Villarosa, protesta chiusura Ponte 5 Archi; aderiscono anche le comunità di altri comuni

E’ una protesta che si sta spandendo a macchia d’olio quella iniziata sabato scorso dalla comunità villarosana per protestare per la chiusura del Ponte 5 Archi. Infatti dallo scorso mese di febbraio questo manufatto sulla SS 121 e che mette in contatto Villarosa ma anche tanti altri comuni vicinori anche della provincia di Caltanissetta con l’autostrada A-19 ma anche con Caltanissetta è stato chiuso per problemi di natura strutturale ma senza nessuna notizia su quando potrebbe essere nuovamente riaperto. Per questo motivo da sabato scorso un comitato spontaneo di cittadini cui si sono aggregati anche i consiglieri comunali e lo stesso sindaco Franco Costanza presidia il ponte H24 sino a quando non avrà notizie rassicuranti. Intanto nella serata di lunedì scorso si è tenuto a Villarosa un consiglio comunale straordinario con una sala consiliare gremitissima di cittadini ed a cui hanno partecipato anche le rappresentanze dei consigli comunali dei comuni nisseni di Santa Caterina Villarmosa, palermitani di Bompietro, Alimena di quello messinese di Capizzi, Resuttano più alcuni sindaci anche di questi comuni. Tutti hanno condiviso la protesta della comunità villarosana e si sono resi disponibili a portare avanti insieme la protesta. Quindi una chiusura del ponte che interessa un bacino di utenza che si aggira intorno a non meno 50 mila persone e che se dovesse persistere sopratutto nei mesi invernali rischia di mettere in ginocchio l’economia di diversi centri abitati, visto che per molte attività economiche la strada interessata dalla chiusura del ponte è necessaria per la stessa vita di queste, ma anche problemi legati alla salute visto che per raggiungere l’ospedale più vicino ovvero il S.Elia di Caltanissetta di dovrebbe fare un giro che allungherebbe per i cittadini di Villarosa il tragitto di non meno di 40′ ma per quelli di altri comuni anche più. Intanto si attende che da un momento all’altro dovrebbe essere convocato dalla Prefettura un vertice cui dovrebbero partecipare i rappresentanti di tutti i comuni interessati più i rappresentanti dell’Anas ma anche del dipartimento provinciale e regionale di Protezione Civile. E’ probabile che per intervenire e snellire i tempi si voglia seguire l’iter previsto da quest’ultimo soggetto.  L’inconttro è stato ufficializzato per stamattina.

Visite: 485

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI