Pallavolo Femminile Serie D, ancora una vittoria casalinga per la Kentron Enna

KENTRON VOLLEY ENNA – OPEN CLUB CATANIA 3 – 0 (25-16 25-12 25-23)

Altra domenica di festa per la nostra squadra di serie d che, imponendosi con un netto tre a zero, rende la pariglia all’Open Club Catania che si era imposta nella partita di andata. Le nostre ragazze giocano probabilmente la miglior partita della stagione vincendo la terza partita tra le ultime quattro disputate. Stupenda come sempre la cornice di pubblico che sembra aver gradito la partita che seppur quasi a senso unico ha riservato alcuni momenti spettacolari e di bel gioco.
Primi due set totalmente in pugno delle giallonere che acceleravano senza nessuna difficoltà contro le avversarie che sembravano colte di sorpresa forse memori della partita di andata, quando le ennesi erano sembrate vittime di amnesie e distrazioni forse dovute anche alla inesperienza della prima partita fuoricasa del campionato. Terzo set con la Kentron sempre in vantaggio ma con piccoli segnali di cedimento a livello di concentrazione. Infatti sul punteggio di 21-18 una battuta sbagliata banalmente dalla giovane Giulia Mancuso ha rischiato di rimettere in carreggiata le ospiti che riescono a portarsi sul 23-23. Ma le ragazze dell’Open Club decidono di non approfittarne, sbagliano una battuta (24-23) e nell’azione successiva un attacco di Martina Cangeri manda in tilt la difesa catanese, ed è festa Kentron con invasione di campo del pubblico di casa. Da registrare la buona conduzione di un giovane arbitro ragusano, Federica D’Avola.
La partita, nonostante il punteggio possa far pensare a qualcosa di noioso, ha invece riservato notevoli momenti di spettacolo. Diverse sono state le difese lontane dal rettangolo di gioco, con le catanesi che provavano in ogni modo a restare aggrappate alla partita e le ennesi che non mollavano una palla. Momento clou dell’incontro sotto questo punto di vista è stata una sforbiciata in stile “Silvio Piola” di Federica Savoca(https://www.youtube.com/watch?v=ekhe7DehGMw) che si è fiondata verso la tribuna per salvare con i piedi una palla che rinviata nel campo avversario coglie di sorpresa le etnee già festanti per il punto che sembrava già conquistato.
“Stiamo crescendo”, dice il tecnico Tino Pregadio: “Se analizzo la gara a mente fredda non posso che complimentarmi con le nostre ragazze. Sono state sempre attente e padrone del campo in un partita che all’andata ci aveva viste annichilite già a partire dalla battuta avversaria. Dopo oltre tre mesi le nostre percentuali sono cresciute ed è aumentata la sicurezza. Però se ci accontentassimo, probabilmente potremmo considerare finito il nostro campionato. Abbiamo intenzione di crescere ancora e porre le basi per le stagioni prossime. Abbiamo intenzione di divertirci crescendo fino alla fine del campionato. Per un’altra cosa posso essere felice: per l’ennesima volta e stavolta forse ancor più, la panchina è stata decisiva dimostrando che stiamo diventando squadra. Fare nomi può sembrare ingeneroso per le altre ma stavolta dovremmo fare tutti i complimenti alle subentrate Ferrarello, Viviano, Amaradio e Biondo. Non hanno sbagliato praticamente nulla, anzi hanno sbloccato alcune rotazioni che potevano diventare complicate. Menzione a parte per il salvataggio acrobatico di Federica Savoca: al di là del gesto bellissimo e fortunato voglio associare questa difesa alla voglia di non mollare mai della mia squadra. Quindi brave tutte!”
Il dirigente/giocatore Federica Barbarino dichiara: “La partita di domenica era chiaramente alla nostra portata, ma noi abbiamo dato qualcosa in più per chiudere velocemente contro un avversario che nella partita del girone di andata ci aveva completamente mandate in tilt. Sicuramente siamo in crescita ma soffriamo ancora il fattore campo fuori casa, cosa sulla quale stiamo cercando di lavorare in vista dei due match esterni delle prossime settimane. Siamo state a tratti ordinatissime e veloci nel gioco e siamo riuscite a giocare i colpi provati in allenamento. Indispensabile é stato l’inserimento dalla panchina di giocatrici come Jessica Amaradio, Giorgia Ferrarello, Martina Biondo e Dafne Viviano. La ciliegina sulla torta è stato il gesto del mio capitano Federica Savoca che con la sua difesa in rovesciata trasformata in un punto ha fatto estasiare il pubblico e tutta la squadra”.
In settimana la squadra preparerà la difficile trasferta di Adrano rilanciatasi al secondo posto in classifica dopo le ultime vittorie e in piena corsa per la promozione in serie C. Isabella Arcidiacono e compagne cercheranno di ottenere l’ennesima vittoria per consolidare la seconda piazza e le Kentronesse proveranno a rendere la vita difficile alla forte squadra catanese allenata da Carmelo Lo Cicero.

KENTRON VOLLEY ENNA – OPEN CLUB CATANIA 3 – 0
(25-16 25-12 25-23) durata dell’incontro 1h 19min
Arbitro D’Avola Federica sezione arbitrale Ragusa
Spettatori 150 circa

KENTRON VOLLEY ENNA: 3 Jessica Amaradio – 4 Martina Biondo – 16Francesca Brafa Misicoro – 1 Martina Cangeri – 8 Lidia Caviglia – 19 Giorgia Ferrarello – 9 Iolanda Giarrizzo – 6 Giulia Mancuso – 2 Elisa Savoca – 17 Federica Savoca (K) – 10 Dafne Viviano – 5 Marta Patermo(Lib). Allenatori Tino Pregadio e Francesco Barbarino.

OPEN CLUB CATANIA: 15 Camerano – 17 Costantino – 4 D’Arrigo – 9 Di Giovanni – 14 Gennaro – 11 Isaia – 12 Lanzafame (K) – 18 Hocino – 7 Panfili – 16 Puleo – 6 Vinciguerra – 5 Aqueci (Lib 1) – 99 Motta (Lib 2). Allenatori Sortino e Reitano.

Visite: 501

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI