Rally WEEKEND SUGLI SCUDI PER LA PROJECT TEAM

WEEKEND SUGLI SCUDI PER LA PROJECT TEAM

AL RALLY APPENNINO REGGIANO, BELLI-ALBERTINI (MITSUBISHI LANCER EVO X R4) CHIUDONO DECIMI ASSOLUTI DOPO UNA GRAN RIMONTA

I GIOVANI TAGLIENTI-FALASCA (RENAULT TWINGO R2) SI PIAZZANO A RIDOSSO DEL PODIO AL RALLY TERRA DI ARGIL

San Polo d’Enza (Re), 6 maggio 2018 – Una gara tutta volta all’attacco per l’esperto pilota reggiano Marco Belli che, alla luce di una prestazione sontuosa, ha concluso decimo assoluto al casalingo 39° Rally Appennino Reggiano, valido per la Coppa Italia 2^ zona (Emilia Romagna, Lombardia e Triveneto). L’alfiere della scuderia Project Team, che per l’occasione ha condiviso con il fido conterraneo Andrea Albertini l’abitacolo della performante Mitsubishi Lancer Evo X R4 della LB Tecnorally, si è dovuto prodigare, giocoforza, in una furiosa rimonta dopo un problema accusato nel corso della seconda prova speciale delle nove disputate.

«Si è rotto il tubo dello spurgo dei freni. Un imprevisto che, tra un primo e provvisorio intervento col nastro adesivo necessario per poter proseguire e i conseguenti 40 secondi di ritardo pagati al controllo orario, ci è costato ben due minuti, ma tant’è – ha raccontato Belli alla bandiera a scacchi – Una volta risolto l’inconveniente al parco assistenza, negli ultimi due giri abbiamo recuperato molto del terreno perduto riuscendo ad inserirci nella top ten. Siamo molto contenti».

Un epilogo che, per Belli, farà da ottimo viatico anche in vista del 25° Rally Internazionale del Taro, secondo appuntamento stagionale dell’International Rally Cup, in programma dal 9 al 10 giugno nel Parmense.

Ulteriori soddisfazioni per i colori della scuderia presieduta da Luigi Bruccoleri anche in quel di Pofi, nel Frusinate, teatro del 6° Rally Terra di Argil, archiviato dai giovani ciociari Simone Taglienti e Alessandro Falasca, su Renault Twingo R2 gestita dalla D’Avelli Racing, con la quarta piazza assoluta e il duplice successo conseguito in classe R2B e tra le “due ruote motrici”, in virtù di una performance pulita e regolare.

«Un avvio cauto nelle prime due frazioni del sabato, per via della pioggia – ha sottolineato un appagato Taglienti all’arrivo – Oggi (domenica ndr), invece, siamo riusciti a esprimerci al meglio sull’asfalto asciutto, gestendo il vantaggio accumulato nelle battute finali anche grazie a una vettura rivelatasi, pressoché, perfetta».

Alla 44ª Alpe del Nevegal, atto inaugurale del Campionato Italiano Velocità Montagna (CIVM), andata in scena nel Bellunese, infine, da registrare la sesta posizione in una combattuta “E2SC/1000” per il siciliano Andrea Pace (Radical Prosport).

Visite: 202

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI