M5S, Bandi di riqualificazione per i Comuni senza Linee Guida

Roma 29 giugno 2015– “Bando per progetti di riqualificazione dei comuni italiani emanato senza decreti attuativi. A 24 ore dalla scadenza comuni nel caos e rischio di rigetto per migliaia di domande”. A sollevare il caso, accogliendo le istanze di migliaia di comuni italiani è la parlamentare M5S Azzurra Cancelleri, prima firmataria insieme ai colleghi Villarosa e De Lorenzis di una interrogazione presentata il 19 giugno scorso, in cui si chiede al presidente del Consiglio Matteo Renzi ed al ministero dei trasporti ed infrastrutture di prorogare i termini per la consegna di progetti di riqualificazione da parte dei comuni, perché stilati sulla base di un bando incompleto e senza linee guida.  Nello specifico il comma 431 dell’articolo 1 della legge di stabilità 2015 prevede la possibilità per i comuni di elaborare progetti di riqualificazione da presentare entro il 30 giugno 2015 secondo le modalità e la procedura stabilite con apposito bando, bando che di fatto non è mai stato emanato, così come i relativi decreti attuativi. “Una iniziativa di fatto lodevole da parte del governo – spiega la parlamentare nissena Azzurra Cancelleri – se non fosse però che ha gettato nel caos i comuni che oggiAggiungi un appuntamento per oggi, rischiano di aver perso tempo e denaro per la progettazione di interventi che verranno certamente rigettati per insufficienza di documentazione o altri requisiti di fatto non specificati perché senza decreti attuativi. I progetti per i quali è già previsto un apposito budget – sottolinea ancora la deputata M5S – sono volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale; al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale, anche mediante interventi di ristrutturazione edilizia, con particolare riferimento allo sviluppo dei servizi sociali ed educativi e alla promozione delle attività culturali, didattiche e sportive. Morale – continua Cancelleri – ad oggiAggiungi un appuntamento per oggi nessun decreto è stato emanato, di conseguenza i comuni nei loro bandi per i progetti di riqualificazione non hanno potuto specificare i criteri per la presentazione degli stessi, e a loro volta i comuni non sanno che tipo di documentazione devono allegare per la consegna prevista il 30 giugno”. Per queste ragioni i portavoce M5S alla Camera dei Deputati chiedono “se il Governo intenda assumere iniziative per emanare al più presto il bando citato al comma 431 dell’articolo 1 della legge di stabilità 2015, concedendo una proroga di 3 mesi per la presentazione dei progetti da parte dei comuni per evitare che quelli presentati vengano esclusi per mancanza di documenti in quanto è compito del citato bando dovere specificare modalità, requisiti e documentazione necessaria”.

Visite: 625

Condividi questo Articolo

GUARINO-ASSICURAZIONI