Schooltoon ovvero l’insegnamento tramite cartoni

Schooltoon

Il maestro Eddie, Giovanna l’avvenente secchiona, lo svagato Moretti: ecco i protagonisti, con i loro compagni, di una classe speciale, personaggi di una nuova serie da sviluppare, se si vuole e come si vuole.

Schooltoon è il nome del progetto, già avviato ed apprezzato, promosso da quattro amici ingegneri elettronici che abitano a Roma e Milano: Antonio Brunacci, Vittorio Consolo, Mauro Ferri, Lucio Macchia, una proposta innovativa di apprendimento, basato sull’utilizzo di un linguaggio audiovisivo digitale. Uno dei quattro è siciliano, Vittorio Consolo, originario di Valguarnera, dove abitano i suoi familiari, nato e laureato a Catania.

Inizialmente l’obiettivo era di rendere piacevole l’apprendimento della matematica, senza rinunziare al rigore dell’informazione scientifica, si è così pensato di realizzare un insegnamento “a fumetti”, favorendo la partecipazione attiva degli studenti, sollecitati non solo a leggere ma anche a scrivere inventando nuove storie istruttive. Infatti il cartoon si può sviluppare ed evolvere a piacere scegliendo gli argomenti preferiti e non solo materie di studio.

Ai quattro ingegneri, appassionati di arti umanistiche, musica, multimedialità e animazione, si sono aggiunti due collaboratori: Gabriele Piersimoni, content development manager e animatore scientifico, per la realizzazione dei contenuti digitali ed elaborazione della didattica, e Laura Ingrassia, dottoressa in scienze umanistiche, a supporto delle attività di marketing e didattica digitale, delle pubbliche relazioni e del business development.

Il progetto vive prevalentemente sul web, dove tutti i video realizzati sono fruibili gratuitamente nel sito www.schooltoon.com, ma ha trovato spazio anche nel mondo scolastico reale: l’iniziativa infatti è piaciuta e il progetto, presentato in alcune scuole e istituti educativi, ha ottenuto i primi successi suscitando l’attenzione degl’insegnanti e l’interesse degli alunni. Di recente è stato accolto al liceo linguistico Ninni Cassarà di Palermo. Giorni fa se ne è parlato nel corso della trasmissione Fahrenheit – Libri e idee di Rai Radio3 e durante l’intervista se ne è evidenziato l’intento, che è essenzialmente offerta gratuita e diffusione di cultura. Prossimamente sarà portato nel carcere di Milano Bollate per la realizzazione coi detenuti di testi e storie animate.

Le storie infatti possono aprirsi a vari contenuti umani oltre che didattici, in un progressivo arricchimento di conoscenze e di esperienze. Si prevede il doppiaggio in lingua inglese di alcuni video già disponibili sul canale You Tube di Schooltoon. Si pensa di estendere sempre più la possibilità di fruizione ad alunni, come i non udenti, mirando ad abbattere le barriere.

Tra i principali riconoscimenti sinora ricevuti, questo progetto è risultato finalista di Hack the Expo classificandosi tra i primi 20 sui 350 proposti a wireditalia; è stato incluso in Rai Scuola adotta schooltoon; su Eppela ha centrato l’obiettivo di una campagna di crowdfunding ottenendo il finanziamento di 10000 euro, grazie a decine di donazioni e a un cofinanziamento di UnipolSai, che ha creduto in esso attraverso il proprio Future Lab approvando e sostenendo un’idea capace di coniugare tecnica e fantasia, studio e divertimento, leggerezza e pregnanza di contenuti.

Anna Maria De Francisco

Visite: 625

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI