Tesori di Enna: alla scoperta della Chiesa di S. Leonardo

Chiesa San Leonardo E n n a La Chiesa San Leonardo di Enna, meglio conosciuta come “a chiisa da Passioni”, risale al ‘400 come si rileva dagli atti custoditi nella sacrestia datati 1571; fu elevata a parrocchia dal Vescovo di Catania Mons. Caracciolo dopo il Concilio di Trento. Gli storici locali riferiscono che “sin dall’epoca del Concilio di Trento, Castrogiovanni ebbe 12 parrocchie, circostanza molto rara per una città demaniale, sia pure della sua grandezza”. La Parrocchia di San Leonardo era già allora espressamente citata e segnalata per avere acquisito le anime soppresse delle parrocchie di S. Caterina e SS. Trinità. La Parrocchia si configura come Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto, appartenente alla Diocesi di Piazza Armerina, così come sanzionato dal decreto del Ministero degli Interni nr. 538 del 27/01/1987. La sua edificazione è iniziata probabilmente per contenere una piccola cappella dedicata all’Ecce Homo, ed al culto della Passione di Cristo viene attribuita grande solennità fin dai tempi remoti al punto da identificare la Chiesa stessa in quella della Passione. La Chiesa, sin dagli inizi del XVIII secolo è sede della Confraternita SS. Passione, una delle sedici Confraternite operanti ad Enna. L’origine delle Confraternite risale ad epoca assai remota, esse infatti si ricollegano alle antiche corporazioni di arti e mestieri nelle quali i cittadini, all’ombra del vessillo di un Santo protettore, si organizzavano per gruppi omogenei in difesa dei loro interessi e privilegi Nello specifico la Confraternita SS. Passione fu fondata nel 1660 con lo scopo di aiutare i poveri da vivi e seppellirli da morti. Oggi la Congrega si impegna con opere caritatevoli a favore dei bisognosi. La Chiesa San Leonardo è ubicata in una posizione strategica, si trova, infatti, in un declivio interno della Città tra i quartieri più caratteristici di Enna: Fundrisi e Pisciotto, a ridosso dell’antico quartiere dei Greci. La Chiesa, nella seconda metà del ‘700, venne quasi interamente ristrutturata a cura del parroco don Giuseppe Mangione. L’interno, vestito di decori a stucco sovrapposti per forme e colori nel tempo, è ad unica navata con abside semicircolare; è molto semplice ed è costituito da un altare maggiore e da quattro altari laterali che contengono statue e dipinti religiosi. L’altare principale è contenuto nell’abside ed è rialzato rispetto alla navata. Il primo altare, sulla destra di chi entra, accoglie una statua della Madonna con Bambino: è la Madonna del Giglio, ritrovata poco tempo fa in una nicchia murata; accanto ad essa i simulacri dei Santi Cosma e Damiano. A seguire sempre dal lato destro l’altare che custodisce la statua della Madonna di Fatima. La statua della Madonna fu acquistata dall’allora parroco di San Leonardo il compianto mons. Paolo Cammarata nel 1951, e fu portata con una solenne processione dal Duomo alla Chiesa San Leonardo dove venne collocata in un cappella appositamente dedicata all’interno della chiesa. Da allora fu istituito ad Enna il culto e la devozione alla Beata Vergine di Fatima. Grandi festeggiamenti sono stati organizzati in questa Chiesa lo scorso anno, nella ricorrenza del centenario della prima apparizione della Madonna a Fatima in Portogallo (13 maggio 1917 – 13 maggio 2017). A sinistra, nel primo altare, la statua di S. Leonardo patrono e titolare della Parrocchia che viene festeggiato il 6 novembre di ogni anno; nel secondo altare è ubicata la cappella dell’Ecce Homo che ospita una stupenda statua lignea policroma del Cristo Flagellato del 1653 opera dello scultore Giovanni Calcagno di Aidone con doratura del pittore Nicola Ferrara.
IL MUSEO “FEDE E TRADIZIONE” Ideato dalla Confraternita della Santissima Passione di Enna e realizzato con il patrocinio della Provincia Regionale di Enna, il museo “FEDE E TRADIZIONE”, inaugurato il 21 marzo 1999, si propone come guida alla conoscenza delle celebrazioni che precedono la Pasqua ennese che da secoli si ripetono nella loro immutata imponenza. Il museo presenta una ricca esposizione, unica nel suo genere, di miniature raffiguranti i riti della Pasqua. Le figurine in terracotta, opera di artigiani di Caltagirone, rappresentano gli “incappucciati”, gli appartenenti alle antiche Confraternite ancora operanti nella Città. Disposti in venti nicchie, i piccoli gruppi plastici riproducono fedelmente le processioni che sfilano per le vie di Enna durante la Settimana Santa. All’interno delle teche in legno sono inseriti realistici scenari realizzati in terracotta che ripropongono le antiche piazze e, sullo sfondo, le chiese di appartenenza di ogni singola Congrega. Sopra ogni nicchia è sovrapposto un cartiglio che riporta l’origine e l’evoluzione di ogni singola Congregazione. La Confraternita SS. Passione attraverso l’istituzione di questo museo ha dato un ulteriore contributo, unito ai testi, alle illustrazioni ed alle suggestive immagini già esistenti, alla scoperta e valorizzazione del patrimonio socio-culturale di Enna. ​ Il museo si trova nei locali adiacenti la Chiesa San Leonardo di Enna facente parte della Parrocchia San Leonardo in Montesalvo.
(documenti gentilmente concessi da Luca Ballarò)

Visite: 169

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI