Rugby, bilancio positivo l’Enna Rugby Festival

Un evento da far diventare fisso nel panorama rugbystico siciliano. E’ l’auspicio degli organizzatori dell’Enna Rugby Festival, il contenitore di sport, musica, intrattenimento ma anche solidarietà che da venerdì a domenica scorsa ha fatto arrivare allo stadio Gaeta di Enna centinaia di persone amanti di questa nobile disciplina ma anche tanti semplici simpatizzanti e curiosi. Per gli organizzatori è stata una scommessa ma vinta. Infatti sono arrivati amanti del rugby da Ragusa, Siracusa, Modica, Catania, Palermo e da tanti altri centri siciliani e persino dalla base americana di Sigonella. Ma l’Enna Rugby festival è stato anche un esempio di come oggi dovrebbe essere interpretato lo sport anche a livello gestionale. Tanto per fare un esempio per tutta la giornata di lunedì scorso tutto lo staff organizzativo è stato impegnato allo stadio Gaeta per ripulirl e ridarlo pulito nuovamente alla collettività. Ma gli organizzatori erano già intervenuti a proprie spese prima dell’inizio della manifestazione per renderlo decente. Ed inoltre per tutti i tre giorni all’interno del “Villaggio del Rugby” presenti stand di associazioni di volontariato come l’Avis, Emergency e l’Ecopunto. “Siamo molto soddisfatti perchè siamo andati al di la di ogni più rosea previsione – hanno commentato dall’organizzazione – abbiamo ricevuto complimenti da tutta Italia anche perchè abbiamo avuto attraverso i Social Network il sostegno di uno dei giocatori più rappresentativi del Rugby nazionale come Martin Castrogiovanni ( di origini lenofortesi ndr). La nostra volontà è di fare Enna Rugby Festival la festa regionale della nostra disciplina”.

Visite: 508

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI