Troina, rigettato ricorso per realizzazione impianto eolico

I partiti facenti parte della coalizione Troina Bene Comune (P.D., Partito socialista e Movimento politico culturale Re-esistenza) esprimono il proprio compiacimento per la sentenza emanata dal TAR SICILIA – sezione di Catania (pubblicata il 24/02/2017) con la quale viene integralmente rigettato il ricorso contro il comune di Troina di una delle ditte interessate ad ulteriori installazioni di impianti di minieolico.
Nell’autunno 2014, constatando che a ridosso della Diga Ancipa erano state installate diverse pale eoliche e che altre erano in procinto di installazione, al fine di tutelare un’aria che ha un notevole interesse ambientale e paesaggistico veniva predisposto e portato in Consiglio Comunale un regolamento che disciplina, complessivamente, nel nostro territorio l’installazione di impianti solari termici, fotovoltaici ed eolici.
Tale regolamento, approvato dalla maggioranza consiliare, si preoccupava da un lato di poter consentire la libera iniziativa di privati, dall’altro di evitare che un’eventuale installazione senza regole potesse portare a creare dei veri e propri parchi eolici (che poco o nulla hanno a che fare con il minieolico) e che ciò avvenisse proprio a ridosso di arie di grande interesse paesaggistico e naturalistico. Ad esempio, nello specifico, il regolamento stabilisce che tra un palo eolico ed un altro debba esserci una distanza minima di 200m, così come una distanza minima deve esserci rispetto alle strade.
Contro questo regolamento veniva presentato ricorso da una ditta interessata all’installazione di altre pale eoliche sostenendo, tra l’altro, che il Comune non è competente ad individuare e prescrivere obblighi e vincoli ulteriori a quelli imposti dalla normativa regionale e nazionale.
La recente sentenza del Tar, che dà piena ragione alle posizioni assunte dal Comune, sancisce che le normative in materia non escludono in alcun modo il potere del Comune di disciplinare l’uso del territorio.
Il principio che ha mosso il Comune, che è quello di pensare che nell’utilizzo del territorio le comunità locali debbano poter incidere, trova quindi piena conferma.
La coalizione Troina Bene Comune esprime soddisfazione non solo per la legittimità dell’operato degli organi politici del Comune, ma anche per la correttezza dell’operato svolto dall’ufficio tecnico nella gestione delle pratiche presentate dalle ditte interessate.
I partiti della coalizione Troina Bene Comune

Visite: 347

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI