Restituito alla città di Enna il dipinto di don Varisano, restaurato dagli studenti del liceo artistico

Giaceva da oltre vent’anni in una cripta nei locali della chiesa di San Cataldo, a Enna, aggredito da umidità e muffe. Giorno 18 dicembre è stato restituito alla città dopo un anno di accurati lavori di restauro. È il ritratto del “Reverendo don Gioacchino Varisano” (148 per 110 centimetri), parroco di San Cataldo dal 1804 al 1840, benedettino filoborbonico, cultore delle belle arti, presidente dell’Accademia pergusea e aspirante vescovo di Catania.

A lanciare l’Sos per quest’opera, che racconta tanto del protagonista e della società del tempo, così come è emerso dalle ricerche dello storico Rocco Lombardo, sono stati due membri del Comitato promotore dei diritti del cittadini, Giuseppe Marzilla e Marco Mancari Pasi: assieme al parroco don Vincenzo Di Simone hanno deciso di affidare il recupero del dipinto a mani esperte, con il contributo dell’Accademia pergusea che ha coperto tutte le spese vive del restauro. Gli artigiani dell’impresa sono stati gli studenti di terza, quarta e quinta B del liceo artistico Cascio di Enna, diretto da Cettina Grosso, con l’attenta direzione del docente Raimondo Ferlito e sotto l’egida della Soprintendenza ai Beni culturali.

Da giorno 18 finalmente il quadro risplende nella sua chiesa d’origine, dopo essere stato svelato e presentato alle autorità e agli studenti del liceo artistico in mattinata ed essere stato riconsegnato al parroco Di Simone in serata.

Sono stati Paolo Russo, storico dell’arte della Soprintendenza ai beni culturali e artistici di Enna, il docente di restauro Ferlito del liceo artistico di Enna e lo storico dell’arte Rocco Lombardo a presentare in mattinata le diverse sfaccettature del dipinto ai ragazzi dell’istituto. Davanti a loro, è avvenuta la cerimonia di svelamento alla quale hanno preso parte anche il sindaco di Enna Maurizio Dipietro, il soprintendente ai Beni culturali di Enna Salvatore Gueli, la moglie del prefetto di Enna Cecilia Neri (architetto e amante dell’arte), il presidente dell’Accademia pergusea Nino Gagliano e i membri del Comitato dei cittadini con a capo Gaetano Vicari.

A eseguire il lavoro di restauro, nel dettaglio, sono stati gli studenti Igor Catalano, Nicolas Cozzo, Asia Dimaria, Mario Gagliano, Giuseppe Gloria, Stefania Lupo, Claudio Taranto, Giuseppe Maddalena, Valeria Maddalena, Gabriel Adrian  Tronci, Michele Amico, Liborio Andrea Gioveni, Paola Saija, Matteo Salvaggio, Stefano Savoca e Marco Tripiano: a tutti loto l’Accademia pergusea ha conferito dei diplomi di benemerenza per il servizio reso.

Mariangela Vacanti

Visite: 1577

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI