Uil Fp Enna chiede intervanto dell’Assessore regionale alla Salute

‘’Richiesta d’intervento dell’Assessore alla Salute Regione Sicilia’’
L’Intestata Organizzazione Sindacale, comunica di aver inviato una nota dettagliata all’ Assessore alla Salute Regione Sicilia On.le R. Razza dove chiede un immediato intervento al fine di riportare nell’alveo della legalità contrattuale le relazioni sindacali in seno all’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna .

Premesso che l’Articolo 36 della Costituzione Italiana norma che la ‘’ giusta retribuzione ‘’ sia quella indicata nel Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro ‘’

Fatti Accaduti

Corre l’obbligo rappresentare che lo stallo delle trattative sindacali nell’anno 2017 per la stipula del Contratto Integrativo Aziendale del Comparto Sanità , di cui l’elaborazione dei testi e degli accordi nel rispetto delle leggi dell’ordinamento giuridico italiano è di esclusiva competenza dell’UOC delle Risorse Umane’’ vedi Atto Aziendale e Regolamento Aziendale’’ pag15-16’’ approvato con delibera 829 del 24 .10.2016, anche a seguito delle eccezioni sollevate dal collegio sindacale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna , che a nostro parere in relazione al calcolo della Retribuzione Individuale di Anzianità nel comparto sanità ha creato una enorme confusione .

Infatti , il collegio del revisori dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna, parrebbe aver posto in data 4 Dicembre 2017 dei rilievi in relazione al calcolo della retribuzione individuale di anzianità nei fondi del comparto sanità.

Il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro Comparto Sanità, quindi attualmente vigente cosi recita:
‘’ Finanziamenti dei Trattamenti Economici : a) dal 1 gennaio 2000 , delle risorse pari all’importo sui risparmi sulla Retribuzione Individuale di Anzianità (RIA), in godimento del personale comunque cessato dal servizio a decorrere dalla medesima data. Per l’anno in cui avviene la cessazione del servizio è accantonato, per ciascun dipendente cessato un importo pari alle mensilità residue della RIA in godimento, computandosi a tal fine, oltre ai ratei di tredicesima mensilità, le frazioni superiori ai quindici giorni. L’ IMPORTO ACCANTONATO CONFLUISCE IN VIA PERMANENTE ,NEL FONDO CON DECORRENZA DELL?ANNO SUCCESSIVO ALLA CESSAZIONE DAL SERVIZIO IN MISURA INTERA E VI RIMANE ASSEGNATO IN RAGIONE DI ANNO’’

Appare un dato inconfutabile, considerato che in data 22..12. 2017 non sussistono i presupposti dopo un anno di trattative e proposte per addivenire ad un accordo entro il 31.12.2017 per la stipula del Contratto Integrativo Comparto Sanità, con il pavimentato pericolo di perdere parte dei fondi del comparto sanità di cui sono destinatari i lavoratori per l’anno 2017

‘’Per non parlare del fatto che il contratto Integrativo Aziendale della Dirigenza Medica è obbligatorio per legge, ma all’Asp di Enna non è stato mai approvato, questo è un altro dato inconfutabile, e non risulta alla scrivente organizzazione sindacale nessun rilievo in tal senso da parte del collegio dei revisori dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna in relazione alla Retribuzione Individuale di Anzianità della Dirigenza Medica e non Medica’’

In relazione ai fatti sopra esposti , la scrivente Organizzazione Sindacale a difesa dei diritti di tutti i lavoratori , in ossequio all’Art.97 della Costituzione Italiana, chiede l’immediato intervento dell’Assessore alla Salute Regione Sicilia On.le R.Razza , al fine di riportare nell’alveo della legalità contrattuale le relazioni sindacali in seno all’Azienda Sanitaria Provinciale di Enna’’.

F.to Il Segretario Provinciale UIL FPL
Gaetano Faraci
F.to Il Segretario GeneraleUIL FPL
Giuseppe Adamo

Visite: 266

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI