Settimana santa ennese, il presidente dei rettori Scillia: “Frutto di una grande collaborazione”

L’abbraccio tra la Madonna parata a lutto e il figlio risorto domenica di Pasqua nella processione della “Paci” ha concluso i riti della Settimana santa ennese. Numerosa, così come ogni anno, la presenza dei devoti confluiti sulle scale esterne della chiesa madre, in piazza Mazzini e in piazza Duomo per assistere all’incontro tra i due simulacri, quello della Vergine Maria e del Salvatore risorto, portati a spalla rispettivamente dalle confraternite di San Giuseppe e del Santissimo Salvatore. La corsa delle statue, l’una incontro all’altra, sottolineata dal suono festoso delle campane del duomo e dalle vivaci sonate della banda “Città di Enna”, è stata salutata dall’applauso della folla. Subito dopo, la Madonna e il Cristo sono stati condotti all’interno della chiesa madre dove rimarranno fino a domenica prossima.
Una Settimana santa, quella appena conclusa, che secondo quanto affermato dal presidente del Collegio dei rettori ennesi, Ferdinando Scillia, “ha visto una grande collaborazione tra amministrazione comunale, i rettori delle confraternite e la straordinaria presenza di turisti, in particolare nella giornata del Venerdì santo, arrivati da Cina, Giappone, Usa, Regno Unito, Francia, e persino Corea del Sud”.
E’ cambiato qualcosa rispetto agli scorsi anni? “Per la grande processione di venerdì abbiamo adottato una nuova regola – ha spiegato Scillia – il portabandiera di ogni confraternita ha come ordine tassativo quello di seguire il rettore che lo precede: un correttivo che ha consentito di evitare soste e distanze eccessive all’interno del corteo. Mai come quest’anno ho percepito ordine e silenzio in processione, frutto di un lungo lavoro svolto anche dai coordinatori Gaetano Pastro e Saverio Russo, importanti riferimenti per noi rettori”.
Commossi per la presenza del vescovo Rosario Gisana per l’intera processione, i rettori hanno ricevuto il plauso dell’assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo che li ha ringraziati per quello che rappresentano sia a livello devozionale che sociale nel tessuto cittadino”.
Ma. Va.

 

Visite: 635

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI