Viabilità Provinciale, il sindaco di Calascibetta Carmelo Cucci scrive alla Regione

Ecco la lettera che il sindaco di Calascibetta Carmelo Cucci ha scritto alla Regione ed al Commissario straordinario dell’ex Provincia per evidenziare lo stato in cui versano alcune strade provinciali che interessano il comune xibetano

All’Assessore Regionale delle Infrastrutture e Mobilità della regione Sicilia – Palermo – fax 091 7072375

Al Commissario della Provincia Regionale di Enna – Unione Regionale Province Siciliane – Palermo fax 0916250370 – mail: info urps.it

Spett. Anci – Sicilia – fax 091 7404852 mail: ancisicilia anci.sicilia.it

Oggetto: richiesta sistemazione strade provinciali.

Ritengo doveroso segnalare alle SS.LL. lo stato di quasi totale impercorribilità di alcune strade provinciali che collegano questo comune con altre strade statali, altri centri comunali e lo stesso capoluogo di provincia.

L’avere appreso che codesto assessorato ha disponibilità per la sistemazione di strade provinciali di circa 50 milioni di euro mi obbliga quindi a segnalare almeno due strade provinciali che ad oggi sono indispensabili per il mantenimento delle due uniche vie di comunicazioni vitali per le comunità di Calascibetta e della sua frazione Cacchiamo.

La prima è la strada provinciale n. 32 che collega la frazione di Cacchiamo con la statale n. 290 al bivio Villapriolo – Alimena – Calascibetta e la strada provinciale n. 46 che collega Cacchiamo con Villadoro e Nicosia. Lo stato del manto stradale, la segnaletica, gli apparati di sicurezza ormai gravemente deteriorati o in alcuni tratti inesistenti espongono a gravi rischi gli automobilisti che hanno necessità di percorrerle. Di contro non esistono percorsi alternativi se non praticando percorrenze che triplicano o anche più il numero dei chilometri necessari per collegare la frazione di Cacchiamo con Calascibetta o con Villadoro e Nicosia.

La seconda strada provinciale per la quale si richiede intervento è la n. 63 che collega Calascibetta con la statale 121. Questa arteria, attualmente del tutto impercorribile, è di vitale importanza per la comunità xibetana in quanto consente, nel caso di chiusura della statale n. 290, almeno un collegamento in entrata ed in uscita da Calascibetta. Il rischio di completa chiusura della statale 290 è molto concreto in quanto da un versante (tra Calascibetta e bivio Villapriolo) la strada è già chiusa e dall’altro (tra Calascibetta e bivio Misericordia) ci sono concreti pericoli di frane dalle pendici. In tal modo il comune di Calascibetta resterebbe completamente isolato. Preciso che in atto tra Anas e Istituto Forestale (proprietario delle pendici che costeggiano la statale 290 all’altezza della frana che causa la chiusura) è in atto un contenzioso amministrativo per cui la riapertura dell’arteria statale sembra lontana.

L’evidente stato di degrado delle strade provinciali segnalate sta generando nei cittadini malcontento e sfiducia nelle istituzioni e, debbo precisare, che ormai si parla sempre in maniera più insistente di dare abbastanza clamore alle difficoltà ed ai disagi che ogni giorno la comunità deve sopportare per quanto sopra descritto.

Invito pertanto gli organi in indirizzo a valutare concretamente un impegno per il ripristino della regolare viabilità delle strade provinciali indicate.

Ringrazio e distintamente saluto.

Il Sindaco

Carmelo Cucci

 

Visite: 714

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI