Troina, la vicenda delle SS 120 e 575 approdano in parlamento

Approda a Roma, su sollecitazione dell’amministrazione comunale, la problematica della viabilità delle strade statali 575 e 120.

Ieri mattina l’onorevole del Pd Giuseppe Berretta ha presentato alla Camera dei Deputati un’interpellanza parlamentare indirizzata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per chiedere quali interventi si intendano realizzare per ripristinare la piena funzionalità e la messa in sicurezza delle due statali e quali iniziative concrete il Governo conta di mettere in campo per modernizzarle, visto che da decenni versano in uno stato di abbandono e non sono mai state oggetto di significativi investimenti.

La statale 575 – nell’itinerario Troina – Paternò – dai giorni scorsi e’ chiusa al transito notturno dalle ore 00.00 alle ore 05.00, a causa delle violente piogge degli ultimi mesi che ha causato il crollo di un muro di contenimento al km 5.3 e quello di un’intera corsia di marcia al km 11.3.

Sono ben 6, inoltre, i tratti della statale interessati da diversi smottamenti: al km 5.3 si circola a senso unico alternato; al km 10 il traffico e’ rallentato per deformazione del piano viabile; al Km 12.50 si transita a senso unico alternato per il cedimento di un muro; al km. 16.6 il traffico e’ rallentato per la deformazione del piano viabile e al km 17.3 si circola a senso unico alternato, a causa di una frana.

Simile lo stato della statale 120 – nella tratta Nicosia – Cesarò – , attualmente interessata da 3 interruzioni: al Km 113.65 per un ammaloramento del piano viabile; al km 152 si circola a senso unico alternato per frane e al km 157 per frane e smottamenti continui.

Ci stiamo attivando in ogni modo possibile – ha dichiarato il sindaco Fabio Venezia – per fronteggiare una situazione che ogni giorno diventa sempre più drammatica, salvaguardare l’incolumità pubblica e scongiurare la chiusura totale delle arterie che comporterebbe non pochi disagi per i nostri cittadini e non solo, nonché costituire purtroppo un elemento di isolamento e declino del nostro territorio. Nei prossimi giorni sarò a Palermo per incontrare i direttori generali dell’Assessorato alle Infrastrutture e dell’ANAS, per fare il punto sugli interventi urgenti e sul progetto di ammodernamento dei due assi viari”.

Nei giorni scorsi il sindaco – insieme ai primi cittadini di alcuni comuni limitrofi – aveva infatti chiesto alla Regione di inserire nell’Accordo di Programma Quadro (APQ) per il trasporto stradale la progettazione per l’ammodernamento della 575 e della 120, relativamente allo stanziamento dei nuovi fondi comunitari previsti nella programmazione 2014/2020.

VIABILITA’, STATALI 575 TROINA-PATERNO’ E 120 NICOSIA-CESARO’. BERRETTA (PD): “ARTERIE IN STATO DI ABBANDONO, PERICOLOSE, CAUSA DI ISOLAMENTO DI VASTE AREE DELLA SICILIA”.

Il parlamentare nazionale dei Democratici Giuseppe Berretta firmatario di un’interpellanza, sottoscritta dalla deputata Maria Greco, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

“Ripristinare la piena funzionalità e mettere in sicurezza la strada Statale 575 Troina-Paternò e la Strada Statale 120 Nicosia-Cesarò, che versano in uno stato di abbandono, pericolose per gli automobilisti e mai oggetto di significativi investimenti”.

Approdano alla Camera dei Deputati le drammatiche condizioni di alcune tra le principali arterie di collegamento tra le provincie di Enna, l’entroterra messinese e l’area metropolitana di Catania, con una interpellanza depositata ieri dal parlamentare nazionale del Partito Democratico Giuseppe Berretta indirizzata al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e sottoscritta dalla deputata Pd Maria Greco.

“In questi ultimi due mesi in vasti territori della Sicilia si sono verificati eventi atmosferici di inconsueta gravità con copiose piogge, gelate, grandinate, allagamenti, smottamenti e trombe d’aria – scrivono Berretta e Greco – Eventi che hanno procurato ingenti danni alla strada Statale 575 Troina-Paternò e alla Statale 120 Nicosia-Cesarò, interessate da numerosi smottamenti e crolli di ampi tratti della carreggiata”. 

Entrambe le strade “rivestono per la mobilità dell’intera zona un’importanza strategica”: “In particolare la SS 120 attraversa anche i quattro più importanti parchi naturalistici della Sicilia (Alcantara, Etna, Nebrodi e Madonie), che esercitano una forte attrazione turistica e costituisce un percorso storico-naturalistico e paesaggistico di grande interesse per l’intera area isolana – si legge nell’interpellanza – La SS 575 è un’arteria fondamentale che collega diversi comuni della zona dell’ex provincia di Enna e dell’entroterra messinese con l’area metropolitana di Catania”.

“Un intervento necessario – prosegue Berretta – per ripristinare le condizioni di sicurezza delle due arterie stradali, che vengono percorse quotidianamente da notevoli flussi di traffico e nei mesi invernali, per le cattive condizioni climatiche e per le frequenti precipitazioni nevose, sono percorribili con grosse difficoltà nei tratti di montagna”. “Le attuali condizioni delle statali 575 e 120 rappresentano un forte elemento di isolamento, di declino demografico e di sottosviluppo per un’intera area dell’entroterra siciliano che ha invece grandi potenzialità” conclude Berretta, che ha sollecitato il Ministero ad intervenire urgentemente, sfruttando anche le opportunità dei nuovi Fondi comunitari 2014-2020.

Visite: 758

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI