Mille e uno messaggi dietro a un sorriso: piace ai giovani il seminario ennese sulla comunicazione

Sono stati più di quaranta gli studenti del liceo delle scienza umane e del liceo scientifico di Enna a seguire sabato scorso il seminario sul tema “Corpi in comunicazione. Azione e conoscenza”, tenutosi alla biblioteca comunale La casa di Giufà di Enna bassa e organizzato dalle associazioni Aea (Attività emozioni arte) e Adelfia, in collaborazione con la cooperativa sociale “La Contea” e la Uisp (Unione italiana sport per tutti) di Enna.

E’ stato improntato soprattutto sull’osservazione partecipante e su coinvolgenti laboratori la giornata di studi condotta dell’esperto in Comunicazione non verbale Filippo Borrello e dello psichiatra e psicoterapeuta Carmelo Percipalle. Tutta pratica, insomma, a cominciare dagli esercizi sul riconoscimento delle tipologie espressive e le personalità, sul riconoscimento dei tanti (e curiosi) significati che stanno dietro a un semplice sorriso facciale, fino all’analisi delle espressioni non verbali fatta su riprese di brevi interviste video realizzate in tempo reale dagli stessi partecipanti al seminario.

Alla riuscita della giornata hanno contribuito anche le riflessioni della psicologa Vanessa Mancuso, presidente della cooperativa sociale ennese “La Contea”, e di Giovanni Casano, presidente della Uisp Enna.

Dulcis in fundo, la gradita irruzione a sorpresa di Mauro Todaro e Salvo Algeri, promotori di Gogol, l’omino del sorriso. L’ormai celebre statuetta di fattura ennese (una sorta di Oscar per le personalità della città che guardano la vita con positività), con la sua inequivocabile espressione di felicità stampata sul volto, è stata donata a Borrello per il suo impegno “come ambasciatore del sorriso, libero professionista carico di tanta buona volontà”.

Ma. Va.

Visite: 631

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI