Oasi di Troina a rischio posti di lavoro; l’allarme del presidente provinciale del Fand Giuseppe Regalbuto

Allarme del presidente della FAND Regalbuto per l’Oasi di Troina

Il Presidente della FAND Regalbuto si mostra preoccupato per l’IRCS Maria Santissima di Troina che senza convezione rischia il licenziamento di cento dipendenti. Un istituto che da diversi decenni si è distinto anche in campo internazionale per lo specifico modello di intervento. Sembra che sia stata avviata la procedura di mobilità per oltre 100 dipendenti, che rischiano il posto di lavoro a causa dei persistenti ritardi della regione Siciliana. Da tre anni l’istituto attende il rinnovo della convenzione stipulata nel 2009 e scaduta nel 2012, con la quale da parte dell’Assessorato della Famiglia e delle Politiche Sociali e della Salute della Regione Siciliana, venivano riconosciuti e remunerate le funzioni assistenziali svolte a favore degli utenti e dei loro familiari.

Continua il Presidente Regalbuto: “se il Governo regionale non interverrà prontamente si scatteranno i licenziamenti, creando un danno economico al comune di Troina che vedrà una diminuzione di posti di lavoro, con un declino demografico del paese, come diretta conseguenza di una riduzione del personale dell’Oasi che è una sicurezza e una risorsa”. Si mette in discussione la professionalità, la specializzazione, l’efficienza dell’Oasi, struttura ad alta specializzazione che si è distinta in campo nazionale ed internazionale, sia per lo specifico modello di intervento che per gli studi e le ricerche scientifiche effettuate nei campi della disabilità intellettive dell’involuzione cerebrale senile, per la prevenzione, la sorveglianza, la diagnosi e la terapia delle malattie rare. “Una speranza per molte famiglie che soffrono” spiega Regalbuto “e un conforto per molti disabili verrebbe meno se l’Oasi subisce questo taglio”. Si profilano gravissimi disagi non solo pe gli utenti, ma anche per l’intera economia della citta che vi gravità attorno. Un danno immane per una struttura che genera più di 5 mila ricoveri l’anno, su 352 posti letto disponibili, per oltre 100 mila giornate di degenza e oltre 700 impiegati, che rischia di essere fortemente ridimensionata. Il presidente Regalbuto conclude con l’amara costatazione che questa provincia si vede ogni giorno tagliare posti alla Sanità, che mettondo a rischio importati presidi per il territorio, come l’ospedale di Leonforte e il Chiello di Piazza Armerina, oltre ai disaggi del Basilotta di Nicosia, problemi legati al personale sussitono anche all’Umberto I, soprattutto nei reparti di pediatria e ginecologia, reparti delicati e sensibili. L’augurio è che il governo Regionale intervenga immediatamente per evitare di creare un danno alla già precaria salute dei disabili, un servizio per tutti i cittadini e un danno economico sociale per il territorio

Visite: 369

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI