Palermo al teatro Biondo “Verba Manent”

Presentata al Teatro Biondo la terza edizione di “Verba Manent”. Quattro compagnie del Sud portano in scena i tanti aspetti delle relazioni umane. Atteso, anche da chi lo ha già visto e amato, “Il Pozzo dei pazzi” di Franco Scaldati. Presenti anche gli attori della compagnia del regista palermitano.

Correranno sul filo sottile delle relazioni – uomo e donna, insegnante e allievo, vittima e carnefice, amico e amica – gli spettacoli che proporrà la terza edizione di VERBA MANENT (la prima è del 2015), innovativa rassegna di teatro contemporaneo del Teatro Del Baglio, unico teatro del territorio, in programma dal 21 aprile al 26 maggio nel suggestivo spazio di 200 posti ricavato dall’antico granaio del Palazzo Filangeri, in cima a Corso San Marco, nel centro storico di Villafrati. Ormai una vera e propria Istituzione del Comune di Villafrati, che negli anni ha ospitato numerose compagnie e artisti nazionali e internazionali, fra i quali: Elena Bucci, Maria Paiato, Marta Cuscunà, Franco Scaldati, T.T.B., Antonio Piovanelli, Frosini-Timpano, Dispensa Barzotti, Massimo Verdastro, Filippo Luna, Nicolò Carnesi, Mimì Sterrantino e molti altri.

Quattro le compagnie italiane che si alterneranno quest’anno sul palco, ognuna con un’opera molto diversa dalle altre per contenuti e poetiche, avendo e mantenendo uno sguardo panoramico sulla scena teatrale indipendente del nostro paese. Ovviamente sempre in continuità con le edizioni precedenti con le quali collegarsi e sulle quali costruire.

«Una cosa non voluta, ma che si è verificata naturalmente – spiega il direttore artistico della rassegna, Valeria Sara Lo Bue, nel corso della conferenza stampa ospitata dal Teatro Biondo di Palermo -, è la provenienza dal Sud (Puglia, Campania e Sicilia) delle compagnie. La mia intenzione è stata quella di fare una ben precisa scelta stilistica, nel senso che corrisponde a determinati contenuti, ma anche quella di offrire in quattro step un’idea di quattro poetiche e quattro stili completamente diversi. Un’altra linea comune è la chiave ironica che circola quasi ovunque. Filo conduttore, poi, lo dicevamo all’inizio, la relazione. In “Due Passi Sono”, quella di una vita a due, marito e moglie. Peraltro, Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi sono coppia anche nella vita e questo è lo spettacolo che li ha consacrati e uniti in tutto. “Barbiana” è, per esempio, adatto al mondo degli insegnanti, dal momento che parla di Don Milani, di cosa vuol dire educare e di un’esperienza fatta direttamente dalla protagonista. Con “Otello Alzati e Cammina”, Gaetano Ventriglia torna per la seconda volta al Teatro del Baglio. Lui, della linea di Reza, è un attore molto particolare, particolarmente ironico, veramente unico, che io personalmente considero uno dei più bravi sulla scena italiana, al quale non viene riconosciuto ciò che merita perché gira poco nel nostro Paese».

Inevitabile, atteso da molti, il tributo che “Verba Manent” fa quest’anno a Franco Scaldati con “Il Pozzo dei pazzi”.

«Gli era dovuto – prosegue la Lo Bue – perché ha lavorato tanto nel nostro teatro di Villafrati, contribuendo non poco alla sua evoluzione. Uno spettacolo già portato in scena a Palermo, ma che non hanno visto tutti. Un pezzo della storia artistica della nostra città, uno dei testi che ha consacrato Franco Scaldati sulla scena italiana. Anche qui si gioca tutto sulle relazioni. I personaggi sono coppie, innamorati, musicisti; due clochard, due vagabondi e una coppia molto strana. C’è, poi, questo matto che ha come amica una gallina – che, nella miseria, diventerà il Golem – trasformandosi nell’oggetto di uno scontro tra i personaggi e scatenando il senso del desiderio tra tutti. Sembra apparentemente un lavoro sulla vita di strada, ma in fondo è sul possesso. Il linguaggio è molto divertente, ma anche abbastanza di pancia, forte, parlato dai vagabondi della fine degli anni ‘70/’80, praticamente del periodo in cui è stato scritto. Per questo è suggerito a un pubblico adulto o comunque a ragazzi accompagnati dai genitori».

Scelte forti, quelle fatte dalla direzione artistica della rassegna, che crescono e si migliorano parallelamente alle tante migliorie tecniche apportate allo stesso teatro.

«Valorizzando il contributo ricevuto da parte del FURS 2016/2017 – afferma Salvatore La Barbera, presidente dell’Istituzione Teatro del Baglio – continuiamo con questa rassegna di teatro contemporaneo che vuole offrire un impulso culturale nel comprensorio, quale leva di attrazione e valorizzazione del nostro patrimonio. Quest’anno, poi, abbiamo migliorato l’impianto audio, delle luci e lavorato al sito web, grazie al quale possiamo ancora di più interagire con il pubblico. Senza dimenticare il fatto che il teatro sorge all’interno di un antico granaio recuperato e offerto alla fruizione del pubblico. Quanti comuni hanno tesori del genere e non fanno niente? Noi, invece, grazie anche a un lavoro sinergico, abbiamo voluto valorizzare il nostro patrimonio e offrirlo non solo alla comunità locale. Il pubblico che frequenta il teatro del Baglio viene, infatti, da Villafrati ma anche dai comuni limitrofi, riconoscendolo da tempo come risorsa culturale del territorio».

Tutto ciò, facendo scelte anche controcorrente, che non mettono in campo solo le classiche rassegne comiche, ma proprio questa di teatro contemporaneo che fa la differenza.

«Dobbiamo, infatti, dire grazie al nostro direttore artistico, Valeria Sara Lo Bue, che ha curato la scelta e la proposta del cartellone. L’edizione 2017 è andata molto bene rispetto al trend degli abbonamenti precedenti – aggiunge La Barbera – e crediamo che quest’anno cresceremo ancora, consentendo una migliore fruizione del Baglio. La sinergia con le realtà del territorio, come anche con l’assessorato regionale al Turismo che ringraziamo sempre, inoltre, ci ha dato una grossa mano di aiuto, consentendo ancora una volta di innescare un meccanismo che giova a tutto l’hinterland. Stiamo pure lavorando per creare reti che possano inserire il teatro in un circuito turistico di più ampio respiro».

Ma scendiamo nel dettaglio e cerchiamo di capire di che proposte artistiche parliamo.

Si parte sabato 21 aprile con “DUE PASSI SONO”, spettacolo vincitore del Premio “Scenario per Ustica 2011” / “In Box 2012”/ “Pomodoro 2013”.
Regia, testi e interpretazione Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi / Scene e costumi Cinzia Muscolino / Disegno luci Roberto Bonaventura/ Aiuto regia Roberto Bitto/ Collaborazione Giovanna La Maestra / Produzione Carullo-Minasi.

Due piccoli esseri umani, un uomo e una donna dalle fattezze ridotte, si ritrovano sul grande palco dell’esistenza, nascosti nel loro mistero di vita che li riduce dentro uno spazio sempre più stretto dall’arredamento essenziale, stranamente deforme, alla stregua dell’immaginario dei bimbi in fase febbricitante. Attraversano le sezioni della loro tenera per quanto altrettanto terribile, goffa e grottesca vita/giornata condivisa. Sembrano essere chiusi dentro una scatoletta di metallo, asettica e sorda alle bellezze di cui sono potenziali portatori, ma un “balzo” – nonostante le gambe molli- aprirà la custodia del loro carillon. Fuoriescono, vivendo il sogno della vera vita da cui non v’è più bisogno di sfuggire ma solo vivere, con la grazia e l’incanto di chi ha imparato ad amare la fame e la malattia, dunque i limiti dello stare.

La Compagnia Carullo/ Minasi nasce nel 2011 dall’incontro fra Cristiana Minasi e Giuseppe Carullo, sancendo ufficialmente la loro unione artistica con “Due passi sono” che vince il Premio “Scenario per Ustica 2011”, Premio “In Box 2012” e il Premio Internazionale “Teresa Pomodoro 2013”. Con “T/Empio, critica della ragion giusta” (2013), anch’esso scritto, diretto e interpretato da Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi, come libera reinterpretazione dell’Eutifrone di Platone, la compagnia si aggiudica la vittoria ai Teatri del Sacro 2013, oltre ad arrivare finalista al Bando Ne(x)twork 2013 (Teatro dell’Orologio e Kilowatt Festival). Con il monologo “Conferenza tragicheffimera, sui concetti ingannevoli dell’arte” (2013) di e con Cristiana Minasi, la compagnia vince il Premio di Produzione E45 Napoli Fringe Festival 2013. I tre spettacoli chiudono la “Trilogia dedicata al tema del Limite”, cifra stilistica della Compagnia, limite inteso quale risorsa drammaturgico-creativa per la definizione di qualsivoglia atto d’arte, nella sua natura prima d’atto politico-democratico. A dicembre 2017, le è stato consegnato il Premio “ANCT 2017” presso Teatro Argentina di Roma.

Sabato 28 aprile sarà la volta di “BARBIANA”, spettacolo vincitore del Premio “LUCCICA 2016” come miglior attrice, ispirato dalla portata rivoluzionaria dell’esperienza di Don Milani.

Scrittura e drammaturgia di Michela Diviccaro, in collaborazione con Margherita Cristiani / Regia e interpretazione Michela Diviccaro / Produzione Diaghilev.

Cosa significa insegnare? Che cos’è insegnare? Quand’è che uno è un insegnante vero? 
Quando Michela è solo una bambina e le chiedono quale sia la sua vocazione, lei, di getto, risponde: “la maestra”. Passo dopo passo la seguiamo al liceo, all’università, al lavoro, nel suo percorso di incontri, di intoppi, di tentennamenti nella definizione di quel che è il ruolo dell’insegnante. A guidarla, nel suo interrogarsi, l’incontro con i testi di Don Lorenzo Milani e la portata rivoluzionaria dell’esperienza nella scuola di Barbiana. 

Michela Diviccaro è diplomata all’International Theatre Academy of Adriatic (2009/2012). Alla formazione e alla carriera di attrice accosta le sue competenze in ambito pedagogico e nella didattica teatrale. Nata a Roma, vive e lavora a Barletta, ma collabora con diverse realtà nazionali come attrice, insegnante e regista.

“OTELLO ALZATI E CAMMINA” è il lavoro che verrà proposto sabato 19 maggio dalla Compagnia Garbuggino-Ventriglia, Armunia, Rialto Santambrogio / con Gaetano Ventriglia.

Una tempesta porta Otello a Cipro per combattere i turchi. Ma i turchi sono tutti affogati prima ancora di arrivare. A Otello, adesso, tocca vivere. Mannaggia, come fare? Se c’è una possibilità, la buttiamo via. Peccato. O forse…

La Compagnia Garbuggino-Ventriglia lavora dal 2002. Tre volumi editi sul loro lavoro: “Cicoria – del teatro di Ascanio Celestini e Gaetano Ventriglia”, a cura di Simone Soriani, Titivillus edizioni 2006 ; “La Voce Solitaria”, volume collettivo a cura di Paolo Puppa, Bulzoni 2010; “Il Tempo a Napoli”, a cura di Pier Mario Vescovo, su cinque spettacoli del Napoli Teatro Festival 2010, tra i quali Delitto e Castigo – Dostoevskij ai Quartieri Spagnoli, Marsilio 2011. La compagnia ha affrontato autori quali Dostoevskij, Shakespeare, Cechov e Wilde, in un teatro in cui l’attore è al centro della scena. Tra le produzioni: “Nella luce idiota” (2003); “Prima stanza” (2005); “Kitèmmùrt – Amleto atto V scena II” (2005); (I can’t get no) “Satisfaction” (2007); “Non ho prospettive” (2008); “Otello alzati e cammina” (2008); “Il Premio Dostoevskij” (2009); “Delitto e Castigo ai Quartieri Spagnoli” (2010); “Uàild” (2011); “Show”(2012) che poi diventa: “Magi” (2013). 

La terza edizione di “Verba Manent” si chiuderà con uno spettacolo atteso da tempo al Teatro del Baglio. Consigliato, però, a un pubblico di adulti, sabato 26 maggio andrà in scena “IL POZZO DEI PAZZI”, a cura della Compagnia di Franco Scaldati. Presenti alla conferenza stampa anche alcuni degli attori che si vedranno in scena e che hanno colto l’occasione per invitare il direttore dello Stabile di Palermo, Roberto Alajmo, ad assistere allo spettacolo: Antonella Sampino, Fabio Lo Meo, Luciano Sergiomaria, Fabiola Arculeo e Luigi Rausa

Di Franco Scaldati / con Luigi Rausa, Fabio Lo Meo, Luciano Sergiomaria, Valeria Sara Lo Bue, Totò Pizzillo, Antonella Sampino, Fabiola Arculeo, Alessio Barone, Mariangiela Glorioso, Luisa Hoffman/ assistente alla regia Alessandra Leone /coaching – aiuto regia Matteo Bavera, Melino Imparato / regia Georges Lavaudant / produzione Compagnia Franco Scaldati.

Aspanu e Binirittu sono due clochard. Fra di loro c’è un rapporto di grande amicizia, continuamente messo alla prova dalla miseria. Nella loro porzione di strada passano altre coppie di personaggi, un pazzo, Totò, la cui unica amica è una gallina; due amanti, Masino e Pinò, il cui amore si deteriora visibilmente e inesorabilmente davanti alla durezza della vita; due suonatori, Matteo e Giovannino, dispettosi e cinici; una serie di figure quasi ultraterrene, la donna delle mele, le prefiche, i quali arricchiscono la vicenda di divertenti e irriverenti siparietti e di momenti poetici e di grande commozione. Il linguaggio è quello della strada, duro, scurrile, ma estremamente divertente. Un delirio barocco, secondo la definizione di Vincenzo Consolo, nel quale la lingua dei bassifondi diventa fatto letterario.

L’associazione “Compagnia di Franco Scaldati” nasce a Palermo nell’agosto del 2002 per iniziativa di attori e collaboratori del drammaturgo, regista e attore di fama internazionale Franco Scaldati, con l’idea di proseguire il cammino per la realizzazione dei progetti culturali e artistici secondo i presupposti e lo spirito che da sempre hanno animato le precedenti associazioni, compagnie e gruppi con cui il drammaturgo ha operato per più di trent’anni. Dopo la morte del Maestro, la compagnia ha operato sotto la guida del capocomico Melino Imparato, tra i fondatori della stessa. Fra gli spettacoli più conosciuti, oltre a “Il pozzo dei pazzi”, si ricordano “La Gatta di Pezza”, “Assassina”, “Sonno e Sogni”, “Vorrei avere un paio d’ali dorate”, “Un angioletto vestito di giallo”, “E’ la terra un’unica finestra”.

Gli spettacoli di “VERBA MANENT” saranno tutti serali, dalle 21.15 alle 23.15. Abbonamento a tutta la rassegna € 18,00, biglietto singolo € 5,00. Il loro acquisto direttamente al Teatro del Baglio. Info: 324 050 7009.

La rassegna è legata a una promozione con la pizzeria Garden, una delle attività storiche di Villafrati. Un’occasione in più per avvicinarsi al territorio di Villafrati, uno dei Comuni del territorio di Rocca Busambra, a una manciata di minuti dal paesino medievale di Cefalà Diana, famoso per il suo castello e per le terme arabe. Pieno di fascino il borgo di Ficuzza, meta turistica rinomata per il suo bosco e per la Casina di caccia di Ferdinando di Borbone; irrinunciabile la visita a Mezzojuso, comune medievale conosciuto per uno dei carnevali storici più antichi d’Europa, e a Godrano, villaggio contadino ricco di prodotti agroalimentari, fra i quali il famoso caciocavallo. In zona è diffuso il turismo rurale, che consente di pernottare immersi nel verde e di usufruire di servizi spa, uscite a cavallo e passeggiate.

Visite: 239

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI