Sviluppo del Territorio: il Prof. Vincenzo Fasone “Un patto tra il mondo dell’Impresa e quello Accademico”

Alcuni dati positivi sull’economia ennese e alcuni flebili segnali di una potenziale crescita economica che necessita d’essere governata. E’ questo il sintetico commento di Vincenzo Fasone presidente del Corso di Laurea in Economia Aziendale all’Università Kore di Enna sui dati incoraggianti che arrivano dall’economia locale e che dicono che la provincia di Enna è ai primi posti in Italia per numero di imprese under 35 e imprese al femminile rosa. “Sicuramente questi dati danno delle indicazioni interessanti” commenta “vi è però la necessità di seguire nel tempo la loro evoluzione con attenzione”. Fasone individua nel settore agroalimentare uno tra i principali settori che potrebbero fare da locomotiva per l’economia del territorio. “Indubbiamente è il settore che ha maggiore attinenza con il territorio – continua – e che ha un maggiore peso specifico all’interno del cluster di imprese giovanili questo dato per vari motivi. C’è un passaggio generazionale in atto tra padri e figli sostenuto anche da misure incentivanti che certamente ha fatto da traino. Tanti giovani e non solo in provincia di Enna stanno tentando la carta imprenditoriale nel settore agroalimentare che è quello che fa segnare in Sicilia in generale un aumento dell’occupazione. Tale processo però – precisa – va governato. Bisogna lavorare al fine di sviluppare forti relazioni intersettoriali ad esempio con il settore turistico e allo stesso tempo in altra direzione guardare alle potenzialità dell’export. È necessario inoltre che alla tradizione si riesca a coniugare l’innovazione”. Dalle parole di Fasone emerge che non è più possibile pensare di gestire i processi di produzione anche nel settore agricolo in modo tradizionale, occorre invece adeguarsi in modo innovativo ai nuovi mercati sempre più globalizzati e concorrenziali. Per fare questo salto di qualità non si può non utilizzare l’istituzione preposta per antonomasia all’innovazione e tra l’altro presente sul territorio come l’Università. “Ma la Kore si mette a disposizione del territorio? “La Kore ha dimostro sempre in questi anni di essere pronta a contribuire alla crescita socio-economica e culturale del territorio. È un dato assodato che nei luoghi dove ci sono le università che collaborano con il territorio questo ne trae vantaggi. Tanto per fare un semplice esempio sino a quando non c’era la Kore alla Camera di Commercio di Enna non erano mai stati registrati brevetti. Dopo la sua nascita è nato anche questo fenomeno che non può che crescere. Rafforzando tali processi si potrebbe puntare in modo deciso a far nascere sul territorio anche delle start up innovative, imprese dove al centro vi è la ricerca e l’innovazione grazie al coinvolgimento di capitale umano adeguato. Negli ultimi anni la Kore ha partecipato a concorsi nazionali per startup innovative ed alcune delle nostre idee progettuali di diversi settori, dall’edilizia all’agroalimentare hanno avuto menzioni particolari. Le condizioni per fare bene ci sono tutte, occorre però un vero e proprio patto, un’alleanza, una sinergia tra le varie componenti interessate presenti sul territorio sia dal mondo dell’impresa che da quello accademico”.

Visite: 1518

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI