Raccolta differenziata; a dicembre a Enna differenziate 248 tonnellate di rifiuti

Sono state 248 le tonnellate di rifiuti differenziati nello scorso mese di dicembre a Enna da parte della società Ennaeuno e 25 mila euro risparmiati sul costo complessivo del servizio. Il dato è stato fornito dallo stesso direttore tecnico provinciale della società ingegnere Roberto Palumbo. In valore assoluto la quantità di rifiuti conferita in discarica è stata di 785 tonnellate a fronte della media dello stesso mese, per gli anni dal 2012 al 2014 e che è di 1033 tonnellate. Quindi facendo la differenza viene fuori che nel mese di dicembre 2015 ogni giorno sono state differenziate 8 tonnellate che in percentuale significa il 24 per cento. Ma mentre il dato di rifiuti differenziati riguarda la sola parte alta della città, quello dei rifiuti solidi urbani complessivi invece interessa tutto il tessuto cittadino e quindi sia Enna alta, Enna bassa che Pergusa, Tutto ciò significa che se il dato della raccolta differenziata venisse calcolato solo alla parte di città di riferimento la percentuale andrebbe di sicuro ampiamente al di sopra del 35 per cento. Certo non si parla ancora di cifre che possano far fare salti di gioia visto che una città per definirsi “normale” nel campo della raccolta differenziata dovrebbe viaggiare ormai a non meno del 50 per cento. Ma considerando che sino allo scorso mese di ottobre la cifra di percentuale non superava le dita delle due mani, l’incremento in un solo mese è notevole. E di quanto possa essere importante la raccolta differenziata lo su può capire anche in soldoni. Considerando che al netto del trasporto il conferimento di rifiuti in discarica costa all’incirca 100 euro tonnellata, significa che nel solo mese di dicembre il risparmio è stato di circa 25 mila euro cui si devono aggiungere le economie venute fuori dal mancato trasporto di questa quantità di rifiuti alla discarica di Motta S.Anastasia. Se la percentuale dovesse rimanere tale significa che in un anno il risparmio sarebbe di circa 300 mila euro. Ma è fuor di dubbio che il casa Ennaeuno ma anche a Palazzo di Città l’auspicio è di incrementare la raccolta e superare la fatidica soglia “50”. il che significherebbe un risparmio di media di non meno di 1500 euro al giorno che moltiplicato 365 giorni significa non meno di 550 mila euro cui si deve aggiungere anche il risparmio delle spese per il mancato trasporto in discarica. In pratica un risparmio di non meno del 15 per cento sul costo complessivo del servizio di raccolta di Enna che di circa 4 milioni e 100 mila euro, annuo. Ed infine ma non meno importante non si deve dimenticare che diverse frazioni di rifiuti come carta, cartone, plastica, alluminio (ma non vetro) sono “vendibili” e quindi possono creare anche entrate economiche. Come lo potrebbe anche diventare il compost trasformato dalla frazione organica prodotto nell’impianto di compostaggio di Dittaino

Visite: 432

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI