Mancanza Fondi operai foestali 78ttisti, cresce l’amarezza

Mancanza di fondi……Cresce l’amarezza per i forestali 78sti !

 

Puntualmente ogni anno si ripresenta  l’allerta per i lavoratori cosiddetti “fuorifascia” o 78sti, in quanto ad oggi visto tutto l’iter procedurale e le situazione in corso, migliaia di lavoratori che sono inclusi in tale fascia occupazionale, rimangono in attesa del futuro lavorativo. Come sempre rimane incerto tra gli operai stessi e/o tra sindacati -Regioni il fatto, di avere diritto come i colleghi di fascia superiore, la garanzia o meno sulle giornate di legge, ma possiamo dire che essendo gli ultimi come ordine di graduatoria,avrebbero diritto come tutti gli altri  a espletare le giornate che gli competono. 

Lo scorso anno, i lavoratori hanno passato sulle proprie spalle la penalizzazione di non completare le giornate di fascia e questo ha portato vari problemi a tante famiglie che non hanno avuto i benefici che competono con la perdita anche di 10 giornate circa, così come è avvenuto. Oggi, dopo gli incontri che i sindacati hanno avuto con i vertici dell’azienda le notizie non sono migliori rispetto allo scorso anno, visto che la risposta è stata chiara e netta da parte della Dott. Di Trapani, responsabile dell’Azienda di Palermo. Fondi,fondi e ancora fondi….. quelli che mancano se Roma non decide di mettere una volta per sempre fine alla parola di finanziare una parte dei 500 milioni promessi e ancora non mandati, nonostante la parte politica siciliana del PD continua a dare per cosa certa, quindi “rimandati” a Settembre sempre in attesa……

Purtroppo queste parole non bastano ai lavoratori che sono increduli e nauseati ad oggi, visto che si ripete sempre la stessa cantilena e la stessa parodia. La voce dell’Azienda è quella di solo 20 milioni a disposizione attualmente per pagare gli stipendi attuali per i lavoratori in forza e di altri 60 in arrivo per finanziare progetti europei. Quindi rimane la preoccupazione dei 78sti che vedono sempre più buia la situazione e, che si sono fatti sentire presso i sindacati che rimangono ancora in attesa di capire bene l’evolversi della situazione. La forte preoccupazione che possa ripetersi il problema dello scorso anno con il perdurare sull’incertezza dei fondi e sull’inizio lavorativo è vivo e vegeto e, il fatto stesso di non arrivare a conclusione di giornate entro il 31 dicembre  rimane ancora in bilico, con situazione che deve essere monitorata ed eventualmente reagire prontamente anche se la situazione dovrebbe peggiorare anche in mancanza di fondi o di tagli che come sempre sono sempre dietro la porta…….

 

Antonio David – Forestalinews

Visite: 513

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI