Si è chiuso a Enna il progetto “Uso e riuso: per un ambiente più pulito”

È iniziata con la rappresentazione scenica della fiaba di Rodari “Giovannino Perdigiorno nel paese degli uomini di carta”, da parte degli alunni di seconda della Scuola Primaria “F. P. Neglia”, la festa conclusiva del progetto annuale di Educazione Ambientale “Uso e riuso: Per un ambiente pulito”, che Enna Euno ha condotto nelle Scuole ennesi e fortemente voluto dal legale rappresentante Antonino Di Mauro. Alla Galleria Civica erano presenti cittadini, oltre a 150 alunni appartenenti agli Istituti Comprensivi “E. De Amicis”, “S. Chiara” e “F. P. Neglia” e relativi insegnanti che hanno guidato i loro bambini nella realizzazione di manufatti con materiale riciclato (plastica, metallo e cartone) per sensibilizzare i presenti a separare i rifiuti urbani ed attuarne il recupero.

Gli studenti, nel corso dell’anno scolastico, hanno svolto diverse attività sulla raccolta differenziata: dal laboratorio “Scarta la carta”, condotto da Isabelle Cannarozzo, dove i ragazzini hanno imparato a realizzare nuova carta dalla carta straccia e a utilizzarla per farne cartoline e marionette, al compostaggio domestico nel giardino della Scuola, alle visite guidate al Centro Comunale di Raccolta di c/da Venova. “Abbiamo lavorato intensamente sia con i bambini piccoli che con i ragazzi dell’Istituto Professionale Federico II, utilizzando varie metodologie per avvicinarli ai contenuti sui rifiuti e stimolarli ad una maggiore consapevolezza della necessità di praticare la raccolta differenziata, al fine di contribuire a dei cambiamenti comportamentali nel rapporto quotidiano con le risorse e farne un uso consapevole” dichiara la biologa Rosa Termine.
Alla manifestazione sulla Raccolta Differenziata, patrocinata dalla Prefettura, dal Comune, dal Libero Consorzio Comunale (ex Provincia), dall’università Kore, dall’ASP 4 e dall’ARPA, sono intervenuti anche l’assessore del Comune Paolo Di Venti e il comandante della Polizia Provinciale Lucio Ferrigno.

Oltre all’esposizione dei lavori realizzati dagli alunni, tra cui il gioco della dama realizzato dai ragazzi della Scuola Media “G. Garibaldi”, sono stati espressi pensieri e recitate poesie, per esortare a considerare i rifiuti una preziosa risorsa. Interessanti i testi scritti e recitati, sia in italiano che in dialetto, dagli studenti della Scuola Media “G. Pascoli” su Ilaria Alpi e Miran Hrovatin per ricordare il loro coraggio, pagato con la vita, per aver condotto indagini giornalistiche sul traffico illecito di rifiuti tossici. Tali studenti hanno anche esposto il sapone realizzato a Scuola.
Anche quest’anno, un gesto di solidarietà correlato alla manifestazione; infatti è stata attuata una raccolta di beni alimentari che, tramite le Associazioni “La Tenda” e “Centro di Ascolto S. Chiara” della Caritas, verranno distribuiti alle famiglie ennesi che vivono in particolare stato di disagio, segnalate dai Servizi Sociali del Comune di Enna.
Infine, i partecipanti al Progetto sono stati designati “Custodi della Natura”.

Visite: 133

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI