Unioncamere, in provincia di Enna, il Commercio Ambulante parla quasi esclusivamente italiano

Commercio: 1 attività su 5 è ambulante

Gli operatori dei “mercatini”

verso quota 200mila, oltre la metà parla straniero

Tra gli italiani, quasi l’80% opera nella provincia di nascita

Roma, 29 agosto 2018 – Una impresa commerciale su 5 è ambulante. Questa tipologia di impresa, nelle sue diverse forme, rappresenta una parte rilevante del panorama dell’offerta distributiva del Paese, tanto che a fine giugno scorso, secondo i dati del Registro delle Imprese, elaborati da Unioncamere-InfoCamere, sono quasi 200mila gli operatori di questo comparto (il 95 % dei quali ha scelto la forma di impresa individuale), pari al 22% di tutte le aziende di commercio al dettaglio della Penisola.

Osservando da vicino il profilo anagrafico dei protagonisti emergono alcune peculiarità. In primo luogo, la spiccata valenza locale, certificata dal fatto che in media il 78% dei titolari svolge la propria attività nella provincia di nascita. Lo stretto legame col territorio che, in generale, caratterizza tutto il Mezzogiorno, si evidenzia soprattutto a Bari, Palermo e Napoli . Il 97,4% delle imprese individuali del capoluogo pugliese ha infatti un titolare nato in uno dei comuni della provincia . Seguono Palermo e Napoli – a pari merito – dove il 95% degli ambulanti proviene dal rispettivo territorio comunale. Ad accezione di Bolzano in settima posizione, con un ragguardevole 92,6% di ambulanti autoctoni, per trovare una provincia del centro-nord bisogna scorrere la classifica fino al 20° posto, dove si colloca Padova (83,5%).

All’opposto, la classifica dei territori in cui l’esercizio del commercio ambulante appare poco attrattivo per i locali vede al primo posto la provincia di Asti, dove solo il 43,8% degli operatori vanta radici nella provincia. Fra i territori al disotto della soglia del 50% di imprenditoria autoctona del commercio ambulante si incontrano poi le province di Aosta (44,2%), Vercelli (46,3%), Alessandria (48%) e Savona (48,8%).

Ambulante non fa sempre rima con straniero

L’altro aspetto che caratterizza il settore è quello legato alla forte presenza di operatori stranieri tra gli imprenditori (di poco superiore alle 100mila unità, il 56% del totale). L’analisi territoriale svela però un’Italia dai profili molto variegati, con province in cui la quota di ambulanti italiani è assolutamente schiacciante rispetto a quella dei colleghi stranieri. Non solo ad Enna (dove i locali sono l’86,5%), Brindisi e Bari (entrambe oltre il 75%) ma anche a Torino, dove gli ambulanti italiani sono il 67,3%. All’altro estremo, i territori con minore presenza di imprenditori ambulanti nati in Italia sono le province di Catanzaro (solo il 20,2% rispetto al totale), Reggio Calabria (21,5%) e Pisa (23%).

Tra i paesi di provenienza degli ambulanti stranieri, quello che presenta di gran lunga il maggior numero di imprenditori è il Marocco (39mila) che assomma quasi il 40% degli stranieri operanti nel settore a livello nazionale. Seguono a distanza Senegal e Bangladesh, con consistenze analoghe (circa 15mila imprese).

Il Territorio

La distribuzione degli ambulanti a livello territoriale dimostra che la Campania, con 30mila realtà al 30 giugno scorso, presenta il maggior numero di imprese nel comparto, ma numerose risultano anche in Lombardia (22.429 imprese registrate) e in Sicilia (19.726). In queste tre regioni ha sede quasi il 40% delle imprese del commercio ambulante della Penisola. Calabria, Sardegna e Toscana (tutte sopra il 25%) sono invece le regioni con l’incidenza percentuale maggiore di imprese ambulanti considerando il totale delle realtà appartenenti del commercio al dettaglio.

I settori

L’articolazione per settore vede un peso significativo di quello non alimentare ed in particolare il comparto abbigliamento che, nelle sue diverse suddivisioni, rappresenta il 38,4% delle imprese del commercio ambulante. Al secondo posto, staccata di alcuni decimi di punto, viene la categoria “altri prodotti” (tra cui fiori, cosmetici, detersivi, chincaglieria) con quasi il 38% delle attività, e solo al terzo posto il settore alimentare, il cui contributo si ferma al 18,4% di tutti gli esercizi ambulanti (con prevalenza della componente legata ai prodotti ortofrutticoli).

COMMERCIO AL DETTAGLIO AMBULANTE

Imprese totali registrate per attività ed incidenza % su totale ambulantato al 30 giugno 2018

 Attività

Imprese del commercio ambulante registrate al 30.06.2018

Peso % su totale

di prodotti alimentari e bevande

9.872

5,2%

di prodotti ortofrutticoli

12.674

6,7%

di prodotti ittici

3.290

1,7%

di carne

869

0,5%

di altri prodotti alimentari e bevande nca

8.008

4,2%

Tot. alimentari e bevande

34.713

18,4%

di prodotti tessili, abbigliamento e calzature

16.408

8,7%

di tessuti, articoli tessili per la casa, articoli di abbigliamento

50.495

26,7%

a posteggio fisso di calzature e pelletterie

5.665

3,0%

Tot. tessili, abbigliamento e calzature

72.568

38,4%

di altri prodotti

13.410

7,1%

di fiori, piante, bulbi, semi e fertilizzanti

3.794

2,0%

di macchine, attrezzature e prodotti per l’agricoltura; attrezzature per il giardinaggio

183

0,1%

di profumi e cosmetici; saponi, detersivi ed altri detergenti per qualsiasi uso

1.990

1,1%

di chincaglieria e bigiotteria

24.342

12,9%

di arredamenti per giardino; mobili; tappeti e stuoie; articoli casalinghi; elettrodomestici; materiale elettrico

4.335

2,3%

di altri prodotti nca*

23.335

12,3%

Tot. altri prodotti

71.389

37,8%

(non specificato)

10.328

5,5%

TOTALE COMMERCIO AMBULANTE

188.998

100,0%

di cui imprenditori individuali

180.464

95,5%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

* include

– commercio al dettaglio ambulante di tappeti e scendiletto

– commercio al dettaglio ambulante di libri

– commercio al dettaglio ambulante di giochi e giocattoli

– commercio al dettaglio ambulante di registrazioni musicali e video

– commercio al dettaglio ambulante di articoli usati

Imprese totali registrate per regione ed incidenza % su totale commercio al dettaglio al 30 giugno 2018 Graduatoria per valore percentuale

Regione

Imprese del commercio ambulante registrate al 30.06.2018

Peso % su totale imprese commercio al dettaglio della regione

Regione

Imprese del commercio ambulante registrate al 30.06.2018

Peso % su totale imprese commercio al dettaglio della regione

CALABRIA

10.902

27,7%

LIGURIA

5.001

19,4%

SARDEGNA

6.902

25,4%

EMILIA ROMAGNA

9.015

18,6%

TOSCANA

13.707

25,1%

LAZIO

17.293

18,1%

CAMPANIA

29.975

24,3%

UMBRIA

2.172

17,6%

SICILIA

19.726

24,1%

MOLISE

774

16,4%

MARCHE

4.874

23,9%

FRIULI-VENEZIA GIULIA

1.588

13,8%

PUGLIA

15.597

23,3%

TRENTINO-ALTO ADIGE

1.063

12,7%

LOMBARDIA

22.429

22,9%

BASILICATA

1.066

12,6%

ABRUZZO

4.562

22,1%

VALLE D’AOSTA

120

8,8%

PIEMONTE

11.771

21,9%

ITALIA

188.998

22,1%

VENETO

10.461

20,3%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

Imprese individuali con titolare italiano per provincia al 30 giugno 2018

Stock e quota % imprese individuali con titolare italiano sul totale delle imprese individuali

Prime e ultime 10 province per presenza di imprese con titolare italiano

Prime 10 province

Imprese del commercio ambulante registrate al 30.06.2018

Quota % imprese con titolare italiano

Ultime 10 province

Imprese del commercio ambulante registrate al 30.06.2018

Quota % imprese con titolare italiano

ENNA

276

86,5%

SASSARI

611

30,0%

BRINDISI

1.204

75,4%

GENOVA

766

30,0%

BARI

3.813

75,2%

NUORO

252

29,3%

POTENZA

368

69,0%

LIVORNO

541

28,8%

TARANTO

975

67,6%

CAGLIARI

887

25,7%

TORINO

4.445

67,3%

SONDRIO

65

25,6%

PADOVA

1.457

66,4%

CASERTA

1.600

24,1%

BOLZANO

298

65,5%

PISA

480

23,0%

CUNEO

695

65,3%

REGGIO CALABRIA

862

21,5%

CATANIA

2.844

65,2%

CATANZARO

598

20,2%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

Imprese individuali di stranieri, per paese di nascita del titolare, registrate al 30 giugno 2018

Stock e quota % del paese sul totale delle imprese individuali straniere

Graduatoria dei paesi con uno stock superiore alle 1000 unità, per valore assoluto

Imprese del commercio ambulante registrate al 30.06.2018

Peso % ambulanti su

totale imprese individuali del Paese

Paese di nascita del titolare
MAROCCO

38.543

56,9%

SENEGAL

14.750

76,2%

BANGLADESH

14.616

46,8%

PAKISTAN

6.783

40,9%

NIGERIA

5.154

36,9%

CINA

4.290

8,1%

TUNISIA

2.368

16,1%

INDIA

1.898

26,2%

ALGERIA

1.660

43,2%

EGITTO

1.233

6,5%

GHANA

1.071

39,7%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

 

COMMERCIO AL DETTAGLIO AMBULANTE

TOTALE imprese individuali con titolare italiano registrate per provincia

Graduatoria per % delle imprese individuali con titolare nato in provincia

PROVINCIA

Imprese al 30.06.2018

Registrate con titolare nato in provincia

PROVINCIA

Imprese al 30.06.2018

Registrate con titolare nato in provincia

BARI

3.813

97,4%

PERUGIA

578

70,4%

PALERMO

1.752

96,5%

CUNEO

695

70,4%

NAPOLI

6.183

95,0%

FIRENZE

1312

70,4%

CATANIA

2.844

94,3%

ISERNIA

77

70,1%

BRINDISI

1.204

93,5%

FERRARA

307

70,0%

LECCE

1.818

93,3%

MASSA CARRARA

344

69,5%

BOLZANO

298

92,6%

FERMO

215

69,3%

FOGGIA

1.422

92,6%

CATANZARO

598

69,2%

TRAPANI

569

91,6%

SONDRIO

65

69,2%

REGGIO CALABRIA

862

91,4%

TRENTO

218

68,8%

MESSINA

868

90,2%

NUORO

252

68,3%

RAGUSA

537

89,9%

VERBANIA

140

67,9%

VIBO VALENTIA

264

89,0%

PESARO E URBINO

439

67,0%

SALERNO

1.787

88,5%

VITERBO

434

66,4%

CAGLIARI

887

88,5%

PISA

480

66,3%

TARANTO

975

87,9%

ASCOLI PICENO

268

66,0%

CROTONE

249

87,6%

TORINO

4.445

65,1%

CALTANISSETTA

524

86,3%

PIACENZA

294

64,6%

AGRIGENTO

790

85,4%

GENOVA

766

64,4%

PADOVA

1.457

83,5%

LA SPEZIA

303

64,0%

BRESCIA

1.209

83,4%

TRIESTE

110

63,6%

FROSINONE

926

83,4%

BELLUNO

103

63,1%

BENEVENTO

323

82,7%

GORIZIA

50

62,0%

BERGAMO

1.006

81,9%

RAVENNA

392

62,0%

COSENZA

955

81,9%

CREMONA

362

61,9%

SIRACUSA

630

81,6%

PESCARA

513

61,4%

ENNA

276

81,2%

BOLOGNA

662

61,2%

TREVISO

608

80,6%

BIELLA

213

61,0%

CASERTA

1.600

80,6%

RIMINI

657

60,9%

POTENZA

368

79,9%

REGGIO EMILIA

398

60,3%

MACERATA

424

79,7%

PORDENONE

140

60,0%

TERAMO

547

79,2%

LODI

229

58,5%

AVELLINO

518

78,6%

UDINE

397

58,4%

ANCONA

633

77,9%

NOVARA

348

58,3%

VERONA

805

77,6%

VARESE

701

57,8%

ROMA

5.259

77,6%

SIENA

186

57,0%

ORISTANO

186

77,4%

RIETI

145

56,6%

FORLI’ – CESENA

484

76,7%

PARMA

272

56,3%

CAMPOBASSO

285

76,1%

MILANO

2699

56,2%

MANTOVA

501

75,8%

LECCO

248

56,0%

L’AQUILA

323

75,5%

PRATO

310

55,8%

VICENZA

500

75,2%

IMPERIA

407

54,8%

ROVIGO

254

74,8%

PISTOIA

598

54,7%

SASSARI

611

74,3%

GROSSETO

229

53,7%

MATERA

214

74,3%

MONZA E BRIANZA

993

52,3%

VENEZIA

919

73,7%

COMO

419

51,6%

CHIETI

585

73,2%

PAVIA

569

51,5%

LUCCA

569

73,1%

SAVONA

330

48,8%

AREZZO

342

73,1%

ALESSANDRIA

352

48,0%

TERNI

199

72,9%

VERCELLI

227

46,3%

MODENA

674

71,8%

AOSTA

52

44,2%

LIVORNO

541

71,3%

ASTI

317

43,8%

LATINA

927

70,4%

ITALIA

79.162

77,9%

Fonte: Unioncamere-InfoCamere, Movimprese

Visite: 228

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI