Migranti: a Furnari (Me) il 3 e 4 agosto Festival “Incontro tra i popoli”, organizzato da Cgil e Flai Sicilia. Pagliaro (Cgil), “C’è un’Italia antirazzista che deve fare da argine alla crescente intolleranza”

Migranti: a Furnari (Me) il 3 e 4 agosto Festival “Incontro tra i popoli”, organizzato da Cgil e Flai Sicilia. Pagliaro (Cgil), “C’è un’Italia antirazzista che deve fare da argine alla crescente intolleranza”

Palermo, 1 ago- “Le continue e ripetute aggressioni a sfondo razziale preoccupano e indignano ma occorre ricordare che il paese non è questo, che esiste un’Italia solidale e antirazzista che sa che il ‘nemico’ sono le politiche dell’immigrazione sbagliate e quelle economiche e sociali inadeguate che determinano paure, divisioni, insoddisfazioni e incertezze di cui certa politica xenofoba si alimenta in modo irresponsabile e preoccupante per il futuro collettivo e individuale.
Come Cgil continueremo con le iniziative per la solidarietà, la legalità e per un’accoglienza degna di questo nome”. Dopo le iniziative della settimana scorsa nelle campagne della Sicilia orientale per contrastare lo sfruttamento del lavoro bracciantile italiano e migrante Cgil e Flai tornano in campo il 3 e 4 agosto a Furnari (Messina), col Festival “Incontro tra i popoli”. “Va sottolineato – dice una nota di Cgil e Flai Sicilia- che la nostra Isola detiene un primato per quanto riguarda solidarietà e accoglienza. Non a caso siamo al primo posto, con oltre 180 mila presenze, per popolazione straniera regolarmente soggiornante”. Il sindacato ricorda le innumerevoli iniziative spontanee di solidarietà svoltesi, “che sono il segno di un’Italia solidale e antirazzista che deve continuare ad emergere sempre per fare da argine alla crescente intolleranza”. A partire dalla catena umana a Lampedusa nel 2011 fatta da poliziotti, guardia costiera, pescatori e giornalisti per portare in salvo 500 migranti. E anche l’azione dei bagnanti nel 2013 a Pachino per salvare 160 persone e gli applausi ai pulmann che lasciavano il porto di Trapani con a bordo i migranti sbarcati dalla nave Diciotti. “E’ questo – sottolineano il cuore pulsante del paese che pensa e ragiona e che ha il coraggio di criticare.
A fronte di questo- sostengono
i segretari di Cgil e Flai Sicilia, Michele Pagliaro e Alfio Mannino- abbiamo avuto però un sistema di accoglienza che ha fatto acqua da tutte le parti. Basti pensare che nel Paese è ancora in vigore una legge, la cosiddetta ‘Bossi-Fini’, e che in virtù di tale legge il Cara di Mineo è arrivato ad ospitare 3.000 migranti in una città che ne ha meno di 5.000, creando evidentemente, come nel resto dell’Isola, una bomba a orologeria in cui fenomeni devianti come sfruttamento, delinquenza, prostituzione sono sfuggiti da ogni possibilità di controllo. E’ la verità scomoda che ha fatto e continua a fare le fortune politiche di Lega e adesso del M5S che, rispetto al problema, non hanno ancora una soluzione concreta e realistica”. Pagliaro e Mannino aggiungono: “Come sindacato abbiamo lottato e continuiamo a lottare contro le nuove forme di schiavitù che emergono oggi in tutta la loro evidenza, che coinvolgono da un lato gli immigrati e dall’altro gli italiani più deboli, tema su cui è intervenuto anche il presidente della Repubblica, e che sono a nostro avviso lo snodo su cui si gioca l’efficacia di una politica dell’
accoglienza e dell’integrazione degne di un Paese civile”.” Meno gli
immigrati sono integrati- rilevano i due esponenti della Cgil- e più
sono in condizione di marginalità sociale, più sono manovalanza costretta ad accettare condizioni di sfruttamento”. Cgil e Flai sottolineano che “anche in questo caso la politica va in direzione opposta, introducendo ad esempio i voucher in agricoltura , che serviranno a coprire il lavoro nero e lo sfruttamento”. Con l’iniziativa del 3 e 4 agosto Cgil e Flai puntano ancora una volta a promuovere “i valori della solidarietà, della legalità, dell’inclusione e a spendersi per il lavoro dignitoso e un modello di accoglienza rispettoso della persona”. Il Festival si terrà a Furnari (Me) nel Lungomare Salvatore Quasimodo- Tonnarella. Sono previsti dibattiti con la partecipazione dei vertici sindacali e istituzionali regionali e iniziative di informazione. Saranno allestiti stand gastronomici delle varie etnie. Il programma ( il dettaglio in allegato) prevede alle 19.30 di venerdì 3 agosto una tavola rotonda sul tema “Lavoro e legalità per lo sviluppo sostenibile” e l’intervento conclusivo della segretaria generale nazionale Flai , Ivana Galli. Sabato 4 agosto alle 19.30 si parlerà di “Immigrazione, diritti e tutela per una società inclusiva” in un tavola rotonda alla quale parteciperanno anche esperti, giornalisti, esponenti della chiesa e i presidenti dell’Anci Sicilia e della Regione, Leoluca Orlando e Nello Musumeci. “Come sempre- sostengono Pagliaro e Mannino- intendiamo promuovere attraverso iniziative concrete valori che riteniamo fondamentali per uno sviluppo sostenibile e per una crescita civile e culturale della nostra terra. E questo è oggi tanto più importante, vista un’azione politica nazionale che non esita a soffiare sul fuoco dell’intolleranza e dell’odio razziale”.

Visite: 159

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI