Sicilia: alcune località davvero imperdibili

Sicilia: alcune località davvero imperdibili

Quando si parla di Sicilia risulta sempre difficile stilare una lista di luoghi da vedere, compresa la nostra ENNA ovviamente. Si corre il rischio, inevitabilmente, di lasciare fuori qualcosa che andrebbe assolutamente visitato. Il clima mite, i tanti siti archeologici presenti sul’lisola, l’ottimo cibo e i paesaggi maestosi: tutte componenti che incentivano milioni di tursiti a recarsi in Sicilia durante tutto l’anno. Ma  si sa, per visitare tutte le bellezze di questa regione servirebbe moltissimo tempo a disposizione. Allora limitiamoci a dare dei consigli utili su alcune mete che non dovrebbero mai mancare nell’itinerario di una vacanza siciliana.

Messina e Taormina

Partendo dalla punta più a Nord della Sicilia, la prima città che si incontra è Messina, che costituisce anche lo snodo portuale più importante della regione. Ricostruita interamente agli inizi del 900, a seguito del devastante terremoto che la rase al suolo, la città peloritana è nota per il suo splendido Duomo in stile gotico risalente all’epoce dei normanni. Sono la fontana di Orione e la fontana del Nettuno, due statue in marmo raffiguranti figure mitologiche, gli altri monumenti da non perdere assolutamente in questa città, che ha la particolarità di essere la terza città non capoluogo di regione più grande d’Italia.

In provincia di Messina troviamo poi uno dei veri gioielli della Sicilia: Taormina. Questa meravigliosa cittadina, una delle più visitate d’Italia, si trova arroccata su una collina a 250 metri sul mare. Questa posizione le consente di offrire dei panorami stupendi nei suoi continui saliscendi, ma c’è di più: Taormina è ricca di monumenti storici di epoca greco-romana, che ne fanno uno dei fiori all’occhiello dell’intero sud Italia. In particolar modo l’anfiteatro, situato in pieno centro storico e ancora oggi scenario di spettacoli di assoluto livello, costituisce un’attrattiva imperdibile assieme ai Giardini di Naxos.

Palermo e Cefalù

Palermo è il capoluogo di regione della Sicilia, noto per alcuni monumenti di grande livello come il Palazzo dei Normanni e la Cappella Palatina, oltre al Teatro Massimo.  Ma Palermo è nota anche per i suoi mercati (Ballarò, Vucciria e Borgo Vecchio) che permettono di far respirare la vera atmosfera siciliana grazie alle prelibatezze del cibo di strada e al folklore delle vie del centro storico.

In provincia di Palermo c’è la bellissima cittadina medievale di Cefalù, che consente di trascorrere giornate di mare grazie alla sua spiaggia dorata e romantiche passeggiate al tramonto per le vie del centro.

Catania e il Monte Etna

Un’altra città molto caratteristica è Catania, grazie anche alla sua fama di città universitaria siciliana. Qui brulicano i locali e il divertimento nottuno non manca, ma anche l’aspetto culturale non è certo da meno considerando luoghi storici come la Cattedrale di Sant’Agata, piazza del Duomo e la statua della fontana dell’Elefante (simbolo della città), tutti monumenti che risentano dell’influenza arabo-normanna.

Da queste parti è immancabile una sortita sul monte Etna, sito patrimonio dell’Unesco. Si tratta di uno dei vulcani più attivi del mondo, che offre escursioni e paesaggi davvero mozzafiato.

San Vito lo Capo, Riserva Naturale dello Zingaro e Agrigento

Sulla costa occidentale della Sicilia troviamo le province di Trapani e Agrigento. La prima regala due assolute perle che sono la spiaggia di San Vito lo Capo e la Riserva naturale dello zingaro. La prima è definita “Caraibi siciliani” e può vantare una sabbia bianchissimia e un’acqua incredibilmente cristallina. La Riserva dello zingaro invece è la prima aera protetta dela Sicilia, e con i suoi oltre 1600 ettari di terra ricchi di fauna costituisce uno spettacolo naturalistico unico.

Agrigento è famosa principalmente per il sito archeologico della Valle dei templi, una collezione di sette templi greci molto ben conservata e famosa in tutto il mondo. Ma anche la vecchia città storica di Akragas non è da snobbare, con le sue opere barocco disseminate per le vie del centro.

Siracusa, Ragusa e Val di Noto

A proposito di opere barocche, nella parte sud-orientale della Sicilia troviamo il vero e proprio trionfo di questa corrente artistica.  La Val di Noto è patrimonio dell’Unesco dal 2002 e, attorno alla splendida cittadina di Noto, convoglia la maggior parte dei turisti che visitano queste zone. Siracusa è invece la più importante città greca della regione, e si divide nell’isola di Ortigia (detta anche città vecchia) e nel centro di Siracusa.

Ragusa è un’altra località di origine greca e, con i suoi oltre 500 metri di altituidine, regala degli scorci davvero affascinanti. L’arte tardo barocca che permea queste zone ha permesso l’arrivo di un massiccio afflusso di turisti negli ultimi anni, anche grazie alle tante strutture ricettive che sono sorte.

Tra queste c’è da rimarcare il iGV Club Marispica, una struttura di altissimo livello che sorge sulla spiaggia e che offre una serie di servizi (ristorazione completa, strutture mediche fornite, svaghi di ogni tipo e animazione) per una vacanza all’insegna del comfort.

Visite: 318

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI