“Semaforo Verde”, stamattina si sono riaperti i cancelli dell’Autodromo di Pergusa

Il “Semaforo Verde” e non in senso metaforico ma montato appositamente per l’occasione intorno alle 11, di oggi 8 luglio ha dato il via per l’apertura dei cancelli dell’autodromo di Pergusa che di fatto ritorna ad essere fruibile sia per le competizioni ufficiali ma ancor più importante per tutti i cittadini che ormai da decenni lo hanno di fatto consacrato come il vero Parco Urbano della città di Enna. Un periodo di chiusura totale durato circa 45 giorni giusto il tempo per consentire all’impresa che ha eseguito i lavori per conto della Pirelli (che li ha pagati), di rifacimento dell’asfalto ed il miglioramento di altre infrastrutture annesse e da stamattina l’anello di poco meno di 5 chilometri ritornerà ad essere fruibile, insieme alle aree della riserva come lo è stato sin dal 2011 anno in cui è iniziato il rapporto di collaborazione con la Pirelli che continuerà a svolgere per un massimo di 150 giorni anziché 120 come lo era stato dal 2011 in poi, i test dei propri pneumatici da moto. E per questo importante evento oltre ai rappresentanti di numerose istituzioni politiche, civili e militari, presenti anche quelli di movimenti che nulla hanno a che fare con i motori ma che lo utilizzano quasi giornalmente come i ciclisti o i podisti a conferma che l’area Pergusina è una zona dove tutti si ci identificano. Ad attendere all’interno dell’area Paddock le persone arrivate numerose auto d’epoca, un trenino che ha fatto fare il giro turistico della pista ma soprattutto la banda cittadina a conferma che l’aria che si respirava oggi a Pergusa era proprio quella di una grande festa. Un circuito quello di Pergusa che a prescindere della sua principale vocazione per le competizioni motoristiche a quattro ruote, potrebbe anche aprirsi a quella delle due ma ancor di più a attività molto più interessanti come ha tatto intendere l’ingegnere Salvatore Pennisi Direttore Testing e Technical Relations di Pirelli Moto: “Per quanto ci riguarda Pergusa abbraccia le condizioni ideali per i test di pneumatici da moto su strada – spiega – in pratica è come se i test venissero fatti veramente su strada e non all’interno di un circuito. Per quanto ci riguarda per quello che serve alla Pirelli l’autodromo di Pergusa da un punto di vista delle due ruote è il massimo. Se poi queste caratteristiche potrebbero andare bene anche per eventuali competizioni motoristiche non sta a noi dirlo ma agli organismi di competenza”. “Vedremo cosa dirà la Federazione motociclistica Italiana – aggiunge il Presidente Mario Sgrò – ma per adesso possiamo dire di avere finalmente un circuito che è nelle condizioni di poter ospitare manifestazioni su 4 ruote di assoluto livello. Ma non solo diventa il centro per eccellenza, grazie agli accordi con le 4 università siciliane, l’Enea e l’Aci per studio e ricerca per nuove fonti di energia alternativa ed inoltre potrà essere utilizzata per anche manifestazioni non motoristiche. Ed in tutto ciò i cittadini e tutti gli amanti della natura potranno continuare ad utilizzarlo come hanno fatto sino ad oggi”. Il prossimo 11 e 12 luglio saranno a Pergusa i responsabili della Fia e Csai per le omologazioni. Ma l’aria che si respira è quella dell’ottimismo. “Oggi non è una festa solo per la città di Enna – ha commentato il deputato regionale Luisa Lantieri presente all’apertura dei cancelli – ma dell’intera Sicilia. La Regione punta molto sull’autodromo di Pergusa tanto che sono state aumentate per risorse per la sua gestione”. “L’università Kore sarà a fianco dell’autodromo – ha continuato il Presidente dell’Università Kore Cataldo Salerno – perché rappresenta una infrastruttura importante non solo da un punto di vista sportivo ma anche per quello che potrà dare nel campo della ricerca. Quindi plaudo a chi ha creduto con tenacia a questo progetto”. “Oggi per la comunità ennese è una grande giorno – ha rimarcato l’assessore allo Sport del Comune di Enna Dante Ferrari – questa amministrazione comunale è stata a fianco del Presidente Mario Sgrò in tutto il percorso che ha portato a questo importante intervento che ridà lustro e dignità al nostro autodromo. Ed a conferma di quanto l’amministrazione Dipietro crede nell’autodromo come volano di sviluppo economico di una intera area, comunico che sono stati già stanziati i fondi (120 mila euro ndr) per gli interventi migliorativi della tribuna”. “Non posso nascondere la mia emozione – ha concluso il Presidente dell’Ente Autodromo di Pergusa Mario Sgrò – un grazie a tutti coloro che si sono prodigati e mi hanno collaborato incessantemente per arrivare a questo importante traguardo. Adesso siamo nelle condizioni per poter competere a la pari con tutti. Sta adesso a noi tutti ed in particolare a questo gruppo dirigente dell’Ente Autodromo sapere guidare questa “Ferrari” che adesso abbiamo in mano. Se non ne saremo capaci ne ce assumeremo tutte le responsabilità”.

Visite: 1613

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI