Patronati, domani protesta in tutta la Sicilia

PALERMO, 14 NOV – Sit-in, volantinaggi, raccolta di firme in calce a una petizione popolare. Distribuzione agli angoli delle strade di materiale informativo. È la “protesta dei gazebo” che per la prima volta porterà in piazza domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani, in Sicilia nei nove capoluoghi di provincia e non solo, e in tutte le principali piazze d’Italia, gli operatori del welfare gratuito che protesteranno “contro la tassa occulta ai danni dei più deboli prevista nella legge nazionale di stabilità”. Il documento di programmazione finanziaria in discussione in Parlamento ipotizza all’articolo 26 (comma 10) un taglio di 150 milioni al fondo patronati, pari al 35% del totale. “Un colpo di scure che finirebbe per abbattersi, soprattutto, su pensionati, donne in maternità, disoccupati, infortunati sul lavoro, extracomunitari, che si avvalgono senza alcun costo dei nostri servizi”, denunciano Inas Cisl, Inca Cgil, Acli e Ital Uil riuniti nel coordinamento Cepa i cui vertici incontreranno la stampa e i cittadini domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani a Palermo alle 10 nell’isola pedonale di via Magliocco. Per il Cepa interverrà il presidente nazionale dell’Inas, il siciliano Nino Sorgi.

Inas, Inca, Acli e Ital assieme, in Sicilia esitano il 55% delle pratiche di tipo previdenziale e socio-assistenziale. Il restante 45% è curato dalla rete dei piccoli patronati. In pratica, sono 650 mila pratiche che i quattro istituti elaborano e trasmettono, obbligatoriamente per via telematica, a Inps, Inail, questure. Gli sportelli che fanno capo ai quattro enti sono un migliaio e sono sparsi per tutto il territorio dell’Isola. “Anche nei centri più piccoli e sperduti”, precisano dal Cepa. Insomma, “un servizio sociale – aggiungono – tanto più che l’obbligo di trasmissione telematica richiede un livello di alfabetizzazione informatica che non tutti possiedono e che gli sportelli dei patronati invece garantiscono”.
Quanto al fondo patronati, spiegano Inas, Inca, Acli e Ital, si è fin qui alimentato del contributo dello 0,226 per cento del salario di tutti i lavoratori dipendenti.
Ha consentito, così, le prestazioni gratuite. Ma il colpo di scure disposto dal governo, non solo non permetterebbe più di offrire questi servizi, metterebbe in ginocchio anche l’Inps e l’Inail non in grado di gestire nei propri sportelli i due milioni di persone che complessivamente ogni anno transitano per i patronati siciliani. E metterebbe a rischio, solo in Sicilia, centinaia di posti di lavoro: in pratica, secondo i patronati il cui servizio di pubblica utilità è riconosciuto anche dalla Corte costituzionale, il 70% circa dell’organico di ogni istituto.
Da qui protesta che domaniAggiungi un nuovo appuntamento per domani vedrà in piazza i patronati italiani. In Sicilia, ecco dove. Oltre a Palermo (via Magliocco, isola pedonale, da via Ruggero Settimo), a Caltanissetta presso il mercatino settimanale di Pian del Lago, dalle 9 alle 12. A Gela in piazza Umberto Primo (9-12). A Enna in piazza Antonello da Messina (Enna bassa) dalle 9 alle 13. Idem a Catania, in piazza Stesicoro. E a Caltagirone, in piazza Borsellino. A Ragusa gli operatori dei patronati protesteranno presso il centro commerciale La Masseria, dalle 15 alle 19. A Messina in piazza Cairoli (9-12,30). Ad Agrigento a Porta di Ponte (presso via Atenea) per tutta la giornata (9-20). A Trapani all’ingresso di Villa Margherita, in viale Regina Margherita, dalle 9 alle 12. A Siracusa presso il Tempio di Apollo (Ortigia, via XXV Luglio, dalle 10 alle 13).
Visite: 667

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI