Nuoto e Disabilità: riapre tra Enna e Pergusa “L’Happy Village”

Per il terzo anno consecutivo grazie alla sinergia tra Inail, Comune di Enna  e comitato provinciale paralimpico i diversamente abili assistiti dall’istituto per gli infortuni sul lavoro e non solo avranno la possibilità di trascorrere in questi mesi estivi delle giornate praticando attività natatorie e non solo. Infatti all’inizio della prossima settimana prenderà il via il progetto “Happy Village Piscine, integrazione ed accessibilità”. Nei prossimi giorni i tre enti interessati ovvero sede provinciale Inail, Comune e Cip sottoscriveranno per il terzo anno il protocollo d’intesa che sancirà di fatto l’inizio delle attività. L’iniziativa fa parte di un progetto regionale finanziato dall’Inail e che apre in questi mesi estivi dei “lidi per disabili” in sette zone marinare di altrettante province siciliane mentre nelle zone interne della Sicilia solo quello di Enna. Il progetto è principalmente rivolto ai soggetti assistiti Inail, ma come però poi precisa la responsabile di questo progetto per l’Inail Irene Varveri è più che altro una risorsa per tutto il territorio. “Con questo progetto si vengono a creare le pari opportunità – commenta Irene Varveri – poiché se non ci fosse per tanti diversamente abili non solo nostri assistiti diverrebbe molto difficile se non impossibile poter fare anche un semplice bagno. Per questo motivo ringraziamo l’amministrazione comunale di Enna che anche quest’anno ha detto immediatamente si per continuare l’esperienza”. Lo scorso anno tra i mesi di luglio ed agosto a frequentare la piscina scoperta comunale di Pergusa sono stati non meno di 150 i soggetti con disabilità di cui una cinquantina assistiti Inail mentre il resto di altre associazioni presenti sul territorio. E quest’anno il progetto si arricchisce visto che oltre all’attività natatoria in vasca i fruitori avranno la possibilità di praticare altre discipline sportive tutte regolarmente affiliate al Cip il Comitato italiano paralimpico come Danza, tiro con l’Arco, Tennis Tavolo e attività subacquee. A coordinare l’attività il Comitato italiano paralimpico che mette a disposizione tecnici ed assistenti, 11 in tutto per tutte le discipline sportive e tutti con i requisiti riconosciuti dalle varie federazioni sportive e dal Cip. Le strutture dove si praticherà l’attività sono di proprietà comunali e quindi per adesso si inizierà nell’impianto coperto di Enna bassa in attesa che vengano aperti gli impianti scoperti di Pergusa.

Visite: 962

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI