MALTEMPO – NELLE AREE INTERNE UNA VERA ECATOMBE LA COLDIRETTI DI ENNA E CALTANISSETTA CHIEDE LO STATO DI STATO DI CALAMITÀ NATURALE

MALTEMPO – NELLE AREE INTERNE UNA VERA ECATOMBE
LA COLDIRETTI DI ENNA E CALTANISSETTA CHIEDE LO STATO DI STATO DI CALAMITÀ NATURALE+++

Nelle provincie di Caltanissetta e di Enna è iniziata la conta dei danni causati dalle piogge dei giorni scorsi: distrutte strade poderali, interpoderali e comunali, terreni che hanno cambiato conformazione a causa di ampi fronti di smottamento, raccolti cancellati, corsi d’acqua ingrossati e fuoriusciti dal proprio alveo. È questo il risultato della prima analisi della Coldiretti che con i propri tecnici sta monitorando il territorio ma ormai sono chiari i segni che queste piogge stanno rendendo non commercializzabile il grano. Perdita di colore e muffe sono l’evidente primo risultato delle avversità atmosferiche. Alla crisi di mercato si è così aggiunta la calamità.
Nell’area del Vallone, colpiti interi territori comunali, da Mussomeli, Milena, Vallelunga e Villalba. Gravemente disastrate le aree di San Cataldo e quella di Caltanissetta. Ma poche sono le zone indenni. I funzionari della Coldiretti stanno effettuando sopralluoghi per comprendere l’ammontare delle perdite.
Anche in provincia di Enna diffusi danneggiamenti nelle aree del capoluogo e dei comuni vicini. Ma la conta è solo all’inizio. Oltre quelli diretti alle coltivazioni, sono andati distrutti interi pezzi di manti stradali per cui se non verranno ripristinati rapidamente – afferma la Coldiretti – gli imprenditori non potranno accedere ai propri fondi per salvare il salvabile. Colpite anche alcune produzioni frutticole, con notevole cascola derivante dalla forte pioggia e dai venti.
È un’annata che non fa presagire nulla di positivo non solo per il maltempo ma anche per i prezzi alla produzione che rimangono bassi. Il grano, in fase di trebbiatura, in molti areali ha perso le qualità minime per essere commercializzato. In tutto il territorio le scene sono desolanti: distese di grano duro piegate dalla forza dell’acqua. I danni sono evidenti e avranno ripercussioni notevoli sulla economia agricola e non solo. Per questo – conclude la Coldiretti di Enna e Caltanissetta – abbiamo chiesto agli enti preposti il riconoscimento dello stato di calamità, invitando tutte le aziende agricole colpite a far pervenire agli uffici le segnalazioni dei danni riportati.

Visite: 232

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI