Proposta vendita case a un euro a Enna; l’assessore Contino “Una proposta che l’amministrazione valuterà attentamente”

“Questa amministrazione ha nei suoi programmi quello di riqualificare e rivitalizzare il centro storico anche da un punto di vista abitativo. E quindi anche l’iniziativa dell’acquisto delle case vetuste ad un euro va in questa direzione e sarà attenzionata”. E’ la risposta che arriva dall’assessore all’Urbanistica Giovanni Contino alla proposta lanciata nei giorni scorsi dal segretario provinciale degli edili Cgil Alfredo Schillirò e ripresa dal Movimento 5 Stelle che esorta i sindaci dei comuni dell’ex provincia ad utilizzare questa opportunità che darebbe sfogo ad una emergenza abitativa, farebbe ripartire la piccola edilizia e tutto quello che gira nel suo indotto, darebbe un impulso importante allo sviluppo turistico. Ad onor del vero già nei mesi passati l’Uppi, l’unione piccoli proprietari immobiliari il cui presidente provinciale è Luigi Scavuzzo insieme alla Confartigianato aveva proposto l’attivazione del cosiddetto “Albergo diffuso” che ha anche in un certo senso in questa direzione, ovvero incentivi per chi ristruttura abitazioni in degrado nei centri storici per poi destinarli per la maggior parte a fini turistici. Ma lo stesso Scavuzzo conferma che anche quella delle “case a un euro” è una interessante opportunità. Ma se a Enna si pensa solo a discutere in provincia c’è chi è andato già avanti. Come il sindaco di Troina Fabio Venezia e di Regalbuto Francesco Bivona che nei mesi scorsi hanno ufficialmente comunicato di voler intraprendere questa strada che tra l’altro ha dato ottimi riscontri a Gangi contribuendo alla crescita dei flussi turistici. Ed alla Cgil nei giorni scorsi si è anche accodato il gruppo consiliare di Enna del Movimento 5 Stelle che ha preannunciato di voler presentare in consiglio comunale un regolamento per l’assegnazione agevolata di immobili vetusti per finalità turistico-ricettivi

Visite: 465

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI