SBALLO: DA MEDICINE A LASAGNE

SBALLO: DA MEDICINE A LASAGNE
Di Alice Garofalo

Arrivano i primi giorni di caldo e con essi, incombente e puntuale, l’allergia! E mentre esco comodamente dalla farmacia con l’antistaminico qualcun altro sta usando il medesimo, non per combattere l’allergia ma per… sballarsi! Infatti alcuni antistaminici hanno lo stesso principio attivo delle anfetamine e pare provochino gli stessi effetti ma con intensità ridotta.
Lo stesso vale per alcuni antidolorifici che da qualche anno vengono ormai sniffati per i loro effetti tossici. 
Per non parlare degli psicofarmaci, i quali sono però un po’ più difficili, ma non impossibili, da procurare perché necessitano di prescrizione medica. 
Anche la ketamina, anestetico impiegato sia in sala operatoria che per gli animali, è utilizzata come sostanza stupefacente grazie ai suoi principi psicoattivi.
Insomma, farmaci per “divertirsi” ne esistono davvero tanti in commercio, soprattutto in Italia, che permette la vendita di alcuni farmaci vietati all’estero. 
Questo aspetto tossico dei farmaci sembra però essere soltanto l’anticamera dell’uso di droghe. Infatti le statistiche mostrano un uso dilagante di acidi e cocaina tra gli adolescenti dovuto alla facile reperibilità e ai costi sempre più bassi.
Se lo sballo lo troviamo anche nei farmaci, nei papaveri e negli ultrasuoni è proprio perché lo cerchiamo! 
In una generazione sempre più annoiata e affetta quasi patologicamente da sensation seeking, consiglio vivamente di lasciare stare le piste di farmaci e dedicarsi alle avventure on the road o a qualsiasi sport che provocano il rilascio corposo di adrenalina, mentre per le esperienze depersonalizzazione o allucinazioni va bene anche una buona lettura e la giusta musica, e anche, a mia personalissima esperienza, le lasagne della nonna.

Visite: 310

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI