TOPI NELL’UFFICIO NOTIFICHE E PROTESTI DI TERMINI IMERESE, LA UIL PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI PALERMO CHIEDE LA CHIUSURA DELLA SEDE

TOPI NELL’UFFICIO NOTIFICHE E PROTESTI DI TERMINI IMERESE,
LA UIL PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DI PALERMO CHIEDE LA CHIUSURA DELLA SEDE

11 luglio 2018

Sanificazione immediata dei locali dell’Ufficio Notifiche Esecuzioni Protesti del Tribunale di Termini Imerese, interessati dalla presenza di topi.
La richiesta è della Uil Pubblica Amministrazione di Palermo che, in una lettera inviata dal segretario generale Alfonso Farruggia al presidente del Tribunale Raimondo Loforti , esprime forte preoccupazione per i lavoratori , la cui salute potrebbe correre dei rischi proprio a causa dei roditori: qualche giorno fa, è stata ritrovata anche una carcassa di ratto.
“Una situazione gravissima – spiega Farruggia – che non può rimanere irrisolta: abbiamo segnalato tutto all’ASP affinchè le condizioni degli uffici siano monitorate sotto il profilo igienico – sanitario”.
Il personale rischia infatti di contrarre malattie trasmesse dagli animali e dai loro parassiti: salmonella, peste, colera, tifo murino, leptospirosi.
“Non si tratta di certo del primo episodio – aggiunge il segretario – bensì di una situazione che il sindacato segnala ormai da qualche mese: il 25 giugno scorso avevamo chiesto un intervento urgente, al quale, tre giorni dopo, ha fatto seguito una risposta dell’amministrazione che, nell’aprile di quest’anno, aveva provveduto ad effettuare la derattizzazione in tutti i locali dell’UNEP”.
Un intervento affatto risolutivo, come ha ammesso la stessa amministrazione che, lo scorso 26 maggio, aveva richiesto pertanto alla ditta incaricata di svolgere il servizio nuovamente e di provvedere nel più breve tempo possibile.
Come precisa Farruggia, tuttavia, quella dei topi e dei ratti non è l’unica emergenza da affrontare: nelle stanze del piano terra, infatti, da anni ormai persiste uno sgradevole odore di muffa che rende particolarmente difficile la permanenza dei lavoratori, per i quali la UILPA di Palermo chiede – in attesa che siano messi in campo gli interventi necessari a risolvere il problema definitivamente – anche una collocazione dignitosa.
“Chiediamo la chiusura provvisoria degli uffici interessati – conclude l’esponente della Uil – poiché non è possibile assicurare un servizio regolare né tantomeno adeguate condizioni igienico – sanitarie sia per i dipendenti che per gli utenti”.
Una strada già percorsa nel caso di altre sedi, quali l’UNEP di Palermo: l’amministrazione fu costretta a chiudere i locali adibiti alla ricezione degli atti, trasferendo i dipendenti altrove in attesa di debellare la presenza dei topi.

Visite: 273

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI