Politica Ars Assenza: “Una buona Finanziaria che ha resistito ad aggressioni populiste”

Assenza: “Una buona Finanziaria che ha resistito ad aggressioni populiste”

“Nonostante l’aggressione portata a tratti da diversi settori del parlamento, abbiamo fatto un buon lavoro seguendo le linee guida del governo Musumeci” lo dice Giorgio Assenza in chiusura della maratona di commissione e Aula che ha portato all’approvazione della Finanziaria regionale.
“A cominciare dalle norme a favore dei disabili e delle loro famiglie, già nelle corde del testo governativo e del governatore malgrado alcuni beceri e malriusciti tentativi di antipropaganda costruita con il classico metodo della decontestualizzione di frasi pronunciate dal presidente per dire esattamente l’opposto di quanto qualcuno ha provato a far credere all’opinione pubblica. Per continuare – prosegue Assenza – con la diversa e positiva attenzione agli Enti locali, con l’epocale stabilizzazione di precari storici, fino a importanti provvedimenti quale l’istituzione delle Autorità di bacino le quali comporteranno risparmio e miglior distribuzione dell’acqua nell’Isola”.
“Abbiamo cancellato una norma incostituzionale che penalizzava la continuità occupazionale di lavoratori in contenzioso, abbiamo sbloccato le somme per l’attività produttiva e siamo intervenuti fattivamente nel campo della cultura come nella difesa dell’ambiente. Una finanziaria soddisfacente non fosse che per alcuni nei… il più grosso e fastidioso fra tutti – conclude Assenza – la bocciatura in Aula degli aiuti alle famiglie meno abbienti in tema di prima casa e di edilizia sociale in genere, causato dal furore ancestrale dei grillini e di parte altra dell’opposizione: proprio quella frangia del Parlamento che della difesa degli ultimi fa la propria grancassa propagandistica”.

Finanziaria: Doppia soddisfazione per Giorgio Assenza
“Fondi per il funzionamento del Pio La Torre;
cancellata norma anticostituzionale per lavoratori nei consorzi di bonifica”

“Alla fine – dice un soddisfatto Giorgio Assenza – siamo riusciti a cancellare una norma anticostituzionale!”.
Il presidente del Collegio dei Questori si riferisce a un comma di una legge voluta dal governo Crocetta e approvata nello scorso agosto dall’Aula per la quale i lavoratori dei consorzi di bonifica e gli stagionali che abbiano in atto un qualsiasi contenzioso con il consorzio d’appartenenza avrebbero dovuto rinunciare “al loro giusto pretendere” per essere ammessi alla fruizione della semplice garanzia occupazionale.
“Un atto di civiltà, quello che è stato compiuto oggi in Sala D’Ercole – riprende – per cassare una norma scellerata che, di fatto, cercava di impedire a padri e madri di famiglia di combattere per un loro sacrosanto diritto. Adesso, confido, anzi sono certo che si avvierà una riforma organica e razionale di tutto il settore”.
“Importante è, infine – sottolinea Assenza – lo stanziamento di 1.320.000 euro per saldare l’ultima rata dei servizi a terra nell’aeroporto di Comiso poiché, ricordiamolo, il Pio La Torre (per il quale gli oneri saranno da quest’anno a carico dello Stato) è ormai diventato di vitale importanza per tutto il sud-est dell’Isola e il suo funzionamento ha finalmente ovviato ai disagi che comportavano gli spostamenti fino a Fontanarossa”.
“Voglio ringraziare la partecipazione fattiva della giunta Musumeci, il presidente Micciché nonché i colleghi della deputazione iblea, Stefania Campo e Nello Di Pasquale e Orazio Ragusa per la condivisione di queste due proposte”.

Visite: 354

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI