Vertenza dipendenti Aci informatica, continua l’assemblea permanente

Come preannunciato nei precedenti comunicati continua l’assemblea permanente delle lavoratrici e dei lavoratori di ACI Informatica per contrastare lo “SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE LA RAZIONALIZZAZIONE DEI PROCESSI DI GESTIONE DEI DATI DI CIRCOLAZIONE E DI PROPRIETÀ DI AUTOVEICOLI, MOTOVEICOLI E RIMORCHI, FINALIZZATA AL RILASCIO DI UN DOCUMENTO UNICO AI SENSI DELL’ARTICOLO 8, COMMA 1, LETTERA D), DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N. 124”, in quanto questo decreto:

– aumenta i costi per i cittadini smantellando l’unico presidio pubblico efficiente ed efficace, cioè il PRA gestito dall’ACI;

– degrada i servizi per il cittadino, basti pensare allo smantellamento del servizio gratuito – ufficio a domicilio – che il PRA eroga ai cittadini svantaggiati per ragioni di invalidità o ricovero sanitario;

– aumenta la spesa pubblica, dato che andranno rifatte le procedure informatiche, dovranno essere ricollocati gli oltre 2.900 dipendenti pubblici dell’ACI e trovati gli “ammortizzatori sociali” per gli oltre 600 licenziamenti di lavoratrici e lavoratori a contratto privato, che deriveranno dall’adozione del decreto;

– prevede il licenziamento di 600 lavoratrici e lavoratori di ACI Informatica e del suo indotto (pulizie, mensa, guardiania, manutenzione ecc.).

E’ stata un’altra bella giornata ricca di iniziative finalizzate a dare risalto alle nostre ragioni e a mettere in campo la forza dell’Assemblea delle lavoratrici e dei lavoratori.

Nel corso della giornata le lavoratrici e i lavoratori si sono recati in corteo al vicino PRA per denunciare all’utenza gli effetti che si produrrebbero con questo decreto legislativo.

Nel corso di questa mobilitazione è intervenuta una troupe di RAI 3 per riprendere la manifestazione e capire le ragioni della stessa.

Le lavoratrici e i lavoratori hanno continuato proficuamente nel lavorio necessario a dare sostegno alla lotta e naturalmente la mobilitazione permanente comincia a generare i suoi concreti e inevitabili effetti sulle attività.

Sappiamo che questo può causare dei disservizi all’utenza. Di questo ci scusiamo anticipatamente ma ci teniamo a ricordare che le nostre mobilitazioni sono volte alla tutela tanto dei lavoratori quanto dei cittadini.

In questo senso alleghiamo un banner di avviso che potrà essere utilizzato per informare l’utenza delle problematiche in atto.

Lo dichiariamo nuovamente e lo sosteniamo ogni giorno con le mobilitazioni: le lavoratrici e i lavoratori di ACI Informatica non smetteranno mai di lottare finché non avranno raggiunto l’obiettivo di tutela dei servizi al cittadino e dei propri posti di lavoro.

La RSU Aci Informatica – 17 maggio 2017

BANNER DI AVVISO

Gentile Utente ti informiamo che a causa del Decreto legge AG 392 che prevede la riorganizzazione dei processi PRA/MCTC, i dipendenti di Aci Informatica che gestisce i servizi informatici di Aci, sono entrati in assemblea permanente, perché gli effetti dell’applicazione dello stesso, produrranno più costi per i cittadini, la cancellazione di un servizio pubblico e efficiente come il P.R.A. ed il licenziamento di 600 lavoratori di Aci Informatica considerata una società modello della Pubblica Amministrazione.
Per questo motivo potranno verificarsi dei disservizi causati dalla mobilitazione in atto a tutela dei cittadini e dei lavoratori.
Ci scusiamo anticipatamente per l’eventuale disagio arrecato.

Visite: 486

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI