Occupazione; due giorni delicati per i lavoratori dei comparti dei rifiuti e della bonifica

Due giorni molto delicati per i lavoratori, complessivamente circa 700 del comparto dei rifiuti e della bonifica. Sono quelli che si apriranno oggi per concludersi domani. Infatti stamattina convocato dal presidente della società Srr che subentrerà all’Ato, il sindaco di Regalbuto Francesco Bivona, si terrà un incontro tra i vertici di questa società e le parti sociali. Il nodo della questione è sempre lo stesso, si cerca di trovare una soluzione per abbattere il costo del lavoro dei circa 450 dipendenti in modo da evitare esuberi di personale. Ma il muro contro muro rimane e ad oggi appare difficile che si possa trovare una soluzione. Nel frattempo il personale tecnico amministrativo di Ennaeuno circa 150 persone sono in stato di agitazione poiche sono in arretrato di 5 mesi di stipendio. Non meno problematica è la situazione che vivono i circa 300 dipendenti tra ruolo e stagionali del Consorzio di Bonifica che per domani, indetto da Cgil, Cisl e Uil di categoria, hanno indetto una giornata di sciopero. Anche in questo caso l’emergenza più impellente è quella degli stipendi arretrati che sono arrivati anche per questi lavoratori a 5. Ma c’è in gioco lo stesso futuro degli enti di bonifica malgrado questi siano ormai rimasti gli unici a garantire un servizio per il comparto agricolo e zootecnico che per una provincia come quello di Enna è in pratica la spina dorsale dell’economia locale. Ma dalla Regione però arrivano segnali non proprio rassicuranti che parlano di soppressione di enti tra cui anche questi.

Visite: 373

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI