Sicilia, la Dea di Morgantina. Sgarbi replica a Jacopo Fo: «Ridicola ribellione di chi ama solo la retorica»

Sicilia, la Dea di Morgantina. Sgarbi replica a Jacopo Fo: «Ridicola ribellione di chi ama solo la retorica»

> E sul suo trasferimento: «Non ho alcun interesse. Ho formulato una idea per aumentare l’attenzione sopra quest’opera trafugata, esaltando valori di legalità e conoscenza»

>

> PALERMO – Vittorio Sgarbi, assessore regionale dei beni culturali, replica a Jacopo Fo che stamane, sul suo profilo facebook, con una foto in cui tiene in mano un cartello con sopra scritto «Sgarbi non ci provà”, contesta l’ipotesi di trasferimento a Palermo e Roma della Dea di Morgantina.

>

> «In tutto il mondo – osserva Sgarbi – si fanno mostre e si muovono le opere d’arte. E in tutto il mondo si mettono in buona evidenza sopratutto quando, trafugate, sono poi chiamate a rappresentare l’orgoglio di una nazione che ha ottenuto giustizia.

>

> Ma è anche vero – annota l’assessore – che non si prende un’opera dal Museo Getty, dove la vedevano un milione e mezzo di visitatori all’anno, e per ragioni demagogiche e ricatti di campanile la s’invia nel paese di Aidone dove la vedono solamente qualche migliaio di visitatori che, tra ottobre e febbraio, si riducono a poco meno di 20 al giorno! E’ una inutile mortificazione.

>

> Io ho semplicemente indicato – precisa Sgarbi – la necessità di riparare a un errore della precedente amministrazione regionale che ha evitato l’esposizione della Dea di Morgantina al Quirinale (dove andarono i bronzi di Riace, che diventarono tali) e al Museo Salinas, recentemente riaperto e che attende di aprire nuovi spazi in occasione di “Palermo Capitale italiana della cultura”

>

> Le opere – spiega Sgarbi – si posso temporaneamente muovere, senza ridicole ribellioni da parte di chi ama la retorica. Tre cose devono essere garantite: la conoscenza, la valorizzazione (per questo esistono le mostre) e la loro conservazione. E per questo, non sentendomi schiavo degli americani e delle loro imposizioni, ho subordinato il prestito nelle due sedi di Palermo e Roma, tra ottobre 2018 e febbraio 2019, a una verifica severa delle condizioni di trasportabilità della Dea a un esperto riconosciuto come Roberto Ciabattoni. Soltanto avute queste garanzie l’opera, con evidente ritorno anche per il museo di Aidone, potrà essere esposta.

>

> In ogni caso – aggiunge Sgarbi – si rassegni Jacopo Fo, perché il mio interesse per il trasferimento a Palermo e a Roma è nullo. Ho formulato una idea per aumentare l’attenzione sopra quest’opera trafugata, esaltando valori di legalità e conoscenza.

> Se lui e i cittadini di Aidone preferiscono tenerne nascosta la storia per compiacersi di averla vicina, li lascerò tranquilli nella loro solipsistica contemplazione, abbandonando la Dea ai loro desideri. E combatterò altre battaglie di legalità, come la difesa del Paesaggio siciliano dall’impresa mafiosa delle pale eoliche, che non hanno mai turbato i sogni tranquilli di Jacopo Fo, ma che sono uno sfregio vigliacco e umiliante per la Sicilia, ben più che l’esaltazione della Sicilia attraverso la Dea di Morgantina al Quirinale»

>

> Conclude Sgarbi: «Comunicherò pertanto al Presidente della Repubblica Mattarella di rassegnarsi»

Visite: 225

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI