“Ospedale Umberto I di Enna, M5S: “La rete ospedaliera tenga conto delle specificità del territorio, senza penalizzare l’utenza”

“Ospedale Umberto I di Enna, M5S: “La rete ospedaliera tenga conto delle specificità del territorio, senza penalizzare l’utenza”

“La rete ospedaliera tenga conto conto delle specificità del territorio, senza penalizzare l’utenza dell’Umberto I”.

È questo uno dei temi a supporto delle esigenze dell’Ospedale Umberto I messi sul tappeto da consiglieri comunali e parlamentari nazionali e regionali M5S nel corso del consiglio comunale tenutosi oggi a Enna, cui hanno partecipato il senatore Fabrizio Trentacoste, il deputato Andrea Giarrizzo, i consiglieri comunali Cinzia Amato e Davide Solfato, oltre al deputato regionale messinese Antonio De Luca, componente M5S della Commissione Sanità dell’ARS.

La seduta è stata un’occasione per ribadire che la direzione sanitaria, ad oggi, non ha saputo dare risposte concrete alle criticità denunciate, ossia quelle relative al reparto Otorino, al CUP, al pronto soccorso, all’apertura di una sala operatoria esclusiva per l’Ostetricia ed alla ricollocazione del personale sanitario.

A ciò si aggiunge il timore diffuso che l’offerta sanitaria del nosocomio ennese possa essere penalizzata dalle scelte indicate dalla nuova rete ospedaliera, che lo configura come ospedale di I livello senza, tuttavia, riuscire a garantire i servizi adeguati a questa classificazione e a rispondere alle esigenze del territorio.

“La rete ospedaliera – ha detto De Luca – è un atto di competenza esclusiva dell’assessore alla Salute. Le problematiche che penalizzano il territorio ennese non dipendono tanto dal decreto Balduzzi, quanto dall’applicazione che ne viene data, soprattutto quando il territorio non viene considerato nella sua interezza e specificità. Se non si abbandonano le logiche spartitorie che caratterizzano questo settore e che vedono prevalere gli interessi di alcuni baronati sanitari rispetto ai reali bisogni dei cittadini non si vedrà mai la luce”.

“Il M5S – ha concluso il deputato messinese- sarà al vostro fianco nella battaglia per la tutela dei diritti dei cittadini ennesi che non dovranno fare mancare di fare sentire la loro voce e fare le dovute pressioni in assessorato”.

“Pur non volendo sollevare alcuna polemica” – ha affermato la portavoce in consiglio comunale Cinzia Amato- l’attuale situazione, oggi vissuta come emergenza, non si è creata dall’oggi al domani. Si tratta, piuttosto, di un’opera di ‘smantellamento’ che è in atto ormai da diverso tempo, denunciata più volte dai nostri portavoce regionali. La deputazione oggi presente conferma che la nostra forza politica non è di certo indifferente al problema”.

Sulla rete ospedaliera si è espresso così il senatore Trentacoste: “Credo che la rete sanitaria dell’ennese, che si fonda su 4 presidi ospedalieri, vada riformulata e resa più efficiente su base provinciale, senza per questo perdere posti letto, prestazioni, reparti e personale. I 4 ospedali devono mantenere i servizi di base e caratterizzarsi per le prestazioni specialistiche, per garantire alla popolazione della provincia i servizi necessari. Tale redistribuzione di risorse e competenze dovrà tenere conto della viabilità e delle aree disagiate, potenziando i servizi di telemedicina e l’elisoccorso”.

“Siamo vicini ai cittadini e metteremo a loro disposizione tutti i mezzi di cui disponiamo nelle sedi istituzionali in cui siamo presenti, per tutelare il nostro territorio a prescindere dal colore politico”, ha concluso Andrea Giarrizzo. Allo stesso modo, terremo tutti costantemente aggiornati degli sviluppi del lavoro dei nostri portavoce regionali”.

Visite: 282

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI