Verso le Primarie Pd: Mario Alloro “Invito a votare in totale libertà”

Questa domenica, come è noto, si svolgeranno le primarie per eleggere il nuovo segretario nazionale del partito democratico. Queste primarie rappresentano un passaggio molto importante nella costruzione dell’alternativa al governo giallo-verde che tanti danni sta facendo e continuerà a fare al Paese. Tuttavia, per costruire questa alternativa il PD e in generale la sinistra, devono invertire la rotta rispetto a questi mesi.
Il 4 Marzo non abbiamo soltanto perso un’elezione, sembra che questo partito abbia perso la sua strada, si sia smarrito facendo un’opposizione risibile e continuando, a livello nazionale ma anche nei singoli territori, a commettere gli stessi errori che ci hanno portato a quella sconfitta. Abbiamo, imperterriti, continuato a litigare tra di noi e a guardare al nostro ombelico, mentre la Lega supera il 30%, dimostrando così che quella sconfitta non ci ha insegnato niente. Tuttavia, dall’altro lato, le elezioni in Abruzzo e in Sardegna dimostrano che il Partito Democratico è ancora vivo, a patto che rinunci all’autoreferenzialità e investa su quadri dirigenti credibili e preparati.
Personalmente, a queste primarie avevo deciso di sostenere Maurizio Martina perché gli riconoscevo e per certi versi gli riconosco tuttora capacità di sintesi tra le diverse anime del partito ma, nonostante ciò, domenica non lo voterò. Non lo voterò per una ragione molto semplice, a difesa degli iscritti al Partito Democratico della mia provincia: qualche giorno fa sono state presentate le liste a sostegno di Martina per l’assemblea nazionale del Partito Democratico e, da Palermo, hanno scelto di non candidare nessun esponente della provincia di Enna riservando l’intera lista alla provincia di Caltanissetta, e questa è una cosa molto grave. Si badi bene, non è un fatto di “poltrone”, chi conosce questo organismo ne riconosce la sostanziale inutilità, piuttosto si tratta di rispetto. Rispetto che è venuto a mancare nei confronti non miei, dal momento in cui come tutti sanno non ero candidato, ma di tutti coloro i quali che in questa provincia volevano e vogliono sostenere Martina ma, purtroppo, non potranno essere rappresentati in assemblea nazionale. Pertanto, consiglierò a chi finora ha condiviso un percorso con me di andare a votare, di partecipare in tanti – in totale libertà – perché ritengo che quello delle primarie sia un momento importante per il rilancio di quello che ancora rimane il più grande partito del centrosinistra italiano.

Mario Alloro

Visite: 520

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI