Porto di Catania, visita Miccichè nave Diciotti, Mancuso (FI): “Dal Presidente esempio di sensibilità e difesa dei più deboli.

Porto di Catania, visita Miccichè nave Diciotti, Mancuso (FI): “Dal Presidente esempio di sensibilità e difesa dei più deboli. Al collega alla Camera Pagano suggerisco di smetterla di fare il ‘verginello’ e di assumersi le sue responsabilità”.

Palermo, 25/08/2018: “Finalmente qualcuno che ha il coraggio di dire come stanno le cose. Fa bene il presidente Miccichè a rimarcare l’aspetto umanitario del problema. Il Governo nazionale deve difendereci dagli usurpatori di benessere, che infettano i nostri mercati con prodotti agricoli importati fuori dalle regole di controllo europeo. Vedi grano ortaggi e quant’altro. La finiscano con questa ridicola campagna elettorale e vadano a sedersi negli uffici preposti ai loro ruoli”. Così l’on. Michele Mancuso, coordinatore di Forza Italia per la provincia di Caltanissetta in merito alla visita del Presidente dell’ARS, Gianfranco Miccichè, al porto di Catania, insieme a una delegazione della commissione Sanità regionale, per esprimere la vicinanza del Parlamento siciliano, alle persone bloccate a bordo della nave Diciotti.

“La Sicilia ha bisogno di sensibilità diverse – continua il Deputato nisseno – unite per il bene comune. Sono fiero di sapere che il Coordinatore regionale difende le persone bisognose a prescindere dall’appartenenza. Sono altresì certo che tutta Forza Italia è con lui in questa battaglia di difesa dei diritti dell’uomo”.

“Sono invece contrariato – chiosa Mancuso – per le dichiarazioni dell’ on. Alessandro Pagano della Lega, che ha criticato la presenza di Miccichè a Catania. Impressiona e forse mette anche un po’ di paura l’idea che un deputato della Repubblica possa fare certe dichiarazioni. Quelle di Pagano sono parole di pietra lavica, specie se dette da chi è stato per quasi dieci anni Assessore regionale in quota Forza Italia/Miccichè con Cuffaro Presidente”.

“Fa il verginello dopo aver preso in giro mezzo mondo per vent’anni. Non solo – conclude il Parlamentare – adesso fa pure il ‘Signore del Triveneto’ come se non fosse il primo ad essere fautore e presente alla creazione del ‘Centro Profughi Pian del lago’ della di Caltanissetta. Dove è andato a finire il pupillo dei preti? Immagino le scomuniche che gli arrivano segretamente. L’azione del Presidente dell’Ars fa rivedere umanità nelle Istituzioni e non è certo lo stile di Miccichè cercare inciuci per battaglie così importanti. La smettano davvero di prendere in giro i siciliani con la storia degli stranieri. Anche noi lo siamo stati altrove. Il tema vero, piuttosto, è quello delle regole che non possono essere fissate dal populismo, bensì dalla Politica, quella vera che alla stregua dei grandi, mette prima l’uomo e poi tutto il resto.

Visite: 206

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI