Salute; la Dieta Mediterranea conquista gli italiani

di Elena Mancuso

Fonte; Cronache di Gusto

Dal 2010 fa parte della lista dell’Unesco dei patrimoni culturali immateriali dell’umanità di Italia, Marocco, Spagna e Grecia; dal 2013 tale riconoscimento è stato esteso anche a Cipro, Croazia e Portogallo.

La dieta Mediterranea è un moderno modello nutrizionale ispirato agli schemi alimentari diffusi in alcuni paesi del bacino Mediterraneo (come l’Italia e la Grecia) negli anni ‘50 del XX secolo. Si basa su alimenti tradizionalmente consumati in questi paesi, di origine autoctona o importati sia dall’Oriente dagli arabi sia da Occidente dopo la scoperta dell’America. E adesso torna alla riscossa sulle tavole degli italiani. Sono infatti in aumento gli acquisti di frutta (+4%) e olio d’oliva (+17%), così come quelli di pesce (+5%), ortaggi freschi e pasta secca (+1%). È quanto emerge dal primo bilancio della Coldiretti sui consumi alimentari degli italiani nel 2015, “in netta controtendenza rispetto agli anni della crisi, dove si era registrato un drastico crollo”. Elaborazioni sulla base dei dati Ismea relativi ai primi nove mesi del 2015, indicano che “dopo sette anni di calo” i consumi alimentari in Italia “tornano a salire debolmente dello 0,3%, ma con un deciso orientamento a privilegiare cibi salutari”. Per la Confederazione nazionale dei coltivatori diretti si tratta di una “storica inversione di tendenza dopo anni di tagli progressivi che avevano portato il consumi dei prodotti base della dieta mediterranea su valori da minimo storico”.

I consumi pro capite della frutta, ad esempio, erano scesi a circa 130 chili l’anno; nel 2015 si è attestata al primo posto nella spesa alimentare degli italiani con il 23%, pari a 99,5 euro per famiglia al mese. “In Italia – prosegue la Coldiretti – il ritorno della dieta mediterranea è accompagnato da una vera svolta green nel carrello, dal biologico al chilometro zero fino alle denominazioni di origine”. Se gli acquisti di prodotti biologici confezionati sono pari al 20% della spesa alimentare, circa 15 milioni di persone hanno scelto prodotti locali a chilometri zero; secondo l’indagine Doxa per Coop, inoltre, 2 italiani su 3 acquistano regolarmente prodotti tipici. La dieta mediterranea si è affermata anche all’estero, con l’aumento dei consumi di ortaggi e frutta (11%), olio d’oliva (10%), pasta (9%) e vino (6%) e nel corso del 2015, conclude la Coldiretti, i prodotti alimentare made in Italy hanno raggiunto il record storico delle esportazioni, pari a circa 36 miliardi di euro (+7%). Questa dieta ha un contenuto basso in grassi saturi (inferiore al 7-8%), ed un contenuto totale di grassi da meno del 25 a meno del 35% a seconda delle zone. Inoltre originariamente era associata a regolare attività fisica lavorativa, ad esempio nei campi o in casa. La piramide della dieta mediterranea comprende il consumo di circa 22-23 porzioni di alimenti al giorno, divise in 3 o 4 pasti.

Visite: 348

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI