UN GARANTE REGIONALE DELLE PMI E DEL COMMERCIO. DALLA CIDEC UNA PROPOSTA AL VICE PRESIDENTE DELL’ARS ROBERTO DI MAURO.

UN GARANTE REGIONALE DELLE PMI E DEL COMMERCIO.
DALLA CIDEC UNA PROPOSTA
AL VICE PRESIDENTE DELL’ARS ROBERTO DI MAURO.
L’ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA CHIEDE CREDITI AGEVOLATI
E DETASSAZIONE PER LE ATTIVITÀ ECONOMICHE

3 maggio 2018

  
Istituire il garante delle piccole e medie imprese e del commercio quale antidoto alla concorrenza sleale e alle lungaggini burocratiche che inibiscono lo sviluppo dell’economia e come mezzo per tutelare chi, con il proprio lavoro, crea benessere per la società.
Questa la proposta che, nell’ambito di un recente incontro svoltosi a Palermo presso la sede dell’Assemblea Regionale Siciliana, è stata lanciata da una delegazione della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Sicilia guidata dal presidente Salvatore Bivona a colloquio con il vice presidente vicario Roberto Di Mauro su alcuni dei temi più importanti che riguardano le imprese e le attività produttive.
A promuovere l’idea è stato Michelangelo Valenza, presidente provinciale di Agrigento e vice presidente regionale della CIDEC, per rispondere concretamente ai disagi degli imprenditori e dei piccoli commercianti, le cui attività sono messe sempre più a repentaglio dalla proliferazione dei centri commerciali e dall’assenza di politiche adeguate finalizzate alla loro tutela.
Una proposta accolta con favore dal deputato regionale, che in passato ha ricoperto anche il ruolo di assessore con delega al Commercio e all’Artigianato, al quale sono inoltre state esposte le principali istanze del settore, a partire dall’esigenza di internazionalizzare i prodotti made in Sicily e di beneficiare di crediti agevolati anche attraverso la costituzione di un fondo di rotazione in grado di garantire i piccoli prestiti al commercio.
“Non siamo pregiudizialmente contrari ai grandi poli per gli acquisti – precisa Bivona – tuttavia riteniamo che occorra responsabilmente mettere in atto interventi di tutela a favore dei cosiddetti negozi di vicinato, penalizzati non soltanto dalla crisi, ma anche dall’inarrestabile avanzata dei centri commerciali, che dovrebbero sorgere in aree extraurbane : chiediamo, nello specifico, un maggiore equilibrio nella concessione delle autorizzazioni al fine di ristabilire punti fermi tra domanda e offerta”.
Tra le altre richieste rivolte a Di Mauro, anche la riprogrammazione delle zone franche urbane ed extraurbane “per supportare nella crescita – si legge in un documento siglato dal presidente Bivona e consegnato al deputato regionale – le aziende martoriate dalla mafia e, purtroppo, anche dall’antimafia di facciata e priva di contenuti, che la CIDEC considera ugualmente dannosa e lesiva della dignità degli imprenditori”.
Anche in campo culturale, la CIDEC ha illustrato le proprie iniziative e i progetti targati FEDERART, l’organismo che, all’interno dell’organizzazione, si occupa di promuovere talenti artistici, eventi letterari, mostre e dibattiti culturali: nello specifico, i dirigenti hanno chiesto di rivolgere maggiore attenzione alla produzione cinematografica, teatrale e televisiva isolana per farne uno strumento di marketing territoriale e dare lavoro a tutte quelle professionalità che, a vario titolo, operano nel settore dello spettacolo.
A comporre la delegazione regionale, anche l’avvocato Fabiola Giglio e l’imprenditore Salvatore La Franca, rispettivamente dirigente della CIDEC di Palermo e responsabile della CIDEC di Partinico(Pa).

Visite: 223

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI