Riforma 118, Fsi-Usae: Seus nuovo soggetto giuridico AREU

Riforma 118, Fsi-Usae: Seus nuovo soggetto giuridico AREU

Due giorni di no stop alla Regione Siciliana per la FSI-USAE. Ieri la nostra organizzazione sindacale si è insediata nella commissione regionale permanente all’assessorato Regionale della Salute convocata dall’Assessore regionale Ruggero Razza per trattare e decidere temi fulcro e con molte criticità, quali i fondi economici regionali e delle 18 aziende sanitarie, di assunzioni e 118, oggi invece convocata per un importante tema per la sanità siciliana e cioè la riforma della Seus che è stata illustrata stamattina da Razza e il suo staff.

La FSI-USAE è sindacato firmatario del CCNL comparto sanità e presente in tutti e 4 comparti del pubblico impiego, Funzioni centrali (nel quale confluiscono ministeri, agenzie fiscali, enti pubblici non economici), Funzioni locali (Regioni e autonomie locali), Scuola (Istruzione e ricerca) e Sanità, nel privato e nel terziario.

L’assessore Razza ha dichiarato che ci sarà una modifica statutaria della Seus e nascerà un nuovo soggetto giuridico l’AREU, una vera e propria struttura sanitaria come un’azienda sanitaria avrà un direttore generale, un direttore sanitario e un direttore amministrativo non ci sarà più un amministratore unico. Le quote saranno 51% della regione e 49% Areu. Saranno costituiti dei tavoli tecnici per discutere con i sindacati per condividerne il testo di riforma, l’assessore ha prospettato di portare il disegno di legge del 118 in giunta regionale per febbraio 2019. Molte le incrostazioni da rimuovere nella Seus, intanto le riunioni si faranno in assessorato e non più a Villagrazia.

Calogero Coniglio, segretario FSI-USAE: ha dichiarato: “Abbiamo fatto verbalizzare la posizione presa con i precedenti governi regionali, siamo contrari e non permetteremo che nel nuovo ente sanitario previsto nella riforma del 118, possano essere assunti Infermieri e altro personale con contratti libero professionali con partita IVA che non garantiscono personale addestrato e formato nell’urgenza ed emergenza da far salire sulle ambulanze e creando ulteriore precariato”.

“Abbiamo denunciato all’assessore la gestione terroristica attuale della Seus che ha vessato il personale con procedimenti disciplinari insensati che impugnati dal giudice poi vincono i lavoratori. In alcune postazioni i turni sono redatti a seconda delle appartenze politiche. Attualmente le centrali operative sono autogestite e non coordinate tra loro”, ha dichiarato Renzo Spada Coordinatore Regionale FSI-USAE SEUS 118.

L’assessore Razza ha dichiarato che l’attività della Seus costa 11 milioni di euro. Dei 3200 dipendenti non sarà licenziato nessuno, anzi sarà riqualificato e formato al Cefpas e quelli con limitazioni fisiche o con attestato Oss potranno essere ricollocati. L’8 novembre si riunirà il consiglio di amministrazione della Seus e subito saranno convocati i sindacati.

L’assessore ha dichiarato che dopo l’approvazione della rete ospedaliera, la riforma dell’emergenza partirà anche la riforma della rete dei servizi-territoriali, abbiamo chiesto di includere in questa riforma l’infermiere di famiglia, figura di cui la Fsi-Usae ha promosso e depositato alla Camera dei Deputati un disegno legge.

Visite: 174

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI