Ospedale Umberto I Enna, potenziata l’aria condizionata

Un problema in meno per l’Umberto I, da oggi l’aria condizionata dovrebbe essere finalmente presente in tutti i reparti. Dopo estati roventi che hanno trasformato in un incubo la permanenza in alcuni reparti, soprattutto collocati nell’ala nuova, del nosocomio di contrada Ferrante sono stati potenziati gli impianti di climatizzazione estiva così come ci aveva anticipato ed assicurato il direttore di presidio Lello Vasco interpellato dopo numerose proteste. Ieri mattina sotto la super visione anche del Cardiologo è stato azionato il secondo motore e quindi la ditta ha collaudato l’impianto che naturalmente è stato testato in maniera graduale durante tutta la giornata di ieri e lo stesso accadrà nei prossimi giorni prima di usarlo a pieno regime fruttando tutte le potenzialità. La gara d’ appalto per fornire i mezzi necessari al potenziamento dell’impianto era già stata espletata da diverso tempo dalla direzione sanitaria di viale Diaz e vinta dall’impresa ennese Impellizzeri ma per attuarlo erano indispensabili le cosi dette torri di vaporizzazione che, come ci aveva assicurato Vasco, sono arrivate come da programma venerdì da Mogliano Veneto (Treviso). Cosi forse le attese in Pronto soccorso agitando i ventagli per avere un po’ di sollievo saranno il ricordo di un passato remoto idem per gli altri reparti dove i degenti si sono automuniti di piccoli ventilatori elettrici che i familiari hanno portato da casa per combattere le alte temperature. In alcune stanze esposte al sole, non di rado, capita che le finestre non si possano aprire perché rotte oppure che le tende non si possano abbassare e diventavano, almeno fino a pochi giorni fa, delle piccole serre invivibili per pazienti ma anche per gli operatori sanitari. Soddisfatto il direttore per aver mantenuto l’impegno preso: «Speriamo di aver risolto definitivamente questo problema», ha commentato. Nell’arco di pochi mesi almeno per quando riguarda la struttura sembra soffiare un vento nuovo, dopo mesi di scasi sono ricominciati i lavori di ripavimentazione che si erano del tutto fermati, sembra che anche i locali del Pronto soccorso presto saranno più idonei alle necessità dei cittadini adesso per dimostrare d’avvero che qualcosa sta cambiando dovrebbe essere aperto al pubblico – e non solo alle personalità (si legga assessori regionali e cardinali) – l’ampio e arioso ingresso principale munito di scale mobili che conducono davanti al Cup. Voci dai vertici ci fanno ben sperare sembra che qualcosa si muova già.

Angela Montalto

Fonte: Giornale di Sicilia

Visite: 582

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI