Sustainable Bus Award 2018: la vetrina del Busworld per il binomio bus e sostenibilità

Sustainable Bus Award 2018:
la vetrina del Busworld
per il binomio bus e sostenibilità
•Il Sustainable Bus Award 2018 è stato consegnato al Busworld Europe di Courtrai, in occasione della Award Night
•Hanno ritirato le targhe Henk Coppens e Alex De Jong di Vdl Bus & Coach, Sylvain Blaise di Iveco e Martin Biewald di Setra.

Cala oggi il sipario sul Busworld di Courtrai, ultima edizione nella cittadina fiamminga del principale salone del settore Bus & Coach, che tra due anni darà appuntamento agli addetti ai lavori nella nuova sede di Bruxelles. Quest’anno la fiera è stata impreziosita da un esordio inedito: la Awards Night collocata alla vigilia del giorno d’apertura. La serata ha visto il Sustainable Bus Award 2018 tra i protagonisti.
Il riconoscimento promosso dal magazine Autobus insieme a un parterre di riviste specializzate che comprende i francesi di Mobilités Magazine, i tedeschi di Busfahrt e gli austriaci di 1BUS ha aperto l’appuntamento di gala. Sul palco hanno sfilato, uno dopo l’altro, i vertici di Vdl, Iveco e Setra. Henk Coppens e Alex De Jong, rispettivamente Ceo e Business manager in area Public transport di Vdl Bus & Coach hanno ritirato la targa destinata al Citea Slfa-181 Electric, vincitore nella categoria Urban. Sylvain Blaise, che assomma le cariche di Executive vice president Iveco, di Head of global bus division e Ceo di Iveco France, ha ricevuto dalle mani dei giurati il riconoscimento Intercity destinato al Crossway Le Natural Power, presentato proprio al Busworld. Infine, il Ceo di Evobus Netherlands and Belgium Martin Biewald ha ritirato il premio al Setra ComfortClass S 516 Hd/2, eletto re dei coach. La distribuzione dei premi è una riconferma della ‘segmentazione’ in corso delle forme di trazione a seconda degli impieghi: elettrico in città, gas nell’interurbano, gasolio sulle lunghe percorrenze. Un esito che rimarca un concetto centrale: l’obiettivo della sostenibilità non prevede un’unica soluzione, ma richiede scelte ad hoc che dipendono da diversi fattori. Significativo è il fatto che tutti i finalisti della categoria Urban fossero autobus elettrici, mentre le alimentazioni a gas fanno progressivamente il nido tra i Classe II.
Il premio si caratterizza per lo sguardo trasversale al tema della sostenibilità, intesa non solamente come limitazione delle emissioni ma come un concetto che racchiude anche altri aspetti che contribuiscono a offrire un’immagine positiva del veicolo: comfort, sicurezza, rumorosità, sostenibilità del brand.
A seguire, le motivazioni delle scelte della giuria.

Sustainable Bus Award Urban: Vdl Citea Slfa-181 Electric
La mobilità urbana sarà elettrica. Lo dice l’Europa e lo ha sottoscritto l’Uitp. Vdl si presenta al mercato con una driveline elettrica modulare per tutti i modelli. La gamma Citea Electric abbraccia modelli da 9 a 18,75 metri. In particolare le versioni da 18 metri sono mosse dal motore elettrico Siemens in grado di erogare 210 chilowatt per una coppia di picco di 3.800 Newtonmetro. Grazie alla struttura più leggera di tutto il mercato il Vdl Citea in versione elettrica può trasportare sino a 145 passeggeri cioè un numero molto simile a quello delle versioni diesel. Grazie a un’offerta che abbraccia sistemi di ricarica plug-in o a pantografo, il Citea elettrico si adatta a qualsiasi esigenza operativa e di infrastruttura urbana.

Sustainable Bus Award Intercity: Iveco Crossway Le Natural Power
Per la prima volta un costruttore propone un intercity in versione low entry con motorizzazione a gas. Iveco accetta così la sfida con una proposta del tutto originale. Le quattro bombole a gas da oltre 1.200 litri sono state collocate sull’anteriore e adagiate sul tetto così da non pregiudicare l’altezza massima, che è la stessa delle versioni diesel. Per rispondere a tutte esigenze di mercato Iveco ha optato per il nuovo Cursor 9 Cng da 360 cavalli per una coppia di 1.650 Newtonmetro mentre il trasferimento del moto alle ruote è delegato a una trasmissione automatica. Grazie alla rinnovata capacità delle bombole il Crossway promette un’autonomia di 600 chilometri, la stessa di un analogo autobus diesel, ma con emissioni di sostanze inquinanti e climalteranti nettamente inferiori.
Nel 2017 il gruppo Cnh Industrial, di cui fa parte Iveco Bus, è stato confermato per il settimo anno consecutivo Industry Leader negli indici Dow Jones Sustainability World e Europe con il punteggio di 89/100. Inoltre, per la seconda volta, è stata nominata Industry Group Leader tra le aziende dei Capital Goods.

Sustainable Bus Award Coach: Setra ComfortClass S516 Hd/2
Il 13 metri a due assi rappresenta il nuovo standard della linea a lunga percorrenza. Setra, con il ComfortClass S 516 Hd/2, si presenta al mercato con un coach dagli elevati contenuti tecnici. Il tandem tra il motore Om 470 in versione Euro VIc e il Powershift Mercedes da 6 o 8 marce, rappresenta un equilibrio tra il comfort e consumi ridotti. Quest’ultimo risultato è da addebitare anche ai sistemi Ppc (Predictive Powertrain Control) e all’EcoDriveFeedback (Edf). In tema di sicurezza il Setra dispone, tra gli altri, dei sistemi Front Collision Guard (FCG) e del sistema di assistenza nelle frenate d’emergenza (Active Brake Assist 3, ABA 3).

Sustainable Bus Award: il premio
Il premio “Sustainable Bus Award” è considerato la logica conseguenza del Mobility Revolution Bus, l’indice di sostenibilità che nel corso del 2016 ha accompagnato tutti i nuovi veicoli presentati al pubblico da Autobus. Il Mobility Revolution Bus esprime la sintesi tra l’esperienza tecnico-scientifica e comunicativa di LifeGate e il patrimonio informativo di Autobus nel campo del trasporto passeggeri. Il premio si avvale del contributo di Giulio Ceppi, professore di Design al Politecnico di Milano impegnato in progetti sostenibili di mobilità.

Visite: 118

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI