Pantelleria, scoppia la febbre delle tavole dei Sesi

Scoppia la febbre delle Tavole dei Sesi

Dal Sesiventi, un’esplosione di colori, profumi e sapori conquista l’isola di Pantelleria

Sono tanti i modi per creare aggregazione e spirito di condivisione, ma uno in particolare, vince su tutto, il cibo. Lo sanno bene Peppe e Fabio Ciulla, i gestori del noto locale Sesiventi, sull’isola di Pantelleria, che ad appena 15 giorni dalla sua inaugurazione ha già conquistato tutti. Giovani e meno giovani, vip e gente comune, al calar del sole, quando il cielo si colora di rosso e non lascia spazio alle parole, si danno appuntamento nel locale più cult del momento, per consumare l’aperitivo. Cocktail originali, preparati da mani esperte, accompagnati dalle Tavole dei Sesi, grandi taglieri, che sono diventati i veri protagonisti delle serate al Sesiventi e hanno letteralmente conquistato i palati da nord a sud, vacanzieri e gente del posto.

Il concept è sempre lo stesso, quello tanto caro a Peppe e Fabio che ne hanno fatto la chiave di successo anche per i loro locali palermitani, il “Vespa Caffè” e “il Siciliano”: creare un’ intima relazione di condivisione e felicità attraverso il gusto, proponendo un tagliere originale, dove la cura nella selezione delle materie prime e la grande esperienza gourmet, ne fanno un omaggio alla Sicilia e un’esaltazione dei suoi sapori e colori, attraverso piatti inusuali. Dai sapori del mare ai frutti del cappero, dalle saporite verdure pantesche ai formaggi locali, ogni ingrediente viene usato con maestria per celebrare quanto di buono offre l’ isola. L’importante è non affezionarsi sempre allo stesso tagliere perché riescono a sorprendere con almeno due menù diversi a settimana.

Di sicuro l’antica popolazione dei Sesioti, nella cui valle sorge il Sesiventi, non conosceva i vegani o i vegetariani, ma le Tavole dei Sesi, nel rispetto delle nuove tendenze, vanno incontro alle esigenze di tutti, con taglieri ricchi e variegati, il cui costo, 14 € a persona, comprende anche un drink. Fra i tanti menù proposti, uno in modo particolare ha entusiasmato la critica e i palati più raffinati ed è già pronto per il prossimo tagliere: Casarecce con pesto di tenerumi e fettucce di pesce spada affumicato e marinato agli agrumi; Veggie burger di ceci e melanzane con cipolla caramellata e salsa alla barbabietola; Vellutata di patate e zafferano con ragout di polpo e finocchietto selvatico; Pane “Cunzato” tradizionale; Selezione di formaggi e salumi, accompagnati da miele d’uva e confetture; Crostini ai tre pomodori ( rosso, verde e pesto di pomodorini secchi); Polpette di malanzane, tumma locale e mentuccia; Patate rustiche e porri al burro di bufala accompagnati da maionese al lime e zenzero; Olive condite di Castelvetrano; Focaccia con zucchine pantesche e mollica aromatizzata alle erbe selvatiche; Arrosticini di maiale marinato al Marsala con copertura croccante.

Visite: 103

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI