Rally di Roma, buona la prima per la Island Motorsport

RALLY ROMA, BUONA LA PRIMA PER LA ISLAND MOTORSPORT

PRIME E POSITIVE INDICAZIONI DAL DEBUTTO ASSOLUTO DELLA SUZUKI BALENO SR PER TRAVAGLIA-NALLI, AL COMANDO DELLA CLASSE R1B

MOLTO BENE ANCHE LE GIOVANI FEDERIGHI-MANFREDI (RENAULT CLIO R3), BRILLANTI LEADER PROVVISORIE DEL TRICOLORE FEMMINILE RALLY

DOMANIAggiungi un nuovo appuntamento per domani IL VIA ALLA SECONDA E ULTIMA TAPPA

 

Roma, 24 settembre 2016 – Un primo bilancio, seppur parziale, ma decisamente positivo per gli equipaggi “targati” Island Motorsport, una volta archiviata la prima di due tappe del 4° Rally Roma Capitale, penultimo appuntamento stagionale del Campionato italiano Rally, in corso di svolgimento nei comprensori romano e frusinate.

 

Un unico impegno ma con obiettivi ben differenti per gli alfieri della scuderia siciliana. Da un lato, infatti, il plurititolato Renato Travaglia che, al rientro dopo due anni di “pausa”, in coppia con Massimo Nalli, direttore generale di Suzuki Italia, ha ben condotto all’esordio assoluto in una competizione la nuova Suzuki Baleno SR, chiudendo al comando della classe R1B.

 

«È andata abbastanza bene – ha sottolineato Travaglia – Siam partiti in progressione, all’inizio abbiam dovuto apportare alcune regolazioni di assetto come è normale che sia durante un test, forzando un po’ il ritmo già a metà gara. Peccato per una penalità di 10 secondi, comminataci per un ritardo al controllo orario. Il tutto per una banalità: ci è caduta la tabella di marcia nell’abitacolo e ci abbiam messo un po’ per trovarla. In merito alla vettura, si è dimostrata potente, molto reattiva, piacevole da guidare. Mi sono divertito molto, è stato stimolante tornare a gareggiare su fondo asfaltato».

 

Alle parole del pluricampione trentino hanno fatto eco quelle pronunciate da Nalli: «L’affiatamento tra pilota e navigatore è importantissimo, è chiaro che non s’improvvisa. Con Renato ci conosciamo da parecchio tempo, tant’è che abbiamo instaurato subito il giusto feeling. Andando alle nostre performance, si è rivelato molto avvincente il duello con i giovani del Suzuki Rally Trophy, giustamente motivati anche dal confronto con un driver del calibro di Travaglia che, al contempo, ci ha già fornito le prime preziose indicazioni per ben proseguire nello sviluppo della ‘Baleno SR’, anche se siamo solo alle prime fasi».

 

Dall’altro lato, invece, un’altrettanto brillante Corinne Federighi in piena lotta per il tricolore femminile di specialità, già conquistato peraltro nel 2015. La ventiduenne conduttrice massese, al volante della Renault Clio R3 curata dalla SMD Racing e coadiuvata alle note dall’altra toscana Jasmine Manfredi, ha fatto il suo concludendo sedicesima in classifica generale e precedendo la sua diretta avversaria di categoria.

 

«Qualche problema sui primi tratti cronometrati odierni, probabilmente al collettore. Ho, infatti, sofferto più volte cali di potenza al motore, – ha commentato Federighi – il tutto risolto, comunque, al parco assistenza. Tant’è che abbiamo proseguito in crescendo, cumulando un buon margine di vantaggio nei confronti degli inseguitori e concludendo la giornata in maniera più prudente, onde evitare inutili rischi, vista la posta in palio. Tutto sommato, è andata bene, dai… ».

 

Domenica, il via alle rimanenti cinque prove speciali. Collegandosi al portale www.acisportitalia.it, infine, sarà possibile seguire la corsa in live streaming.

Visite: 267

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI