Tiro sportivo Arco Tradizionale a Ravanusa la prova del Campionato regionale

Ravanusa: Successo del “satiro” sul Monte Saraceno per il Campionato Regionale
Si è svolta con successo sul Monte Saraceno la 2a tappa di campionato regionale di tiro sportivo con arco tradizionale US Acli Sicilia 2017 a cui hanno preso parte circa 70 arcieri provenienti da varie parti della Sicilia tra cui gli Arcieri San Marco di San Marco d’Alunzio (ME), gli Arcieri del Castillo De Terranovas di Gela (CL), gli Arcieri di Xibetdi Calascibetta (EN), gli Arcieri del Circolo Culturale Janus di Capizzi (ME), il Gruppo Arcieri di Raci di Santo Stefano di Camastra (ME), gli arcieri del Gruppo Storico Medievale di Enna (EN) e gli Arcieri della Fortezza del Monte Saraceno di Ravanusa (AG).

L’evento, autorizzato dal Comune di Ravanusa con il benestare della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Agrigento, è stato organizzato dall’Associazione Artisti ACAMS, di cui è Direttore il M° m. Andrea Tricoli, per la sezione Armi degli Sbandieratori e Musici Gruppo Folk del Monte Saraceno, di cui è Presidente C.d.C. Pietro Nigro, per la promozione del sito archeologico del Monte Saraceno e dei reperti ritrovati durante gli scavi (visionabili presso il Museo “Salvatore Lauricella”), in collaborazione con l’amministrazione comunale di Ravanusa, che, grazie al Sindaco Carmelo D’Angelo, ilVice Sindaco Gaetano Carmina e l’Assessore al ramo Marisabel Sciandrone, nei giorni precedenti all’evento hanno messo in piedi una task force (in collaborazione anche con i custodi Piero Sanfilippo e Rocco Brancato) per rendere fruibile il sito per la tappa e autorizzato quanto necessario per accogliere gli arcieri e le loro famiglie.

Gli arcieri appena giunti al sito (in presenza dei custodi Maria Grazia La Rocca, Maria Ausilia Ninotta e Salvatore Salerno) sono stati accolti dagli organizzatori e staff (Elodia Pitrola, Giuseppa Gambino, Stefania Sanfilippo, Chiara Gallo, Mariacristina Tornambè, Edy Tricoli, Antonino Sutera Sardo, Gaya Tricoli, Claudio Mario Tricoli,Riccardo Nigro e i fotografi Giuseppe Bracato e Antonio Bennici) con una abbondante colazione e, dopo le registrazioni, divisi in gruppi di 6 pattuglie, al suono della campana di rito, si sono cimentati, in sicurezza, a scoccare le loro frecce nei bersagli precedentemente posizionati, per un complessivo di 12 piazzole di tiro, tra cui 10 con sagome in 3d di animali (lince, cerbiatto, lepre, armadillo, fagiano, maialino, ecc.), una piazzola invece ritraeva la raffigurazione del famoso vaso plastico di produzione attica raffigurante un gruppo dionisiaco di satiro e asino (ritrovato durante gli scavi all’interno di una tomba di bambino) e un’altra piazzola invece raffigurante “l’albero del fico” a rievocare la famosa leggenda del miracolo della Vergine della Fonte e del Fico apparsa a Ruggero durante la battaglia di Remise avvenuta sul Monte Saraceno contro l’emiro Mel-Kelb-Mulè intorno all’anno 1000 su cui si ispira il gruppo folk e gli arcieri di Ravanusa.
Importante la presenza, per tutta la durata dell’evento, delle forze dell’ordine, carabinieri, polizia municipale oltre ai volontari addetti la primo soccorso e trasporto in ambulanza dell’Associazione ARSOSS tra cui il Presidente Giuseppe Mancusoe il soccorritore Angelo Iacona.

A fine torneo, dopo aver gustato una birra alla spina fresca (omaggiata dalla ditta di cui è co-titolare Michele Gangarossa), una parte degli arcieri con famiglie a seguito hanno raggiunto la trattoria Taxi Pizza convenzionata e una parte ha raggiunto le tribune del campo sportivo, messo a disposizione per l’occasione dall’amministrazione comunale, per quanti predisposti per il pranzo a sacco (dove ad attenderli e ad accoglierli si trovava l’attento e premuroso custode Antonio Cimino). Dopo la pausa pranzo, in presenza per l’amministrazione comunale dell’Assessore Marisabel Sciandrone, del Presidente US Acli di Enna e Consigliere Regionale Pippo Barbera, del Responsabile del CampionatoLudovico Vella e dei Giudici, si sono svolti sempre al Campo Sportivo gli spareggi e le premiazioni composte da attestato e una fornitura di prodotti biologici omaggiati dalla Bio Agricola Bosco di Favara (sponsor ufficiale della manifestazione e da poco intervistata dalla Rai proprio per le sue esportazioni di questi prodotti siciliani in tutto il mondo tra cui famoso è l’Origano di Sicilia). Mentre per la sezioni Lupetti, oltre ad attestato e prodotti, sono stati regalati inoltre giochi creativi omaggiati dall’associazione di volontariato San Giovanni Onlus.

Al podio sono andati per la sezione unica Lupetti
1° classificato Trcoli Claudio Mario,
2° classificato Federico Gaglio in ex equo con
2° classificato Riccardo Davide Karol Nigro;

per la sezione Scout maschile con arco tradizionale Longbow senza finestra
1° classificato Antonio Mastrandrea;

per la sezione Scout femminile con arco tradizionale Longbow senza finestra
1° classificato Gaya Tricoli;

per la sezione Scout maschile con arco tradizionale Longbow con finestra
1° classificato Manuel Barbera,
2° classificato Maicol Acciaio,
3° classificato Simone Barreca;

per la sezione Cacciatori maschile con arco tradizionale Longbow senza finestra
1° classificato Michele Calà,
2° classificato Antonino Pisa,
3° classificato Pietro Vella;

per la sezione Cacciatori maschile con arco tradizionale Longbow con finestra
1° classificato Roberto Patroniti,
2° classificato Giacomo Stanzù,
3° classificato Salvatore Tortorici;

per la sezione Cacciatori femminile con arco tradizionale Longbow senza finestra
1° classificato Valentina Libertino,
2° classificato Maria Mangione,
3° classificato Salvatrice Conoscenti;

per la sezione Cacciatori femminile con arco tradizionale Longbow con finestra
1° classificato Alice Vinci,
2° classificato Mariangela Bartuccio,
3° classificato Luana Russo;

per la sezione Cacciatori maschile con arco tradizionale Orientale
1° classificato Renato Rizza,
2° classificato Giuseppe Baleno,
3° classificato Gaetano Savoca;

per la sezione Cacciatori femminile con arco tradizionale Orientale
1° classificato Mariangela Acciaio,
2° classificato Marianna Mazza,
3° classificato Michela Sicurezza.

<>.

Una giornata sportiva fantastica e coinvolgente, apprezzata da tutti, giudici, arcieri e intervenuti, dove si è respirata un aria di serena tranquillità, all’insegna dell’unione e dell’amicizia che fa onore al Direttore M°m. Andrea Tricoli e al Presidente Pietro Nigro quali principali organizzatori dell’evento e ha tutti i presupposti che la tappa del “satiro” sul Monte Saraceno possa ripetersi il prossimo anno.

Visite: 172

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI