eventuali sviluppi di progetti SPRAR;

Preso atto che tale richiesta è stata riscontrata dall’ANBSC che ha espresso parere favorevole al reimpiego di tali beni per le finalità sopra descritte, con nota prot. n. 25281 del 6 luglio 2015, trasmessa per conoscenza via PEC a questo Comune ed assunta al prot. n. 7518 del 7 luglio 2015;

Considerato che la Prefettura di Enna, nell’incontro del 5 novembre 2015, ha sollecitato quest’Amministrazione alla partecipazione al bando emanato con D.M. Interno del 7 agosto 2015, pubblicato nella GURI del 12 ottobre 2015;

Che il bando prevede che l’ente locale, per la realizzazione di tali servizi, può avvalersi di uno o più enti attuatori, selezionati attraverso procedure espletate nel rispetto della normativa di riferimento, che siano in possesso di una pluriennale e consecutiva esperienza nella presa in carico dei richiedenti e titolari di protezione internazionale e/o umanitaria, comprovata da attività e servizi in essere al momento della presentazione della domanda;

Che la Giunta municipale con deliberazione n. .162. del .17.11.2015. ha dato indirizzo di partecipare al bando emanato con D.M. Interno del 7 agosto 2015, pubblicato nella GURI del 12 ottobre 2015, e destinare a tali finalità i seguenti fabbricati:

  1. KB174679 e KB174687, corrispondente al fabbricato Fg. 21 part 545;

  1. KB34920, corrispondente al fabbricato Fg. 21, part. 579

dando altresì direttive agli uffici competenti di predisporre tutti gli atti per la partecipazione al suddetto bando;

Rilevato chesono state poste in essere le procedure per la scelta dell’ente attuatore attraverso apposito avviso di manifestazione di interesse a partecipare alla co-progettazione organizzazione e gestione di un programma territoriale di accoglienza integrata da inserire nel sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (S.P.R.A.R.) per il biennio 2016/2017;

Che a seguito di esperimento di gara, l’Associazione Don Bosco 2000 di Piazza Armerina, è stata designata Ente attuatore del progetto, i cui termini per la presentazione sono fissati al 14 febbraio p.v.;

Preso atto del dissenso manifestato attraverso i media da parte di alcuni gruppi ed associazioni alla realizzazione del programma di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati;

Che il Consiglio Comunale è la sede civica dove condividere ed avviare un dibattito costruttivo;

Ritenuto pertanto condividere nel civico consesso quanto già posto in essere dall’Amministrazione

SI PROPONE al Consiglio Comunale

Di condividere l’attività posta in essere dall’Amministrazione per la partecipazione al bando emanato con D.M. Interno del 7 agosto 2015, pubblicato nella GURI del 12 ottobre 2015, relativo alla realizzazione di progetti SPRAR, utilizzando i beni immobili, confiscati alla criminalità e trasferiti al patrimonio indisponibile di questoComune.

Il Responsabile del Procedimento

Il Proponente

F.to

F.to Dott. FRANCESCO COSTANZA

 

 

All. “A”

Alle ore 18,30, chiamato l’appello, risultano presenti soltanto n. 7 consiglieri (Meli – Rapè – Ferrazzano – Lavalle – Cipriano – Lombardo e Ferruggia). Pertanto, non essendo presente il numero minimo di otto consiglieri, la seduta viene rinviata di un’ora.

Alle ore 19.30, il consigliere Meli,che ha assunto la Presidenza, chiamato l’appello dal quale risultano presenti n. 9 consiglieri.- Assenti n. 6:Lunetta – D’Alù – Abbate – Puglisi –Arancio – Lociuro, dichiara aperta la seduta.

L’Associazione Villarosa Calcio chiede lumi sull’età in quanto si parla di ragazzi.

L’arch. Sella spiega che nella maggior parte dei casi (18 – 26 anni) si tratta di ragazzi. L’esperienza più semplice è quella dei ragazzi ma si può decidere anche per donne e famiglie. I giovani hanno l’obiettivo di avere i documento per trasferirsi altrove. Illustra le difficoltà per l’accoglienza di famiglie e donne. Dopo 8 mesi i ragazzi vanno via.

L’Associazione Villarosa Calcio chiede cosa succede se non hanno il documento.

L’arch. Sella spiega che non può succedere in quanto è un compito dell’Associazione che ha uno staff qualificato. Sono controllati dalla Questura e dalla Prefettura. L’Associazione ha il controllo e se vi sono casi particolari e soggetti pericolosi vengono allontanati. Risponde a sollecitazioni dal pubblico che non si tratta di criminali. In ogni caso escluso lo SPRAR non si può escludere altra forma di accoglienza.

Il Presidente della Confraternita Addolorata e Rettore di tutte le Confraternite dice che non si può decidere per tutte le Confraternite e che si deve votare all’interno. Continua chiarendo che pur appartenendo alla Chiesa sono anch’essi esseri umani e che non si può esprimere a titolo personale.

Il dr. Lucio Notarrigo, rappresentante di Confraternite, dice che non possono esprimere pareri personali.

Pier Giovanni Zaffara dell’Associazione Culturale Musikart spiega che la sua è un’associazione musiculturale. Aderisce ed è favorevole a lavorare assieme all’Associazione Don Bosco. Invita le associazioni musicali ad unirsi.

Carmelo Lavalle, Presidente dell’Associazione Coraggio, rileva che l’eventualità di un fenomeno migratorio eccezionale può portare la Prefettura a destinare immigrati a Villarosa come CAS.

L’arch. Sella chiarisce e il Sindaco consegna la Circolare del Ministero dell’Interno che dà indirizzo ai Prefetti di non destinare CAS dove c’è un centro SPRAR.

Carmelo Lavalle Presidente dell’Associazione Coraggio consegna un documento dove espone le proprie proposte che si allega sotto la lettera “B”

Il Sindaco evidenzia che il documento è perfettamente in linea con il progetto e con l’impostazione di questo Ente .

L’arch. Sella invita l’associazione Coraggio a collaborare con l’associazione Don Bosco per attivare, con un protocollo d’intesa, attività di divulgazione nelle scuole e nella collettività.

L’Associazione è contattata dalla Prefettura e dallo SPRAR, che manda un ispettore a verificare tutto.

Nessun problema ad aprire le carte, assicura massima trasparenza.

Il Sindaco si dichiara favorevole a qualsiasi forma di controllo anche con la partecipazione delle Associazioni.

L’arch. Sella interviene dicendo che o si fa con la massima trasparenza o non ha senso fare accoglienza. Si può costruire un modello nuovo e trovare soluzioni adatte al nostro territorio.

Il dr. Lucio Notarrigo chiede come verrà fatta la selezione del personale.

L’arch. Sella risponde che è l’Associazione che ha il compito di fare la selezione del personale e che è loro impegno a selezionare personale qualificato. Entro il 14 si deve presentare il progetto in cui si inserisce il curriculum delle persone che dovranno lavorare. Noi vogliamo persone locali la soluzione è mettere ora i nostri operatori e poi si fa una manifestazione di interesse per assumere personale locale che sia qualificato.

Il Sindaco spiega che la selezione sarà trasparente e pubblica ma verrà fatta in un secondo momento. Oggi si deve capire se la comunità è favorevole all’accoglienza e se le associazioni vogliono aderire al progetto.

L’Associazione Scuola Calcio chiede se saranno monitorati h24

Il consigliere Lavalle esprime che non sono detenuti ma sono persone libere.

L’Assessore Costa ritiene che la commissione voluta dall’associazione Coraggio debba essere formata dalle Associazioni . Il personale qualificato si potrebbe trovare proprio all’interno delle Associazioni.

Il consigliere Lavalle chiarisce che questi immigrati già parlano la lingua dopo qualche mese.

Il dr. Giuseppe Fasciana come cittadino si dichiara favorevole ad accogliere questa comunità, che è un momento di crescita. Come villarosano esprime perplessità in quanto non si esita a uscire coltelli o altre armi per ben poco? Si domanda se il livello culturale consente di accogliere.

L’Ing. Malla dell’Associazione “Lenza del Morello” chiede se stasera si devono dare le adesioni e si dichiara disponibile.

L’arch. Sella dice che sono pronte delle schede per le associazioni che devono dare le adesioni entro questa settimana.

Il Presidente Meli chiede alle associazioni di manifestare la volontà di adesione o meno.

Il dr. Giuseppe Fasciana del Centro Ippico la Terrazza………..

Restivo Gabriele spiega che il Presidente non è presente ma si esprime favorevole ma si riserva

Il Presidente della “S. Vincenzo” Angelo Di Cara si esprime favorevole ma si riserva.

Cassaro Presidente dell’Associazione Bellarosa ritiene di poter fare integrazione con musica, balli e teatro e anche laboratorio artigianale. Si dichiara favorevole.

L’Assessore Costa a nome dell’Associazione “Non solo cavalli”si dichiara favorevole a partecipare.

Il dr. Lucio Notarrigo per la Confraternita risponderà entro lunedì

Carmelo Lavalle Presidente dell’Associazione Coraggio se vengono rispettati i requisiti richiesti. Si dichiara favorevole ad accogliere i migranti anche nelle loro attività. E’ fondamentale che venga avviata la campagna di sensibilizzazione nelle scuole ………..

Di Cara dell’Associazione il Colore dei suoni si dichiara favorevole.

Alessandro Notarrigo del movimento 5 stelle accettano ben volentieri il percorso e chiedono di far parte della Commissione di controllo.

La dott.ssa La Cara dell’Associazione Don Bosco illustra la scheda che verrà data alle Associazioni per l’adesione al progetto.

Si dà atto che il Presidente ha autorizzato le riprese audiovisive della seduta.

Il dr. Sella ringrazia le Associazioni presenti che consentono di costruire un progetto dal basso secondo le esigenze della comunità. Le schede vanno consegnate entro lunedì 8 febbraio.

Il consigliere Cipriano esprime il personale appoggio e chiede, qualora si inserisca, di fare parte della Commissione.

Il Sindaco ringrazia i presenti per avere appoggiato il progetto SPRAR. Se pensiamo che è nato dopo tante contraddizioni esprime grande soddisfazione per essere arrivato a un punto chiaro dai Consiglieri dalle Associazioni anche se poche presenti Siamo riusciti ad ascoltare la voce delle Associazioni e vi sono le condizio9ni per partire. Le perplessità il Sindaco le ha avute in modo forte e condivide quelle degli altri.

In Prefettura assieme al Segretario hanno avuto perplessità e travaglio interiore. Ora è contento e speranzoso, per le rassicurazioni dei Sindaci di Aidone e Regalbuto che hanno fatto l’esperienza Sente vicino il Consiglio Comunale e i cittadini, le associazioni che hanno dato la disponibilità.

Se a casa la affrontiamo tutti assieme diventa tutto più semplice e Villarosa potrà essere qualificata come una comunità accogliente ma con l’aiuto di tutti. Diversa è l’esperienza di Caltanissetta

Dopo questa maratona che va avanti da fine novembre si è giunti ad una posizione comune. Venerdì vi sarà un Consiglio aperto per altro argomento importante.

Il Presidente Meli ha l’onore di rappresentare il Consiglio Comunale e si scusa se a volte i toni sono stati forti. Grazie da Consigliere, abbiamo la bontà di arrivare alle decisioni nel miglior modo. Ringrazia tutti.

Il consigliere Ferruggia si dichiara favorevole…..

Sono nominati scrutatori Ferruggia – Cipriano e Calabrese.

L’esito della votazione, per alzata di mano, accertato e proclamato dal Presidente, con l’ausilio degli scrutatori, è il seguente: Presenti n. 08 – Favorevoli n. 08 –-Assenti n. 7 (Lunetta – D’Alù – Lavalle Abbate – Puglisi –Arancio – Lociuro –

Alle ore 21.00 la seduta è sciolta.

Il Consiglio Comunale

VISTA ed esaminata la proposta di deliberazione allegata al presente atto per costituirne parte integrante e sostanziale avente per oggetto “ATTO DI INDIRIZZO SPRAR – SISTEMA DI PROTEZIONE RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI.” corredata dei pareri ai sensi dell’articolo 53 della legge 8 giugno 1990, n. 142, come recepita dalla legge regionale 11 dicembre 1991, n. 48 e da ultimo modificato dall’art. 12 della L.R. 30/2000:

RITENUTA detta proposta meritevole di approvazione per le motivazioni espresse nella stessa;

UDITI gli interventi svoltisi in aula e riportati nell’allegato “A” che forma parte integrante e sostanziale del presente verbale;

VISTI i pareri sulla stessa espressi;

VISTO l’Ordinamento Regionale degli Enti Locali;

VISTO l’esito della superiore votazione;

Delibera

1) APPROVARE la proposta di deliberazione allegata al presente atto per costituirne parte integrante e sostanziale, avente per oggetto “ATTO DI INDIRIZZO SPRAR – SISTEMA DI PROTEZIONE RICHIEDENTI ASILO E RIFUGIATI.”;

2) DARE ATTO che tutti i punti della proposta di deliberazione assistita dai pareri espressi ai sensi dell’art. 53 della legge 08 giugno 1990, n. 142, come recepita dalla L.R. 48/91 e, da ultimo, modificato dall’art.12 della L.R. 30/2000, si intendono qui di seguito trascritti ed unitamente al presente costituiscono unico ed intero dispositivo.

Il presente verbale, dopo la lettura, si sottoscrive per conferma.

 

Il Consigliere

F.to MELI LORENZO

Il Consigliere Anziano

Il Segretario

F.to RAPE’ KATYA

F.to D.ssa GIUNTA ANNA

 

Certificato Di Pubblicazione

La presente delibera è stata pubblicata all’Albo Pretorio on line di questo Comune ex art. 32 legge 69/2009 e ss.mm. e ii. dal giorno e per 15 giorni fino al giorno .

Villarosa, lì

Il Responsabile della pubblicazione

F.to

Ufficio Protocollo

Si attesta che nei 15 giorni dall’inizio della pubblicazione avverso il presente atto non sono state prodotte opposizioni

Villarosa, lì_________________

Il Responsabile del Protocollo

F.to

Il SEGRETARIO COMUNALE

su conforme attestazione del responsabile della pubblicazione e dell’addetto al protocollo

Certifica

Che la presente deliberazione è stata pubblicata all’albo pretorio on line di questo Comune ai sensi dell’art. 32 della legge 69/09 e ss. mm. e ii. il giorno e vi è rimasta per gg.15 consecutivi ai sensi dell’art.11 della Legge Regionale 3 dicembre 1991, n.44 come modificata dalla L. R. n. 17 del 28.12.2004.

La presente certificazione si rilascia ai sensi dell’art. 89 del DPR N. 3/57.

Dalla Residenza Municipale, lì

Il SEGRETARIO COMUNALE

F.to D.ssa GIUNTA ANNA

Il sottoscritto SEGRETARIO COMUNALE, visti gli atti d’ufficio

Attesta

Che la presente deliberazione è divenuta esecutiva il giorno

  • Essendo decorsi i 10 giorni dalla pubblicazione, art. 12 comma I° L.R. n. 44/91;

  • Essendo immediatamente esecutiva, art. 12, comma 2° L. R. n . 44/91;

Comunicato stampa del gruppo “Coraggio!” sui consigli comunali dell’1 e 3 febbraio 2016.

Si è tenuto mercoledì 3 febbraio il secondo atto del Consiglio comunale convocato appositamente per discutere la vicenda dell’attivazione del progetto SPRAR a Villarosa, alla quale ha partecipato un cospicuo numero di cittadini a testimonianza del grande interesse che la popolazione nutre per questo argomento.

Per l’occasione sono state invitate le numerose associazioni che operano sul territorio (una cinquantina circa) in quanto il progetto SPRAR richiede espressamente che l’associazione aggiudicataria, la “Don Bosco 2000” di Piazza Armerina, sia necessariamente coadiuvata dalle realtà associative del territorio. Proprio a questo fine le associazioni cittadine sono state chiamate, in seno al consiglio comunale, a dichiarare la loro disponibilità.

L’associazione politico-culturale “Coraggio!”, sin da subito si è posta in netto contrasto con l’amministrazione comunale per la poca informazione che questa e buona parte dei consiglieri comunali hanno offerto alla cittadinanza in merito al suddetto progetto; e a seguito di una forte contestazione ha portato l’amministrazione a convocare una pubblica assise, dando la possibilità alla popolazione di vivere questi importantissimi momenti di partecipazione.

Rappresentata da Carmelo Lavalle, l’associazione “Coraggio!” è intervenuta a più riprese durante l’incontro e ha portato al consiglio comunale una doppia proposta. La prima riguarda l’istituzione di una commissione di vigilanza e garanzia, composta da rappresentanti delle associazioni e consiglieri comunali, che abbia come compito quello di controllare la regolarità nella gestione del progetto e la prestazione dei servizi  diretti ai rifugiati e richiedenti asilo. Inoltre, la commissione vigilerà sul gruppo di lavoro; sulle assunzioni del personale richiesto, che dovranno determinarsi con criteri meritocratici e più che mai trasparenti; incontrerà periodicamente il coordinatore dell’équipe di lavoro e il responsabile del progetto, i quali dovranno presentare una dettagliata relazione sullo svolgimento del progetto stesso. La seconda proposta, in linea con i principi dell’associazione, riguarda la promozione di una grande campagna di sensibilizzazionevolta ad abbattere le barriere culturali che generano avversità nei confronti del “diverso” o dello straniero. La campagna deve avere degli specifici obiettivi quali, ad esempio, diffondere la cultura dell’accoglienza e della solidarietà soprattutto tra i bambini e i ragazzi, fornendo informazioni e conoscenze sull’attuale situazione politica e sociale dei paesi dell’Africa e del Medio Oriente. Nella proposta sono stati inseriti anche i metodi da utilizzare al fine di attivare un’informazione di massa sul tema.

Le nostre indicazioni sono parse valide e ragionevoli al sindaco Costanza e all’intero Consiglio Comunale, il quale ha preso l’impegno sia di istituire la commissione di vigilanza sia di creare una rete di collaborazione con le associazioni, al fine di attivare un percorso di sensibilizzazione alla comunità. Queste proposte nascono dal diffuso scetticismo che circonda questa iniziativa, nonostante il Consiglio Comunale abbia votato a larga maggioranza il “sì” al progetto, la popolazione rimane restìa a farsi carico di un così importante e difficile “incarico”.

Vincenzo Blandi, a nome dell’associazione Coraggio!, sostiene: “Abbiamo preso atto del consenso favorevole di molte realtà associative e dell’orientamento dell’amministrazione comunale. Non siamo mai stati contro l’accoglienza. Abbiamo sempre criticato la poca trasparenza delle istituzioni in merito alla vicenda, per questo la nostra proposta è stata quella di istituire una commissione di vigilanza, in quanto vogliamo che sia garantita la massima trasparenza sulla gestione dell’intero progetto. Ci dichiariamo inoltre soddisfatti per questi momenti di grande democrazia che tramite le nostre proteste abbiamo reso possibili, perché se giorno 9 Gennaio non fosse apparso nella piazza principale il manifesto firmato Coraggio!, non so se avremmo mai avuto la possibilità di confrontarci tutti, direttamente, con l’amministrazione.”

Visite: 987

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI